Connect with us

CalcioMercato

Il Tempo | Muriel o Balotelli per affiancare Immobile. Ma non solo…

Published

on

 


Un grande attaccante per entusiasmare la piazza. La Lazio è interessata a Luis Muriel della Sampdoria, centravanti colombiano classe 1991, ex Udinese e Lecce. Mister Simone Inzaghi vorrebbe affiancarlo a Ciro Immobile nel 3-4-1-2 studiato per la prossima stagione, tra i due club però non c’è ancora trattativa. Il presidente Lotito è in ottimi rapporti con il collega Ferrero, per circa 15-16 milioni di euro l’operazione potrebbe decollare, i blucerchiati infatti avrebbero già individuato Mario Balotelli come possibile alternativa. In realtà la punta del Nizza piace anche dalle parti di Formello, tra la dirigenza e Mino Raiola c’è un feeling particolare, rimane una pista da monitorare fino all’ultimo. In ogni caso Muriel è in cima alla lista dei desideri, quest’anno ha realizzato 13 gol e 9 assist in 33 partite disputate, nell’ultimo periodo ha perso il posto a causa dell’esplosione di Schick. Roma per lui rappresenterebbe una grande opportunità, il treno più importante della carriera e farebbe carte false pur di giocare in Europa.

Il direttore sportivo Tare prenderà comunque due attaccanti, un titolare e una riserva, il serbo Djordjevic infatti ha i bagagli pronti da tempo. Il 9 della Lazio tornerà in Francia, al suo posto potrebbe arrivare il tedesco Selke del Lipsia. Nato nel 1995, in Germania è chiuso da Timo Werner, tra poche settimane dovrebbe lasciare la Bundesliga. Lotito può prenderlo per 4-5 milioni di euro. Anche se il vero crack di mercato sarebbe Unal del Twente, attaccante turco di proprietà del Manchester City, entrato nel mirino dei più grandi club europei. In Eredivisie ha siglato 19 reti e 4 assist in 33 gare, ad aprile avrebbe visitato in gran segreto la Capitale su invito della società biancoceleste. Si vedrà, occhio pure alla candidatura del Papu Gomez, soprattutto se Keita Balde Diao dovesse salutare. L’esterno argentino ha stregato la serie A, a breve potrebbe dire addio a Bergamo, la Lazio può sfruttare il riscatto di Berisha (7 milioni di euro) per ammortizzare il prezzo: «Mi piacerebbe giocare l’Europa con l’Atalanta – ha rivelato di recente l’ex Catania – d’altronde però ho 30 anni e la tentazione di fare un’esperienza in una big c’è. Il presidente Percassi è al corrente della situazione, ho un contratto con l’Atalanta, se non arriva nessuna offerta irrinunciabile resterò qui».

Dalla Premier League è rispuntato anche Borini, tornerà per restare invece il giovane Palombi, reduce da un’avventura straordinaria con la Ternana in serie B: «Inzaghi sta pensando di riportarmi alla Lazio? Lo spero. Tanti giovani sono scesi di categoria, è un campionato difficile, specie al primo anno. Ho trovato però una piazza che mi ha messo a mio agio. Ho sempre uno sguardo al futuro, a giugno parleremo con le due società e decideremo il da farsi». Intanto potrebbe rimanere a sorpresa De Vrij, il presidente Lotito è intenzionato ad offrirgli un contratto da 2 milioni di euro con clausola rescissoria da 30. Il centrale olandese non offre ampie garanzie fisiche, Real Madrid, Barcellona e Chelsea hanno mollato la presa. Infine dalla Salernitana verrà promosso il brasiliano Luiz Felipe Marchi, difensore centrale.

Il Tempo – Gianluca Cherubini

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

CalcioMercato

Fabrizio Corsi, il patron dell’Empoli: “Parisi alla Lazio?  A gennaio non se ne parla. Su Vicario…”

edo9923@hotmail.it'

Published

on

 


Il presidente dell’Empoli, Fabrizio Corsi, è intervenuto a Radio Incontro Olympia. Tema centrale è stato l’asse Empoli-Lazio in ambito calciomercato. Queste le sue parole:

“Ascolto domande di mercato intorno ai giocatori dell’Empoli che, oltre a farmi arrabbiare ed a rompermi le scatole, non voglio nemmeno prendere in considerazione perché il mio compito da presidente è proteggere i miei ragazzi ed in generale tutto l’ambiente Empoli che per me è un patrimonio da salvaguardare. Parisi alla Lazio? È una di queste… A gennaio non se ne parla, proprio per il motivo appena spiegato. Vicario? È meritatamente il terzo portiere della nazionale, per noi e per lui la convocazione rappresenta il riconoscimento e l’apprezzamento migliore. Con la Lazio c’era stato un contatto, una telefonata, dopo la quale mi aspettavo un affondo successivo che però non è mai avvenuto perché hanno virato su Maximiano e Provedel che noi conosciamo bene, veramente un ottimo portiere anche lui giustamente chiamato da Mancini.

 

Sarri? Un’icona del calcio italiano. Continua ad essere quel maestro di campo transitato qui in Toscana, Lotito ha scelto il meglio, mentre altri hanno optato per tecnici che anziché il campo stesso preferiscono allenare stampa e tifosi…”.

 

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW