Connect with us

Per Lei Combattiamo

Mauri: “Mai avuto dubbi sulle qualità di Inzaghi e Milinkovic. Cessioni importanti? La società deve valutare bene”

enrico.delellis@libero.it'

Published

on

 


 303 presenze e 47 gol con la maglia della Lazio tra campionato e coppe: Stefano Mauri non ha bisogno di presentazioni, e a 37 anni in questa stagione ha contribuito con 12 apparizioni in campo e 1 gol a salvare il Brescia dalla Lega Pro. L’ex capitano biancazzurro è tornato a parlare della squadra che maggiormente ha segnato la sua carriera sugli 88.100 di Elle Radio, nella trasmissione radiofonica Laziali On Air:

Un primo ricordo sul 26 maggio: ti sei reso subito conto di ciò che quella vittoria avrebbe significato per i tifosi laziali? “Di solito a caldo non si realizza l’importanza delle vittorie, ma quella partita era stata accompagnata da un’attesa enorme. Noi eravamo contenti di giocare la finale contro la Roma, perché conoscevamo la nostra forza e sapevamo di poter scrivere la storia.”

Cosa ti piacerebbe fare in futuro: tornare alla Lazio come dirigente? “L’anno scorso ho svolto il corso da allenatore a Coverciano, poi sono andato a Brescia a fare questa esperienza nella seconda parte della stagione. Non ho ancora deciso cosa fare, sicuramente mi piacerebbe tornare alla Lazio perché è casa mia ed è il posto dove ho lasciato il cuore. Non ho ancora deciso cosa fare, ora mi rilasserò un po’ in vacanza e poi valuterò tutte le possibilità.”

Ti aspettavi un impatto così decisivo da parte di Simone Inzaghi come allenatore? “Sinceramente ero convinto che facesse bene, perché Simone era un grande professionista anche da calciatore, sapeva tutto di calcio e si vedeva davvero che poteva diventare un grande allenatore. Il difficile ora sarà riconfermarsi, ritorneranno in quota squadre importanti come le milanesi e anche la Fiorentina. Sarà fondamentale arrivare tra le prime quattro e fare bene in una competizione importante come l’Europa League, servirà una squadra competitiva con una rosa ampia.”

Biglia, Keita e De Vrij molto probabilmente partiranno. Quanto sarebbe grave la loro perdita? “In questi casi bisogna sempre lasciar decidere ai giocatori, ognuno fa le proprie scelte insieme alla società e non fa bene far rimanere un giocatore che vuole andare via. Anche la società deve fare i propri interessi, ma in questi casi è fondamentale parlarsi a viso aperto e trovare un punto d’incontro per il bene di tutti.”

Su Milinkovic-Savic: “L’anno scorso ci ho giocato insieme e si vedeva che aveva grandissime potenzialità. Quest’anno è migliorato tantissimo mettendo in luce una grandissima forza fisica, deve migliorare ancora un po’ dal punto di vista della continuità e del cambio di passo durante la partita, ma la sua crescita è stata davvero notevole.”

Ti aspettavi un Immobile così brillante? “Sì anche da lui mi aspettavo grandi cose, la parentesi estera non è stata fortunata ma è un giocatore che conosce molto bene il calcio italiano, è stato facilitato dall’ingresso in una Lazio che girava molto bene e sono sicuro che l’anno prossimo, coi Mondiali in vista, dimostrerà ancora il suo valore.”

Qual è il gol segnato con la maglia della Lazio che ricordi con maggiore piacere? “Ne ricordo molti, soprattutto il primo segnato nel derby e quello in rovesciata contro il Napoli.”

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Tempo | I conti di Lotito tornano: perdita ridotta

Published

on

 


Stando al bilancio chiuso al 30 giugno 2022, si può notare come la Lazio sia una delle squadre più in salute del campionato italiano e non solo dal punto di vista dei risultati sportivi. I conti sono in rosso, ma il trend è positivo perché in negativo ci sono 17,42 milioni di euro, ma sono 7 in meno rispetto all’anno scorso.

Come sottolinea l’edizione odierna de Il Tempo, i soldi spesi sono stati ben 35,74 milioni, tutti nell’ultima campagna acquisti. Dalle 11 cessioni, invece, sono stati ricavati 14,22 milioni, andando poi a risparmiare 10,88 milioni sugli ingaggi. Anche i giocatori andati in prestito alleggeriscono il carico ingaggi, per la precisione si sono risparmiati 9,46 milioni. Il fatturato, però, si abbassa: da 164,74 dello scorso anno ai 135,25 di ora; ad incidere sono gli introiti derivati dalla Champions League. Le plusvalenze ammontano a 24,8 milioni e i diritti televisivi ne hanno fatti incassare 85,6. Infine, gli abbonamenti hanno portato altri 10,5 milioni di euro.

Foto Fraioli

Proprio ieri si è chiusa l’ultima fase della campagna abbonamenti, portando gli abbonati a 26.193. A Formello, nel frattempo, Sarri continua a lavorare senza gli otto nazionali: arrivano notizie incoraggianti da Patric, ma non da Casale. L’ex difensore del Verona ha accusato un fastidio all’adduttore e oggi dovrebbe sottoporsi ad accertamenti. Ancora assente Lazzari.

foto Fraioli


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW