Connect with us

Per Lei Combattiamo

La Junior TIM Cup in udienza da Papa Francesco al fianco di Lazio e Juventus

Published

on

 


Roma, 16 maggio 2017 – Oggi in Vaticano, in occasione dell’udienza concessa a Juventus e Lazio, finaliste della TIM Cup, è stata donata a Papa Francesco una maglia personalizzata con la scritta “Francesco 1 di Noi” da una delegazione della Junior TIM Cup, il torneo di calcio a 7 Under 14 promosso da Lega Serie A,TIM e Centro Sportivo Italiano.

La maglia della Junior TIM Cup è stata indossata anche dai campioni della Serie A TIM coinvolti nella V edizione del progetto. La manifestazione ha fatto tappa nelle 16 città le cui squadre militano in Serie A TIM, dove gli oratori hanno ospitato i giocatori dei Club per un pomeriggio di divertimento e gioco.

Sono stati 27 gli ambasciatori della Serie A TIM che hanno indossato la maglia della Junior TIM Cup: Alberto Pelagotti, Amadou Diawara, Andrea Costa, Andrea Seculin, Cesare Bovo, Davide Vitturini, Emerson Palmieri dos Santos, Federico Chiesa, Federico Di Francesco, Federico Marchetti, Giancarlo Antognoni, Giuseppe Pezzella, Jakub Jankto, Lorenzo De Silvestri, Luca Castellazzi, Manuel Locatelli, Marco Capuano, Marco Carraro, Mario Sampirisi, Miguel Veloso, Paolo Cannavaro, Pierluigi Gollini, Raffaele Palladino, Rolando Mandragora, Stefano Nava, Stefano Vecchi, Vasco Regini.

La Junior TIM Cup sarà nuovamente protagonista domani, allo Stadio Olimpico di Roma, con un’amichevole tra due oratori prima della Finale di TIM Cup tra Juventus e Lazio, la premiazione della squadra vincitrice di “Campioni nella vita” torneo parallelo a quello sportivo e la consegna della fascia da capitano a Marcelo Salas, Ambasciatore della Finale di TIM Cup.

Tutti gli eventi della Junior TIM Cup e le storie dei suoi protagonisti possono essere seguite sul sito www.juniortimcup.it attraverso l’hashtag #juniortimcup.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

TMW | Lazio, Milinkovic e il “giorno più importante della carriera”. Ed è tornato prima a Formello

Published

on

 


C’era un tempo, non molto lontano, in cui Milinkovic era profeta a Roma ma non in patria. Titolare inamovibile con la Lazio, idolo dei tifosi, ma alternativa (di lusso) con la Serbia. Adesso invece anche in nazionale si sono accorti che un giocatore così non solo non può stare in panchina, ma deve avere un ruolo centrale nell’ossatura della squadra. Bella scoperta, verrebbe da aggiungere. Così, ormai da un anno abbondante, non esce dal campo quando gioca la sua Serbia e nella prima partita di questa sosta contro la Svezia ha indossato anche la fascia al braccio. Per un calciatore, avere i gradi da capitano in rappresentanza del proprio paese è forse il riconoscimento massimo. “Il giorno più importante della mia carriera”, il commento del centrocampista serbo.

foto Fraioli

Anche la Lazio l’ha elogiato sui propri canali social e l’aspetta nelle prossime ore a Formello. Milinkovic infatti tornerà prima degli altri nazionali (senza considerare Immobile, già a Roma) perché era diffidato e nell’ultima partita ha preso il cartellino giallo contro la Svezia e salterà la gara contro la Norvegia. Una buona notizia per Sarri, che ha bisogno di Milinkovic nel lungo tour de force che aspetta la Lazio prima dei Mondiali. Che il Sergente giocherà con la Serbia. TuttoMercatoWeb\Riccardo Caponetti

fraioli


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW