Connect with us

Per Lei Combattiamo

Mauri: “Finale di Coppa Italia meritata. Il mio futuro? Voglio tornare alla Lazio, è casa mia”

chiaraluce_paola@libero.it'

Published

on

 


E’ intervenuto in esclusiva in diretta alla trasmissione “9 gennaio 1900” l’ex capitano della Lazio Stefano Mauri, ora in forza al Brescia. Con lui si è parlato di Coppa Italia, Lazio, Napoli e Serie B.

Sensazioni per il doppio derby a distanza? “È sembrato un dejavu. Il risultato è lo stesso e la Lazio ha passato il turno meritatamente. Ha ragionato sui 180 minuti, grandi prestazioni. Ho sentito i ragazzi, erano entusiasti già prima del derby e lo sono molto di più ora. E’ stato molto bravo Simone Inzaghi nel preparare la partita e a lavorare sui punti deboli della Roma. Non sono potuto essere presente al derby di ritorno perchè abbiamo giocato un turno infrasettimanale, ma spero di venire a vedere la finale contro la Juventus“.

Sui meriti di quest’annata della Lazio: “I meriti sono da dividere tra tutti: la stagione sta procedendo bene dall’inizio, e la squadra sta rispondendo bene sia in campionato che in Coppa Italia. E’ tranquilla di mente ed Inzaghi è riuscito a mettere bene in campo tatticamente la squadra che ha a sua volta risposto alla grande alle indicazioni del mister“.

Sul suo passato: “A seconda delle partite giocavo in ruoli diversi, anche a seconda dei punti deboli degli avversari: giocavo sulla tre quarti oppure da centrocampo con inserimenti per gli attaccanti“.

Su Milinkovic-Savic:E’ migliorato tanto: faceva fatica a giocare spalle alla porta, giocando qualche metro indietro e fronte alla porta con i suoi tempi di inserimento sta giocando meglio. Penso che sia difficile trovare un giocatore simile: ha tanta mobilità unita a tanta forma fisica. E’ molto completo, molto forte nel gioco aereo e nei tiri da fuori. E’ migliorato tanto e penso possa ancora migliorare. Lui e Parolo rendono imprevedibile la squadra“.

Chi vede simile a lui nella Lazio? “Non trovo giocatori simile a me. Parolo e Milinkovic hanno caratteristiche che si avvicinano alle mie, ma sono giocatori diversi“.

Sul modulo migliore per la Lazio: “Difesa a tre con Biglia davanti: con questo modulo hanno più equilibrio restando pericolosi davanti, visto che non devono andare troppo indietro. La Lazio con questo modulo ha sempre sofferto poco nelle ultime occasioni”.

Sulla serie B: “La serie B è completamente diversa dalla serie A. Gioco fisico con lanci lunghi, molto spezzettato e con molti tempi morti. Bisogna sapersi adattare e non è semplice. Ci sono parecchi giovani con ottime qualità, ma che devono crescere anche tanto”.

Sul futuro: “Spero di ritornare alla Lazio: quella è casa mia. Nelle prossime settimane cercherò di capire cosa fare e contatterò il Presidente per sapere se c’è modo di tornare a casa mia. Ci siamo sentiti qualche tempo fa, ma non abbiamo parlato di futuro. Spero di poterlo incontrare a breve e farci due chiacchiere”.

Su Lazio-Napoli e sulla Champions League: “Il Napoli è molto forte e completo, lo ha dimostrato anche contro la Juve. Può subire qualcosa nelle ripartenze e la Lazio con le caratteristiche degli attaccanti e con gli inserimenti dei centrocampisti può fargli male. Per quanto riguarda il discorso Champions, il mister e la squadra lo sanno benissimo: devono lavorare partita dopo partita, a partire dal Napoli. E poi si vedrà. Domenica sera si giocheranno tanto entrambe“.

Su Strakosha primo portiere della prossima stagione:“Non lo so. Ha dimostrato di essere di ottimo livello. Già quando c’ero io si vedevano le ottime qualità, ed è migliorato tantissimo. Quest’anno è stato bravissimo a farsi trovare pronto: bisognerà chiedere al mister e alla società se vogliono puntare su di lui come primo portiere. Indubbiamente sta facendo bene”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero| Immobile ci prova ancora

Published

on

 


foto Fraioli

Immobile sta bene, ha voglia di giocare, ma il mondo Lazio è in ansia. Si aspettano solo gli esami che possono evidenziare la presenza o meno di una lesione. Lui avrebbe giocato anche contro l’Inghilterra, ma non si possono prendere dei rischi prima di un tour de force come quello che aspetterà le squadre di Serie A e non solo fino alla lunga sosta dei Mondiali.

 

foto Fraioli

Casale rischia, inoltre, 20 giorni di stop a causa dell’infortunio che lo ha costretto a uscire al 57esimo contro la Cremonese. Il difensore, che era stato motivo di lite tra Tare e Sarri a gennaio, è arrivato per 7 milioni più bonus a luglio rimanendo però uno degli acquisti meno utilizzati. Insieme a lui anche Maximiano: l’estremo difensore pagato più di 10 milioni si è bruciato dopo soli 6 minuti alla prima giornata contro il Bologna. Lui si allena a Formello in questi giorni, ce la sta mettendo tutta per riscattarsi ma si vocifera di un suo trasferimento in prestito già da gennaio.

Il Messaggero

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW