Connect with us

Per Lei Combattiamo

“Sono le 18.04 del 14 maggio del 2000: la Lazio è Campione d’Italia”

chiaraluce_paola@libero.it'

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Era il 14 maggio del 2000 e nella Penisola c’era un gran caldo. Qualche nuvola copriva i cieli umbri, ma nulla di più. Sui manti erbosi degli stadi di calcio si sta per disputare l’ultima giornata di campionato. E’ l’ultimo torneo del 1900 o il primo del terzo millennio? Non importa: quel che è certo è che la Lazio ha da poco compiuto cent’anni di storia e si sta giocando lo scudetto con la Juventus.

È una Lazio di campioni: da Mancini a Mihajlovic, da Nesta a Simeone, da Nedved a Veron a Salas. E da Simone Inzaghi, diciassette anni dopo e sotto un’altra veste ancora condottiero di una Lazio dall’eroiche imprese. Su quei campioni aleggia ancora lo spettro dello scudetto 1998/99, che con qualche indubbio passo falso e alcuni arbitraggi discutibili era stato consegnato al Milan di Alberto Zaccheroni all’ultimo minuto dell’ultima giornata di campionato. Ma a fine marzo 2000 succede qualcosa. Protagonista sempre il Milan, che batte la Juventus mentre quasi in contemporanea i biancocelesti di Sven Goran Eriksson vincono un derby in rimonta. Juventus-Lazio del 1 aprile significa scontro diretto. Al Delle Alpi senza Marchegiani, Nesta, Mancini e Salas, in un minuto si riapre il campionato: bianconeri in 10 per espulsione di Ferrara e Lazio in vantaggio con Veron che riceve palla sulla tre quarti destra, e serve Simeone. L’argentino in area che di testa incrocia sul secondo palo: Van der Sar non può arrivare e la palla finisce in rete. Ora i punti di distacco fra le due squadre da 9 diventano appena 3, e mancano 6 giornate alla fine.

In due settimane tutto è cambiato. La 30° giornata, sembra poter significare chiusura dei giochi per i bianconeri: e invece no. La Juventus vince al Meazza contro l’Inter, Fiorentina e Lazio pareggiano con un rocambolesco 3-3 allo Stadio Artemio Franchi: i punti di distacco tra le due prime della classe tornano 5. Al turno successivo la Juventus vince di misura sulla Fiorentina e la Lazio, espugna Piacenza. A tre giornate dal fatidico 14 maggio 2000 tutto resta com è.

La 32^ giornata non dovrebbe presentare particolari sorprese: biancocelesti in casa contro un Venezia condannato alla retrocessione, e Juventus in trasferta a Verona. L’eroe di giornata è Fabrizio Cammarata, cresciuto fra l’altro nelle giovanili bianconere. Mentre la Lazio entra negli spogliatoi forte di un 2-0 da difendere nel secondo tempo, un boato scuote l’Olimpico: il tabellone segna “Verona-Juventus 1-0, 45′ Cammarata”. Ma c’è ancora un tempo da giocare e tutto può ancora succedere. Nella ripresa a Lazio appare molle sulle gambe e Pedone accorcia lo svantaggio per i veneti: tra i biancocelesti serpeggia malumore, quando un altro boato scuote le gradinate dello stadio. E sul tabellone è ancora “Verona-Juventus 2-0, 61′ Cammarata”. La Juventus esce sconfitta e la Lazio vincendo riduce a soli 2 punti lo svantaggio dai bianconeri. La classifica dice Juventus 68 punti, Lazio 66.

La penultima giornata scatena le polemiche più furiose. La Lazio vince a Bologna ma la Juventus batte il Parma per 1-0. Uno scandalo il rigore non concesso agli emiliani e soprattutto un gol regolare annullato agli stessi gialloblu al minuto 89’, grazie al quale la Lazio raggiungerebbe la capolista a 69 punti.

Si arriva così a domenica 14 maggio 2000. Si conclude il campionato e, come detto, su tutta l’Italia il tempo è buono. Solo sulla zona di Perugia si addensano nuvole minacciose. Vanno di scena Perugia-Juventus e Lazio-Reggina in contemporanea. La partita dei biancocelesti non ha storia: Inzaghi, Veron e Simeone siglano un netto 3-0. Intanto, un diluvio ferma la partita al Curi per oltre un’ora. La decisione è delicata ma alle 17,11, quando Lazio-Reggina è già finita, a Perugia l’arbitro Collina ordina la ripresa: Lazio e Juventus entrambe a 72 punti, e solo lo spareggio a poter assegnare lo scudetto.

Ma al 4’ della ripresa, avviene la svolta: punizione di Rapaic, Conte non respinge in area e Calori infila nell’angolino destro della rete difesa da Van der Sar. L’Olimpico trema di felicità: Lazio 72, Juventus 71. Sull’ultimo assalto bianconero, con la palla spareggio di Filippo Inzaghi che finisce di poco a lato, arriva il triplice fischio dell’arbitro Pierluigi Collina. E lo stadio di Roma urla di liberazione: “sono le 18.04 minuti e la Lazio è campione d’Italia”.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Presentazione maglie, Strenghetto (presidente Mizuno): “Ringrazio Lotito, felici di stare con la Lazio”

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Nel corso della presentazione delle maglie ufficiali, il presidente di Mizuno Italia Oliver Strenghetto ha parlato ai microfoni di Lazio Style Radio:

Ho ringraziato personalmente il presidente Lotito perché so che è una persona schietta e sincera. Siamo molto felice di essere qui e tornare nel mondo del calcio che conta attraverso la Lazio. Siamo emozionati. E’ una società nata oltre cento anni fa con una grande tradizione ed attaccamento alla maglia che possiede dei colori molto autentici. Abbiamo dovuto lavorare per rispettare la tradizione ed inserire degli elementi di innovazione nella seconda e la terza maglia. Abbiamo dovuto rispettare gli elementi contrattuali, ma i nuovi prodotti nel mercato degli articoli sportivi sono stati accolti molto positivamente da parte dei nostri clienti. Abbiamo già avuto dei riscontri positivi dalla vendite”.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW