Connect with us

Per Lei Combattiamo

CorSera | Cori, bandiere e tifosi. Via le barriere: è la rivincita delle curve

Published

on

 


E d’improvviso, il derby torna normale. Con i tifosi in curva, con le bandiere al vento, con la gente che canta. Come se quasi due anni di guerra fredda alle istituzioni — giù le barriere oppure non torneremo all’Olimpico — non ci fossero mai stati: i 2 metri e 4o centimetri di plexiglass che dividevano a metà la Sud e la Nord sono stati abbattuti, il popolo della Roma e quello della Lazio rianimano lo stadio. Hanno vinto loro? Chissà se è giusto leggerla così. Di sicuro ora se la godono. La Curva Sud, la più dura nella protesta ormai dal 2015, è pressoché piena già un’ora prima. Come se i tifosi della Roma si dovessero riprendere il tempo perduto, come se avessero risparmiato energie e fiato per gridare in questa sera che è speciale perché di fronte c’è la Lazio, perché c’è da compiere un’impresa complicatissima, perché finalmente si torna allo stadio. Hanno anche marciato, in 400, per avvicinarsi all’Olimpico, un corteo pacifico che è un segnale: sì, stavolta ci siamo. E pazienza se le curve sono ancora separate, per loro l’importante è che non ci siano più le odiate barriere: la fila di steward che le ha sostituite è tutt’altra faccenda.

I laziali, che sono ospiti, entrano in curva più tardi, ma il risultato è lo stesso: anche la Nord è piena, del resto già da qualche tempo gli ultrà hanno ricominciato a frequentarla. E in effetti si ha la sensazione che per quattro derby — due nella scorsa stagione, due in questa — ci siamo persi qualcosa di bello quando sventolano centinaia di grandi bandiere giallorosse e migliaia di piccole bandiere biancocelesti. Bentornato, derby. Dzeko, che è alla seconda stagione romana, si guarda attorno stupefatto: una curva così l’aveva conosciuta solo nei racconti dei compagni. Semmai viene il sospetto che, fino a questa serata, la gente della Sud si fosse trasferita in tribuna Tevere, che adesso è una terra di mezzo popolata da una manciata di tifosi. È per quei vuoti che gli spettatori arrivano solo a 43 mila: tanti, comunque, rispetto al deserto del recentissimo passato. Il gol di Milinkovic-Savic, e poi quello di El Shaarawy, accendono gli animi in campo, non in curva: là si continua a cantare. E invece la tribuna Monte Mario, quella dei vip, a scaldarsi un po’ troppo, e gli steward devono adoperarsi per sedare piccoli focolai di tafferugli. Alla fine, i laziali, ma anche i romanisti eliminati, vanno ad applaudire i tifosi. Doveva essere il grande giorno delle curve e, almeno dentro l’Olimpico, così è stato.

Corriere della Sera – Stefano Agresti

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero| Immobile ci prova ancora

Published

on

 


foto Fraioli

Immobile sta bene, ha voglia di giocare, ma il mondo Lazio è in ansia. Si aspettano solo gli esami che possono evidenziare la presenza o meno di una lesione. Lui avrebbe giocato anche contro l’Inghilterra, ma non si possono prendere dei rischi prima di un tour de force come quello che aspetterà le squadre di Serie A e non solo fino alla lunga sosta dei Mondiali.

 

foto Fraioli

Casale rischia, inoltre, 20 giorni di stop a causa dell’infortunio che lo ha costretto a uscire al 57esimo contro la Cremonese. Il difensore, che era stato motivo di lite tra Tare e Sarri a gennaio, è arrivato per 7 milioni più bonus a luglio rimanendo però uno degli acquisti meno utilizzati. Insieme a lui anche Maximiano: l’estremo difensore pagato più di 10 milioni si è bruciato dopo soli 6 minuti alla prima giornata contro il Bologna. Lui si allena a Formello in questi giorni, ce la sta mettendo tutta per riscattarsi ma si vocifera di un suo trasferimento in prestito già da gennaio.

Il Messaggero

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW