Connect with us

Per Lei Combattiamo

Lega, Lotito nervoso: elezioni rimandate

Published

on

 


E’ durata meno di tre ore la quinta puntata dell’assemblea elettiva della Lega Serie A, che ha nuovamente sospeso i lavori rinviandoli al 13 aprile (il 18 scade l’ultimatum della Figc). Dopo la frattura della settimana scorsa, non c’è ancora accordo fra big e società medio-piccole sulla riforma dello statuto (la futura governance è il nodo affrontato), questione che i club vogliono risolvere prima di passare al rinnovo delle cariche. L’unica decisione l’approvazione all’unanimità delle linee guida per la vendita dei diritti tv triennio 2018-2021 che ora torneranno alle Autorità per l’approvazione definitiva (entro l’estate la Lega spera di presentare il nuovo bando d’asta).

E Lotito? E’ apparso molto nervoso, oggi: non si riesce a votare, la possibilità di essere riconfermato consigliere federale si allontana. Molti club non lo vogliono più. Che farà adesso? Si ributta sulla Lega di B? E il presidente? Ancora tutto in alto mare. Impossibile fare ipotesi. Pare che Adriano Galliani ci avrebbe ripensato: si sarebbe candidato ma Berlusconi l’avrebbe convinto a lasciare perdere. La Juve si è dichiarata favorevole a Galliani, già n.1 della lega di A e B, ma altre società non lo avrebbero votato. A presiedere l’assemblea, oggi, è stato Ezio Maria Simonelli, presidente del collegio dei revisori, che ha assunto il ruolo di reggente dopo la decadenza degli organi della Lega (presidente, vicepresidente e consiglio di Lega), votata due giorni fa dal consiglio federale della Figc. Presenti tutti i club tranne il Crotone, assente già a Fiumicino in occasione della terza votazione della Figc: questi sono i dirigenti di serie A, solo il commissario Malagò, che non ha vincoli, potrebbe rimettere ordine (vedi Spy Calcio del 28 marzo).

Repubblica.it

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Tempo | I conti di Lotito tornano: perdita ridotta

Published

on

 


Stando al bilancio chiuso al 30 giugno 2022, si può notare come la Lazio sia una delle squadre più in salute del campionato italiano e non solo dal punto di vista dei risultati sportivi. I conti sono in rosso, ma il trend è positivo perché in negativo ci sono 17,42 milioni di euro, ma sono 7 in meno rispetto all’anno scorso.

Come sottolinea l’edizione odierna de Il Tempo, i soldi spesi sono stati ben 35,74 milioni, tutti nell’ultima campagna acquisti. Dalle 11 cessioni, invece, sono stati ricavati 14,22 milioni, andando poi a risparmiare 10,88 milioni sugli ingaggi. Anche i giocatori andati in prestito alleggeriscono il carico ingaggi, per la precisione si sono risparmiati 9,46 milioni. Il fatturato, però, si abbassa: da 164,74 dello scorso anno ai 135,25 di ora; ad incidere sono gli introiti derivati dalla Champions League. Le plusvalenze ammontano a 24,8 milioni e i diritti televisivi ne hanno fatti incassare 85,6. Infine, gli abbonamenti hanno portato altri 10,5 milioni di euro.

Foto Fraioli

Proprio ieri si è chiusa l’ultima fase della campagna abbonamenti, portando gli abbonati a 26.193. A Formello, nel frattempo, Sarri continua a lavorare senza gli otto nazionali: arrivano notizie incoraggianti da Patric, ma non da Casale. L’ex difensore del Verona ha accusato un fastidio all’adduttore e oggi dovrebbe sottoporsi ad accertamenti. Ancora assente Lazzari.

foto Fraioli


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW