Connect with us

Per Lei Combattiamo

PAGELLONE LAZIO – Difesa: sorpresa Strakosha, certezza de Vrij. Marchetti chi l’ha visto?

marco.cervino4@gmail.com'

Published

on

 


Finito il campionato, è tempo di valutazioni. La Lazio riabbraccia l’Europa grazie al 5 posto, sfiorando la conquista della Coppa Italia, persa in finale contro la Juventus. La sconfitta con i bianconeri e il quarto posto soffiato dall’Atalanta all’ultima giornata, rappresentano le uniche delusioni di questa annata. Una stagione positiva con alcuni momenti chiave, come le vittorie nei derby con le coreografie uniche della Curva Nord, e i record assoluti dell’era Lotito messi a segno da Inzaghi e i suoi. Tempi di bilanci e valutazioni, tra promossi, rimandati e bocciati. Cominciamo dalla difesa, nel nostro pagellone finale 2016-2017.

PROMOSSI – Leader, difensore moderno bravo a marcare e ad impostare. Su di lui Inzaghi a costruito la difesa biancoceleste, che sia a tre o a quattro: de Vrij è tornato a comandare la difesa dando sicurezza ai suoi compagni di reparto, una presenza fondamentale. Spesso fermato dagli infortuni, ormai un handicap per l’olandese, ma senza de Vrij è tutta un’altra Lazio. Autentica rivelazione Strakosha, altra vittoria di Inzaghi: l’albanese si è meritato il posto da titolare grazie a prestazioni di livello e personalità. Qualche sbavatura, ma il borsino è sicuramente in positivo. La stagione di Wallace può essere fotografata nei 4 derby: sciagurato, imperdonabile il ‘regalo’ a Strootman nel derby di andata, impeccabile nei successivi tre derby. Punto fermo nella Lazio del futuro. Derby come spartiacque per l’ex Monaco, stesso discorso per Lukaku. Inzaghi lo impiega poco ma il belga risponde con buone prestazioni, soprattutto nella doppia sfida in Coppa con la Roma. Bene gli esperti Radu e Basta, con il serbo che realizza il primo gol in A con la maglia biancoceleste nel derby di ritorno in campionato (l’ultimo in campionato nel 2014 con l’Udinese sempre ai giallorossi). Premiamo Patric, sia per i progressi dopo la scorsa stagione ma soprattutto per l’attaccamento verso questi colori.

RIMANDATI – Esordio da sogno per Bastos contro la Juventus annullando un certo Higuain, poi alcuni errori che lo hanno fatto scalare nelle gerarchie. Meglio a tre che a quattro, l’angolano fa della forza fisica e nella marcatura a uomo i suoi punti di forza, ma difetta nel posizionamento difensivo e nella tecnica individuale. Inzaghi lo sfrutta per bloccare la Roma, formando una vera e propria cerniera con de Vrij e Wallace. Non ha convinto in pieno l’ex Rostov, stesso discorso per Hoedt. Al suo secondo anno in Italia l’olandese ha avuto un rendimento altalenante, commettendo alcuni errori grossolani. La convocazione con l’Olanda dimostra che dei progressi ci sono stati, ma non tali da spingere Inzaghi a puntarci come titolare della difesa, preferendo Wallace al fianco di de Vrij. Una sola presenza (sfortunata) per Vargic contro l’Inter, giudizio che non può essere definitivo.

BOCCIATI – Marchetti-Lazio, una storia ormai giunta alla fine. I continui problemi al ginocchio destro, lo stesso infortunato il 13 febbraio durante il riscaldamento pre-partita con il Milan all’Olimpico (da allora non ha più giocato) e l’ascesa di Strakosha hanno minato il futuro in biancoceleste di Marchetti, il cui contratto scade nel 2018. Appena 18 presenze, condite da errori decisivi come il gol di Nainggolan nel derby di andata. Stagione da dimenticare, forse l’ultima con la maglia della Lazio.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero| Immobile ci prova ancora

Published

on

 


foto Fraioli

Immobile sta bene, ha voglia di giocare, ma il mondo Lazio è in ansia. Si aspettano solo gli esami che possono evidenziare la presenza o meno di una lesione. Lui avrebbe giocato anche contro l’Inghilterra, ma non si possono prendere dei rischi prima di un tour de force come quello che aspetterà le squadre di Serie A e non solo fino alla lunga sosta dei Mondiali.

 

foto Fraioli

Casale rischia, inoltre, 20 giorni di stop a causa dell’infortunio che lo ha costretto a uscire al 57esimo contro la Cremonese. Il difensore, che era stato motivo di lite tra Tare e Sarri a gennaio, è arrivato per 7 milioni più bonus a luglio rimanendo però uno degli acquisti meno utilizzati. Insieme a lui anche Maximiano: l’estremo difensore pagato più di 10 milioni si è bruciato dopo soli 6 minuti alla prima giornata contro il Bologna. Lui si allena a Formello in questi giorni, ce la sta mettendo tutta per riscattarsi ma si vocifera di un suo trasferimento in prestito già da gennaio.

Il Messaggero

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW