Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA | Masuzzo: “Chinaglia mi sorrideva dopo gli assist. Maestrelli? Unico. Stasera servirà una grande Lazio”

Published

on

 


Domenico Masuzzo, centrocampista classe ’53, ha fatto parte della Lazio più bella e “romantica” di tutti i tempi: quella che ogni tifoso avrebbe voluto vivere, quella composta da una “banda” di folli che entrò nella storia del calcio e nei cuori di tutti gli appassionati di questo sport. A poche ore dalla sfida di Coppa Italia Juventus-Lazio, ripercorriamo la sua carriera fino ad arrivare al pronostico del big match di stasera. L’ex Lazio è intervenuto in esclusiva per la redazione di LazioPress.it, raccontando quello storico primo scudetto biancoceleste, conquistato dal “maestro” e dalla sua banda appunto: un gruppo di ragazzi pronti a prendere le leggi del giuoco calcio ed accantonarle, lasciando spazio al surreale.

“Come potrei non essere orgoglioso di aver fatto parte della Lazio: sono arrivato nella stagione ’70/’71, la squadra aveva appena vinto il campionato di Serie B con i vari Marchesi, Governato, Chinaglia, Wilson, Mazzola, Massa e tanti altri giocatori di enorme spessore, sia tecnico che umano. Lorenzo portò sia me che D’Amico in ritiro con la prima squadra, lui sedicenne ed io appena diciassettenne e così iniziò la nostra avventura laziale”. Fa parte della “De Martino” e si aggiudica il titolo italiano di categoria, l’ultimo prima della definitiva soppressione del torneo “Vincere questo campionato è stato molto bello ed importante per me è stato far parte delle riserve di una grande squadra che partecipava al campionato di Serie A. Quell’anno non è stato molto fortunato poichè retrocedemmo, ma da lì inizia la storia con Maestrelli  che a mano a mano diventerà l’allenatore della squadra più pazza e amata da tutti, me compreso naturalmente“. Compagni, quelli di Masuzzo, dalla forte personalità e dal carisma riconosciuto da tutti, leader del gruppo Long John: “Far parte di quel gruppo è stato bello, veramente bello. E’ mancata qualche pacca sulla spalla, ma io sapevo bene che la stima tra me ed i miei compagni era reciproca. Solo Giorgio  mi dedicava qualche sorriso in più, soprattutto se riuscivo a dargli le palle per fare gol“. Non a caso quando tornò a Roma da presidente, Chinaglia si ricordò subito del suo amico e compagno “Mimmo” che però non era più alla Lazio ed aveva già deciso di smettere di giocare. Due battute sul Maestrelli allenatore, visto che le gesta del Maestrelli-uomo non sono accostabili a nessun’altro grande personaggio del panorama calcistico “Non credo sia possibile paragonarlo neanche dal punto di vista tecnico: è stato e sarà sempre uno degli allenatori più innovativi nel mondo del calcio. Non a caso è riuscito a creare una squadra unica ed indimenticabile, che mai più si potrà rivedere o anche solo accostare lontanamente alle squadre di oggi“. Prima della finale commenta così le gesta del ‘maestro che su ce sta’ a guarda’:”Grande uomo, grande allenatore“.

Lui che con la Lazio giocò proprio in Coppa Italia, contro il Genoa, sfiorando anche il gol in quella che fu l’ultima partita in panchina di Mestrelli, parla così della sfida di stasera: “Battere la Juventus è quasi un’utopia. Solo chi ama le sfide impossibili può uscire vittorioso da questa finale“; la nostra banda attuale, quella di mister Inzaghi, ci ha abituati a dei piccoli miracoli sportivi e che sia proprio questa l’occasione per compiere un’impresa, anche solo lontanamente paragonabile a quelle ottenute dalla famosa banda Maestrelli.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lucas Leiva: “Il derby di Roma è speciale, spero vinca la Lazio. Immobile? Difficile trovargli un vice”

Published

on

 


Il giorno tanto atteso è arrivato. Oggi è il giorno del Derby. Alle 18:00, nella 13° giornata di Serie A, si affronteranno Roma e Lazio. Una partita che non ha bisogno di presentazioni, che va oltre la classifica ed il percorso fin qui svolto. La redazione di LazioPress.it, in vista della stracittadina, ha intervistato, in esclusiva, l’ex centrocampista della Lazio Lucas Leiva. Queste le sue parole sul derby, sulla squadra di Sarri e su uno dei grandi assenti di quest’oggi: Ciro Immobile.

Sei rimasti nei cuori di tutti i tifosi della Lazio. Cosa ti manca di più della Capitale e della Lazio?

“Io e la mia famiglia abbiamo passato cinque anni fenomenale a Roma. Abbiamo lasciato tanti amici. Mi manca la città ed i miei compagni, però sono contento di esser tornato nella mia squadra del cuore”.

Hai visto una crescita della Lazio in questo avvio di stagione? A quale obiettivo possono ambire i biancocelesti?

“La Lazio è cambiata tanto, con tanti giocatori nuovi, quindi hanno bisogno di tempo. La Lazio è una società che aspetta, quindi devono anche adattarsi all’ambiente. Speriamo che possano fare bene in campionato”.

Quale è il derby che hai nel cuore?

“I derby che ho vinto rimangono sempre nel cuore. Il derby di Roma sicuramente è speciale e spero tanto che la Lazio vinca un’altra volta”.

Nel tuo ruolo, Sarri ha scelto Cataldi.

“Cataldi sta crescendo tanto e sono contento perché è un ragazzo d’oro che lavora tanto e vive per la Lazio. Sarri ha voluto cambiare tanti giocatori, non vedo nessun problema.

Penso che potevo aiutare tanto ancora, però come ho detto, tornare in Brasile per aiutare la mia squadra del cuore, è stata la scelta giusta”.

Si ferma Immobile e la Lazio fa fatica a vincere. È fondamentale avere un suo vice?

“Immobile è un giocatore importante per come gioca la Lazio. E’ normale che fanno fatica a vincere senza di lui. Trovare un vice non è facile, anche perché deve accettare la panchina e sappiamo che Immobile vuole giocare tutte le partite”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW