Connect with us

Per Lei Combattiamo

FOCUS – La parabola di Candreva: fallimento Inter e quel ‘Vado via per vincere tutto’

marco.cervino4@gmail.com'

Published

on

 


Guardando Inter-Sassuolo, domenica scorsa all’ora di pranzo, è venuto quasi automatico pensare a quelle parole che tanto fanno sorridere arrivati a questo punto della stagione: “Vado all’Inter per vincere tutto, per me è un salto di qualità in carriera”. Osservando la pochezza della squadra nerazzurra, saltano all’occhio (di nuovo) quelle dichiarazioni rilasciate da Antonio Candreva nei suoi primi mesi a Milano.

Estate 2016, la storia tra Antonio Candreva e la Lazio è giunta al termine. Meglio cambiare, e provare a vincere. Parole sue eh. Ed ora, a due giornate dalla fine del campionato, risulta impietoso il riepilogo in casa Inter: fuori dall’Europa League, eliminata dalla Coppa Italia (per mano della Lazio a San Siro), società e squadra in piena confusione. Ah, l’obiettivo stagionale era la Champions…E allora, ecco che dopo la doppietta di Iemmello ritornano in mente quelle parole. Un’annata tormentata per l’Inter, tra sogni e illusioni, passando per 4 allenatori: Mancini (lo ha richiesto lui a Suning) De Boer, Vecchi, Pioli ed ora ancora Vecchi. La vittoria in casa con la Juventus lasciava presagire un campionato di vertice, ma quel pomeriggio di settembre rimarrà l’unica gioia della gestione De Boer. Via l’olandese, squadra affidata momentaneamente a Vecchi, tecnico della Primavera, prima di puntare su Pioli.  “Deluso da Pioli, meritavo la fascia da capitano alla Lazio”, poi corregge il tiro Candreva al momento del ricongiungimento all’Inter: “Lo chiamavano mio papà, nessun problema con lui è l’uomo giusto per vincere”. Chiamasi coerenza…

Il 31 gennaio c’è Inter-Lazio, quarti di Coppa Italia. Passano i biancocelesti grazie alle reti di Felipe e Biglia, a nulla serve il gol nel finale di Brozovic. Sconfitta pesante, fallito un obiettivo proprio contro la Lazio. In campionato le cose vanno bene con una serie di vittorie consecutive prima del ko interno con la Sampdoria che apre una crisi senza fine con due punti in sette partite. Arriva così l’esonero di Pioli, (ri)torna Vecchi, ma intanto l’obiettivo minimo , l’Europa League, è ormai andato via. Rimorsi? Troppa arroganza? Si, forse, basta vedere (ammirare) cosa è riuscita a fare la Lazio di Inzaghi: Europa League raggiunta (un miraggio ad Auronzo), finale di Coppa Italia e aver ritrovato l’amore della sua gente e della Nord.

Domenica sera all’Olimpico ci sarà Lazio-Inter, una partita senza troppe pretese ma con i biancocelesti a caccia di altri record in una stagione già ricca di numeri e primati assoluti. Prima del match, Candreva dovrebbe andare sotto la Nord per rendere omaggio ai tifosi. Non si è lasciato bene con il popolo laziale, dopo un’avventura iniziata male per i suoi ‘passati’ romanisti, prima di diventare un idolo della tifoseria nei suoi quattro anni e mezzo nella capitale. Un ritorno all’Olimpico, la sua ex casa, tra rimpianti e un’accoglienza ancora tutta da scoprire.

 

 

 

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero| Immobile ci prova ancora

Published

on

 


foto Fraioli

Immobile sta bene, ha voglia di giocare, ma il mondo Lazio è in ansia. Si aspettano solo gli esami che possono evidenziare la presenza o meno di una lesione. Lui avrebbe giocato anche contro l’Inghilterra, ma non si possono prendere dei rischi prima di un tour de force come quello che aspetterà le squadre di Serie A e non solo fino alla lunga sosta dei Mondiali.

 

foto Fraioli

Casale rischia, inoltre, 20 giorni di stop a causa dell’infortunio che lo ha costretto a uscire al 57esimo contro la Cremonese. Il difensore, che era stato motivo di lite tra Tare e Sarri a gennaio, è arrivato per 7 milioni più bonus a luglio rimanendo però uno degli acquisti meno utilizzati. Insieme a lui anche Maximiano: l’estremo difensore pagato più di 10 milioni si è bruciato dopo soli 6 minuti alla prima giornata contro il Bologna. Lui si allena a Formello in questi giorni, ce la sta mettendo tutta per riscattarsi ma si vocifera di un suo trasferimento in prestito già da gennaio.

Il Messaggero

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW