Connect with us

Per Lei Combattiamo

Morrone: “Inzaghi bravo ad aver valorizzato giocatori come Lukaku. Keita? Deve restare”

enrico.delellis@libero.it'

Published

on

 


Giancarlo Morrone è intervenuto sugli 88.100 di Elle Radio nella trasmissione Laziali On Air per fare il punto sulla Lazio.

Cosa le sta trasmettendo e cosa la sta impressionando di più di questa Lazio? “Questo è un momento molto felice, ci sono state soddisfazioni particolarmente importanti a partire dal derby. Simone Inzaghi ha capito bene come affrontare questa importantissima sfida ed è il principale artefice di questa supremazia sui giallorossi vista nelle tre partite recentemente disputata. Spalletti non è riuscito a trovare le giuste contromisure, la Lazio sta regalando grandi soddisfazioni ai tifosi. Il merito maggiore è l’aver saputo valorizzare giocatori come Keita, Lukaku, Felipe Anderson ed aver portato ai massimi livelli Biglia e Milinkovic-Savic.”

I risultati di Simone Inzaghi sono anche frutto dell’esperienza maturata nel settore giovanile biancazzurro? “Sicuramente sì, questa esperienza gli ha facilitato il compito, ma contano molto anche le capacità personale. Se non si è preparati mentalmente l’ambiente non regala nulla: Inzaghi sta dimostrando di essere nato per fare l’allenatore. E’ estremamente meticoloso, sa studiare al meglio tutte le situazioni e i frutti di questo lavoro sono evidenti.”

L’attacco della Lazio sta raggiungendo grandi numeri. Qual è il segreto di Inzaghi e del suo staff per arrivare a certi livelli? “Non conosco nello specifico le metodologie dello staff di Inzaghi, ma i collaboratori del tecnico della Lazio sono assolutamente di primo livello. Ha saputo creare un gruppo che sa aiutarsi l’uno con l’altro, non ci sono divergenti e se c’è da tirare un rigore ognuno pensa a privilegiare il compagno. I numeri dell’attacco sono il simbolo di come la squadra stia girando alla perfezione in tutti i reparti.”

Keita va trattenuto a tutto i costi? “Sicuramente se la Lazio riuscisse a farlo restare a Roma sarebbe importantissimo, anche se ho letto che lui ha parlato di anni meravigliosi passati alla Lazio, come se fosse già sul piede di partenza. Ha la capacità di spaccare le partite, è un giocatore che sicuramente restando farebbe il bene della Lazio.”

Su Biglia: “Da argentino penso di lui tutto il bene possibile, è un giocatore che non deve dimostrare niente, titolare inamovibile nella Nazionale argentina. A volte è stato frenato dagli infortuni ma quando è al 100% è un giocatore assolutamente fondamentale per la Lazio.”

Come dovrà affrontare la Lazio la partita di Firenze, alla luce della finale di Coppa Italia che potrebbe essere imminente? “La Lazio deve fare la sua partita, può essere una partita utile per allenarsi, c’è tempo per recuperare mercoledì ed arrivare al massimo creando ulteriore entusiasmo. La Lazio ha la qualità per andare a vincere a Firenze ed arrivare al massimo nel caso in cui la sfida contro la Juventus ci fosse mercoledì 17.”

Come va affrontata la Fiorentina? “E’ una squadra un po’ strana, che va a giornate. Se è in vena può mettere in difficoltà qualunque avversario soprattutto grazie al suo attacco. E’ un squadra che gioca un bel calcio ma se non è ispirata a volte è abulica. Sicuramente ha ancora la motivazione europea da rincorrere, e dopo le contestazioni ricevuta nelle partite in casa non mancherà di certo l’impegno da parte dei viola. La Lazio giocherà però tranquillamente, senza assilli di classifica e può fare sua la partita.”

Contro la Juventus in finale, difesa a tre o a quattro? “Non credo che Inzaghi prenderà contromisure particolari. Affrontare la Juventus è sempre un impegno durissimo, ma i bianconeri verranno da un bel tour de force, dopo aver affrontato il Monaco e la Roma. Una finale va vinta ad ogni costo e i calcoli servono a poco, secondo me Inzaghi giocherà come ha affrontato la Roma, sia in Coppa sia in campionato.”

Chi la spunterà in campionato nella lotta per il secondo posto? “Molto dipenderà da domenica prossima, sicuramente il Napoli a mio avviso gioca il miglior calcio d’Italia e meriterebbe il secondo posto, se la Roma non dovesse battere la Juventus la chance per la squadra di Sarri sarebbe davvero grande.” 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Europa League

Sturm Graz-Lazio, i convocati di Sarri per la gara di Europa League

Published

on

 


Sul proprio sito web ufficiale, la Lazio ha comunicato la lista di convocati scelti da Sarri per la sfida delle 18:45 di Europa League:

Portieri: Magro, Maximiano, Provedel;

Difensori: Gila, Hysaj, Lazzari, Marusic, Patric, Radu, Romagnoli;

Centrocampisti: Basic, Cataldi, Luis Alberto, Marcos Antonio, Milinkovic, Vecino;

Attaccanti: Cancellieri, Felipe Anderson, Immobile, Pedro, Romero, Zaccagni

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW