Connect with us

Per Lei Combattiamo

Premio Maestrelli, Tare: “Ho senso di responsabilità verso la storia della Lazio. Il mio colpo? Keita”

chiaraluce_paola@libero.it'

Published

on

 


Questo il discorso di Igli Tare al momento della premiazione durante la serata del “Premio Maestrelli” andato in scena a Cassino (Fr): “Sono stato il primo direttore sportivo ad essere entrato in una società firmando un contratto da giocatore e ne sono uscito firmandone uno da dirigente. Sono stato fortunato a passare da fare il giocatore a trovarmi in questo ruolo perchè non è stato un cammino traumatico: i primi anni ho fatto fatica, perchè era una realtà nuova da conoscere ed un lavoro nuovo fatto di contatti. Non avevo esperienza in questo mondo. Se è stato difficile è stata allo stesso tempo una grande responsabilità quella di lavorare per una società di grande storia e di questo sono molto orgoglioso. Ormai sono dodici anni che sono in questa società e penso che il mio cuore è anche laziale. Sono cresciuto con un grande senso di responsabilità nella mia famiglia e cerco di avere lo stesso valore anche nella mia società: le esigenze sono importanti, ma anche le aspettative lo sono, ogni anno e anche quando veniamo da stagioni positive. L’unica cosa che non dobbiamo mai dimenticare è che abbiamo una responsabilità verso la storia di questa società e non dobbiamo mai scordare gli anni difficili che ci portiamo dietro le nostre spalle. Grazie a Dio ci troviamo in un momento positivo e dobbiamo cercare di crescere ancora il più possibile perchè la storia di questa società lo richiede. Per fare una stagione da protagonisti serve anche tenere i giocatori importanti, quelli fondamentali; nello stesso momento, e l’ho detto anche agli altri giornalisti dietro le quinte: è come un matrimonio dove tutte e due le parti devono stare insieme e volentieri. Siamo ben contenti di tenerli perchè è fondamentale sognare in grande; nella prossima stagione saranno quattro le squadre italiane che avranno la possibilità di giocare la Champions League: per la Lazio questo deve essere un obiettivo. Il mio colpo di mercato? Keita, perchè è un ragazzo che ho portato qui che aveva quindici anni e a sedici anni gli abbiamo dato il posto da extracomunitario della Prima squadra per poterlo tesserare con noi. Questa sua esplosione e la sua crescita in questi anni mi fa molto piacere: è la dimostrazione che dietro un lavoro ben fatto ed organizzato ci possono essere dei risultati importanti. 

Queste, invece, le dichiarazioni rilasciate sempre dal direttore sportivo della Lazio ai giornalisti dietro le quinte presenti all’evento presentato da Jacopo Volpi e Simona Rolandi: “La soddisfazione più grande? Lo stadio pieno. Vedere i nostri tifosi tornati a gioire insieme alla squadra penso sia la vittoria di tutti quanti, non solo di noi come società ma anche di loro stessi. Questo ti dà un senso di responsabilità importante per il futuro, affinchè si possa mantenere tutto quello che di buono si è fatto. E dobbiamo cercare di migliorare, passo dopo passo. La cosa che più conta è la Lazio e la storia ce lo insegna. I giocatori che devono giocare per la Lazio devono essere orgogliosi di indossare questa maglia: vedo delle volontà anche da parte loro ( Biglia, de Vrij e Keita, ndr) ma allo stesso tempo ci sono aspettative economiche e sportive che devono essere compatibili con quelle della società. Se c’è la volontà da entrambe le parti di proseguire insieme, la Lazio non si tirerà indietro. Sono per la politica del ‘passo dopo passo’: la Lazio deve essere all’altezza di giocare contro le squadre blasonate che, sulla carta, sono state costruite con più soldi; ma, allo stesso tempo, conta l’organizzazione ed il lavoro messo in pratica per raggiungere alcuni obiettivi. Se ci sono delle pretese, queste devono combaciare con la nostra realtà”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero| Immobile ci prova ancora

Published

on

 


foto Fraioli

Immobile sta bene, ha voglia di giocare, ma il mondo Lazio è in ansia. Si aspettano solo gli esami che possono evidenziare la presenza o meno di una lesione. Lui avrebbe giocato anche contro l’Inghilterra, ma non si possono prendere dei rischi prima di un tour de force come quello che aspetterà le squadre di Serie A e non solo fino alla lunga sosta dei Mondiali.

 

foto Fraioli

Casale rischia, inoltre, 20 giorni di stop a causa dell’infortunio che lo ha costretto a uscire al 57esimo contro la Cremonese. Il difensore, che era stato motivo di lite tra Tare e Sarri a gennaio, è arrivato per 7 milioni più bonus a luglio rimanendo però uno degli acquisti meno utilizzati. Insieme a lui anche Maximiano: l’estremo difensore pagato più di 10 milioni si è bruciato dopo soli 6 minuti alla prima giornata contro il Bologna. Lui si allena a Formello in questi giorni, ce la sta mettendo tutta per riscattarsi ma si vocifera di un suo trasferimento in prestito già da gennaio.

Il Messaggero

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW