Connect with us

Per Lei Combattiamo

PAGELLE – Keita e Biglia sublimi, Wallace e Bastos alzano il muro. Capolavoro Inzaghi

Published

on

 


Strakosha 9 – La Roma parte forte e nei primi dieci minuti è reattivo prima su Dzeko e poi su Salah. Capisce il rigore di De Rossi ma non riesce ad arrivare sul pallone. Ad inizio ripresa si ripete sull’attaccante bosniaco mantenendo il provvisorio pareggio.

Bastos 9 – Maiuscola la prestazione dell’angolano che non permette a nessuna maglia giallorossa di passarlo. E’ impressionante la concentrazione che mette in campo annullando prima El Shaarawy e poi Perotti

De Vrij 8,5 – Dzeko gli sfugge due volte e deve ringraziare Strakosha, per il resto cancella il bosniaco dal campo. Comanda la difesa con il suo carisma, attento nelle chiusure per evitare errori come visto in Coppa Italia. Costretto al cambio per un fastidio al solito maledetto ginocchio.

Dal 74′ Hoedt 8 – Entra con la Roma che prova a pareggiare ma a segnare è la Lazio. Si prende un giallo per stendere Salah lanciato verso la porta.

Wallace 9 – Primo tempo in cui è perfetto spazzando ogni pallone senza pensarci troppo. Salva di testa su Salah che doveva solo battere a rete. A rovinare la sua partita interviene Orsato fischiandogli un rigore che inventato è a dir poco.

Basta 9 – Prima rete in Serie A con la maglia biancoceleste con un tiro dal limite deviato da Fazio che vale oro. Non poteva festeggiare in miglior modo.

Parolo 8,5 – Ci prova con un rasoterra dal limite su cui Szczesny si allunga e devia in angolo. Corre su e giù per il campo facendosi trovare sempre nel posto giusto sia quando tocca difendere che quando deve attaccare.

Biglia 9 – CAPITANO. Se avesse segnato sarebbe stata la giornata perfetta. Sradica palloni a chiunque con una forza impressionante e fa ripartire l’azione con intelligenza tattica degna dei migliori registi.

Milinkovic 9 – Da solo si porta a spasso tutta la Roma, peccato si giochi in undici perchè voleva caricare pure la panchina giallorossa. Ridicolizza chiunque gli passi davanti. Strootman avrà a lungo mal di testa.

Lukaku 8 – Si procura un rigore anticipando Fazio che lo stende ma Orsato non vede e lascia giocare. Spinge per un tempo come un forsennato ma poi si arrende ad un fastidio muscolare.

 Dal 43′ Felipe Anderson 7 – Di buono fa solo il lancio per Lulic che porterà al terzo gol biancoceleste. Da lui si pretende di più.

Lulic 9 – La sua posizione è un mistero: attaccante, centrocampista o esterno gioca praticamente ovunque. Fa tutto bene e serve a Keita la palla dell’1-3 che chiude la partita.

 Keita 9,5 – Derby da indemoniato per il senegalese che da attaccante centrale trova la doppietta che stende la Roma. Poteva essere anche più largo il suo score. What else?

Dall’87 Djordjevic 8 – Entra a partita finale e fa espellere Rudiger. Più che sufficiente.

All.: Inzaghi 10 – CAPOLAVORO. Immobile alza bandiera bianca nel riscaldamento e inserisce Lukaku ridisegnando la squadra. Annichilisce tatticamente Spalletti stravincendo e strameritando il derby.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Partita della Pace, le parole di Lotito e Immobile alla conferenza di presentazione

Published

on

 


Quest’oggi si è tenuta la conferenza di presentazione della Partita della Pace, iniziativa alla quale prenderà parte la Lazio con il suo bomber Ciro Immobile. L’attaccante sarà infatti capitano, insieme a Ronaldinho, di una della sue squadre che si affronteranno il 14 novembre. Alla conferenza, sono intervenuti sia Immobile che il Presidente della Lazio Claudio Lotito.

Queste le loro parole, raccolte da a Radiosei:

Lotito: “Ho accolto con favore questa iniziativa. Quando sono entrato nel mondo del calcio anche perché questo sport, con questo forte impatto mediatico, può educare e moralizzare. Viviamo un momento difficile, l’appello di pace del papa deve essere recepito da chi vive con i valori dello sport. Questa è una guerra nata per interessi geopolitici quindi queste iniziative servono peer sensibilizzare in tal senso. I valori che cerco di trasmettere al mio club e che cerco di tramandare nell’istruzione sportiva, perché al di la dei risultati del campo, dove siamo avversari e non dividere, sono trasportabili con questo sport perché insieme possiamo unire, esaltare il valore, il merito. Maradona anni fa mi ha chiesto di entrare a Formello proprio perché la Lazio incarna questi valori. Ed è stato contento di vedere l’accoglienza che gli abbiamo riservato. Il calcio non rappresenta i valori economici, ma i valori umani. lo dico sempre ai miei calciatori che devono scendere in campo con il rispetto degli avversari. Il valore di questo evento è proprio questo. Trasmettere tale messaggio ai giovani. Viva la pace”.

Ciro Immobile: “Sono felice che papa Francesco abbia scelto il calcio per mandare un messaggio così importante e sono orgoglioso di essere il capitano di una squadra. Sono contento perché giocheremo nel ricordo di Maradona che è stato capitano e rappresentante di questo evento in passato. Diego ha ispirato tanti di noi e continuerà a farlo”. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW