Connect with us

CalcioMercato

Il Tempo | Inzaghi firma e pressa Biglia

Published

on

 


Ancora qualche ora a disposizione per convincere Biglia, Inzaghi prende tempo e studia un’altra strategia. Il rinnovo dell’allenatore non è in discussione, a breve andrà in scena un altro incontro con Lotito, il matrimonio verrà prolungato fino al 2020 (adeguamento economico da 1,1 milioni di euro a stagione). Sarebbe gradita la conferma del playmaker argentino, leader e capitano della squadra. La dirigenza farà l’impossibile, ma il pressing del Milan ha complicato i piani, l’ex Anderlecht si è ingolosito della proposta e difficilmente cambierà idea. L’offerta dei cinesi è di 22 milioni di euro al club biancoceleste, mentre al centrocampista andrebbero quasi 3,5 milioni di euro all’anno, l’agente Montepaone avrebbe già chiuso l’operazione. Biglia ha rimandato tutto al termine del campionato, la prossima settimana svelerà il suo futuro. L’addio è a un passo. Il Principito potrebbe essere il primo a salutare, Simone Inzaghi chiederà garanzie tecniche e un sostituto all’altezza.

Difficile anche la permanenza di Keita Balde Diao (incontro con Tare nel pomeriggio a Formello), da ieri in trattativa con l’Atletico Madrid tramite il suo avvocato spagnolo. In realtà il fratello dell’esterno senegalese ha smentito i contatti attraverso Twitter: «Voglio chiarire che l’unico autorizzato a parlare di lui è Calenda». Il 14 laziale piace a Mirabelli e Fassone, ma il vero piano studiato dal suo entourage è quello di portarlo alla Juve a parametro zero nel 2018. Il patron Lotito cercherà di monetizzare il più possibile e proverà a venderlo già in estate. Con i bagagli pronti l’olandese De Vrij, richiesto con insistenza da Real, Barcellona e Chelsea. Tare però ha fretta di capire quale sarà il budget, entro la metà di giugno tutte le situazione in bilico verranno risolte. In entrata la lista della spesa è lunga e piena di obiettivi: Klaassen dell’Ajax, capitano del club olandese finalista in Europa League. Piace molto Baselli del Torino. C’è anche Tony Vilhena, regista del Feyenoord classe 1995, senza dimenticare Freuler dell’Atalanta che potrebbe rientrare nella trattativa Berisha. Dalla Svizzera invece è rimbalzato il nome di Denis Zagabria, 20enne originario della Repubblica Democratica del Congo di proprietà dello Young Boys. Si tratta di un mediano molto fisico, alto 1,91 cm, ma con una buona tecnica e mobilità: costa 4 milioni di euro. Inoltre dalla Spagna potrebbe arrivare un’offerta da 20 milioni di euro del Las Palmas per Wallace. Notizie dal campo: contro il Crotone mancheranno Keita, Hoedt, Lulic, Parolo, Lukaku. Indubbio anche De Vrij. Recuperato Patric. Infine ieri sera squadra e staff tecnico a cena per brindare alla conquista dell’Europa.

Il Tempo – Gianluca Cherubini

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Calcio

Fabrizio Corsi, il patron dell’Empoli: “Parisi alla Lazio?  A gennaio non se ne parla. Su Vicario…”

edo9923@hotmail.it'

Published

on

 


Il presidente dell’Empoli, Fabrizio Corsi, è intervenuto a Radio Incontro Olympia. Tema centrale è stato l’asse Empoli-Lazio in ambito calciomercato. Queste le sue parole:

“Ascolto domande di mercato intorno ai giocatori dell’Empoli che, oltre a farmi arrabbiare ed a rompermi le scatole, non voglio nemmeno prendere in considerazione perché il mio compito da presidente è proteggere i miei ragazzi ed in generale tutto l’ambiente Empoli che per me è un patrimonio da salvaguardare. Parisi alla Lazio? È una di queste… A gennaio non se ne parla, proprio per il motivo appena spiegato. Vicario? È meritatamente il terzo portiere della nazionale, per noi e per lui la convocazione rappresenta il riconoscimento e l’apprezzamento migliore. Con la Lazio c’era stato un contatto, una telefonata, dopo la quale mi aspettavo un affondo successivo che però non è mai avvenuto perché hanno virato su Maximiano e Provedel che noi conosciamo bene, veramente un ottimo portiere anche lui giustamente chiamato da Mancini.

 

Sarri? Un’icona del calcio italiano. Continua ad essere quel maestro di campo transitato qui in Toscana, Lotito ha scelto il meglio, mentre altri hanno optato per tecnici che anziché il campo stesso preferiscono allenare stampa e tifosi…”.

 

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW