Connect with us

Per Lei Combattiamo

Il Tempo | Derby degli stadi: si decide per Tor di Valle, Lotito diviso tra Tiberina e Flaminio

Published

on

 


Questa sera l’Olimpico sarà pieno come non capitava da moltissimo tempo. E questo stadio occorrerà «tenerselo buono» per almeno altri tre o forse quattro anni (se va bene). Prima di quella data, infatti, il nuovo impianto giallorosso a Tor di Valle non sarà aperto mentre per il futuro stadio della Lazio siamo ancora più indietro. Domani andrà in scena l’ultimo atto della Conferenza di Servizi in Regione, aperta sul progetto che la Roma ha presentato, basandolo sulla delibera Marino. Ma quel primo accordo tra la Pallotta e il Campidoglio è stato mandato in soffitta dall’intesa Raggi-Roma del 24 febbraio scorso e il progetto è stato bocciato un po’ su tutta la linea per una serie di problematiche: dalla variante urbanistica mancante, alla Valutazione di impatto ambientale negativa, ai diversi pareri unici del Comune e della Città Metropolitana contrari.

Domani, quindi, se tutte le indiscrezioni del giorno prima fossero confermate, dovremmo assistere alla presentazione di una nuova richiesta di interruzione dei lavori della Conferenza da parte della Roma. Il Comune potrebbe «appoggiare» l’istanza della società giallorossa, portando il testo della nuova delibera di indirizzo approvata il 30 marzo scorso come «prova» di buona fede e impegno politico. C’è da capire cosa farà la Regione: la cosa più sensata – e verso la quale spingono i funzionari di via della Pisana – sarebbe quella di chiudere questa Conferenza e aprirne una nuova quando il Consiglio comunale approverà la nuova delibera e il conseguente aggiornato. Ma vi è anche una seconda possibilità: la concessione di 90 giorni (minimi) di interruzione, accogliendo la richiesta giallorossa, ufficialmente per «esaminare» il testo del Campidoglio, in realtà per consentire al Comune di avere la vera delibera approvata in Consiglio.

Un’ipotesi, questa, caldeggiata politicamente per non far passare l’Amministrazione Zingaretti come contraria al progetto ma che, allo stesso tempo, rischierebbe di esporre tutto l’ itera un annullamento da parte del Tar in caso di ricorsi. Sul fronte Lazio, poi, siamo in alto mare. Il presidente biancoceleste, Claudio Lotito, non ha mai fatto mistero di essere ancora fermo sull’idea di realizzare il futuro impianto sui suoi terreni della Tiberina, essendo convinto quanto consentito alla Roma per superare il vincolo idrogeologico e le cubature concesse in compensazione debbano essere date anche a lui. Dall’altro lato, in Campidoglio, c’è lo «spettro» dello Stadio Flaminio: un po’ l’Amministrazione 5Stelle vorrebbe mettere a segno un bel colpo, rimettendo in funzione l’impianto, un po’ c’è la mozione degli affetti di una fetta dei tifosi laziali che vedrebbe volentieri nel Flaminio la futura casa biancazzurra. Tuttavia, come lo stesso Lotito ha più volte detto – anche per ammissione di Daniele Frongia, assessore allo Sport della Raggi – da parte della Lazio non c’è interesse per il Flaminio: troppi problemi da risolvere e poca possibilità di reddito. In mezzo, in queste ultime settimane si sarebbero moltiplicati gli imprenditori che provano a «piazzare» loro terreni presso la Lazio: una possibile alternativa sia alla Tiberina che al Flaminio.

Il Tempo – Fernando M. Magliaro

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Partita della Pace, le parole di Lotito e Immobile alla conferenza di presentazione

Published

on

 


Quest’oggi si è tenuta la conferenza di presentazione della Partita della Pace, iniziativa alla quale prenderà parte la Lazio con il suo bomber Ciro Immobile. L’attaccante sarà infatti capitano, insieme a Ronaldinho, di una della sue squadre che si affronteranno il 14 novembre. Alla conferenza, sono intervenuti sia Immobile che il Presidente della Lazio Claudio Lotito.

Queste le loro parole, raccolte da a Radiosei:

Lotito: “Ho accolto con favore questa iniziativa. Quando sono entrato nel mondo del calcio anche perché questo sport, con questo forte impatto mediatico, può educare e moralizzare. Viviamo un momento difficile, l’appello di pace del papa deve essere recepito da chi vive con i valori dello sport. Questa è una guerra nata per interessi geopolitici quindi queste iniziative servono peer sensibilizzare in tal senso. I valori che cerco di trasmettere al mio club e che cerco di tramandare nell’istruzione sportiva, perché al di la dei risultati del campo, dove siamo avversari e non dividere, sono trasportabili con questo sport perché insieme possiamo unire, esaltare il valore, il merito. Maradona anni fa mi ha chiesto di entrare a Formello proprio perché la Lazio incarna questi valori. Ed è stato contento di vedere l’accoglienza che gli abbiamo riservato. Il calcio non rappresenta i valori economici, ma i valori umani. lo dico sempre ai miei calciatori che devono scendere in campo con il rispetto degli avversari. Il valore di questo evento è proprio questo. Trasmettere tale messaggio ai giovani. Viva la pace”.

Ciro Immobile: “Sono felice che papa Francesco abbia scelto il calcio per mandare un messaggio così importante e sono orgoglioso di essere il capitano di una squadra. Sono contento perché giocheremo nel ricordo di Maradona che è stato capitano e rappresentante di questo evento in passato. Diego ha ispirato tanti di noi e continuerà a farlo”. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW