Connect with us

Per Lei Combattiamo

SUMMER PRESS | Ditta: “Mi aspetto un segnale forte della società sui tre giocatori. Inzaghi? Non deve dare niente per scontato”

enrico.delellis@libero.it'

Published

on

 


Estate. Caldo, mare, sorrisi. Tra un tormentone musicale e un altro, inizia uno dei periodi più belli dell’anno. Stagione che racchiude mille pensieri, gioie e speranze in tutti i tifosi, grazie all’apertura del calciomercato. La redazione di LazioPress.it ha pensato ad una nuova rubrica Summer Press, dove interveranno gli addetti ai lavori del mondo Lazio per commentare di settimana in settimana la campagna acquisti biancoceleste. Cristiano Ditta di Radio Olympia Incontro è intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni.

La stagione prende al via definitivamente oggi. Qual è l’errore che Inzaghi non deve commettere?

Ricominciare con lo stesso spirito dello scorso anno, senza mai dare per scontate le disponibilità del gruppo. Cogliere maniacalmente ogni piccolo dettaglio negativo per rimuoverlo subito. Ogni anno il gruppo va riconquistato e motivato, giocatore per giocatore“.

Pochi giorni e sarà Auronzo Keita e De Vrij partiranno per il ritiro? Oppure ti aspetti una presa di posizione netta da parte della società?

Mi aspetto una scelta forte. La Lazio è e resta un club che merita rispetto e un forte senso di responsabilità, sia da chi lavora per restare sia da chi sceglie di avere più gloria altrove. Questa gloria, vana o concreta che sia, è stata ottenuta rappresentando il club biancoceleste. Non parlo di gratitudine ma di rispetto per ciò che si è realizzato insieme. Su De Vrij più facile essere ottimisti, mi chiedo su Keita invece se il ragazzo sappia riconoscere davvero le persone che lavorano per il suo bene, agonistico ancor prima di quello economico“.

Biglia ha espresso la volontà di andare via, Milan permettendo la vedi definitivamente terminata la sua avventura a Roma, oppure credi che con un rinnovo e un atto d’amore verso la tifoseria la situazione si possa recuperare?

Biglia ha prima accolto la Lazio (a marzo e aprile dichiarazioni inequivocabili in tal senso) poi ha tentennato. Ha trovato il Milan, che prima lo ha incluso nel pacchetto con Keita, poi lo ha sottostimato a tal punto da rendere impraticabile la trattativa con Lotito. Infine “minaccia” di virare su Badelj in un altro pacchetto con Kalinic. Mi domando ancora chi stia scaricando chi?… Forse la soluzione sta nel ripartire dal via, ma condizioni contrattuali e fascia da capitano sono tutte da riscrivere“.

Nel ritiro di Auronzo cosa ti aspetti qualcosa a livello di  acquisti?

Ad Auronzo immagino pochi volti nuovi dalla partenza, Marusic arriverà dopo la prima settimana di lavoro. Gli altri arrivi magari in Austria“.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

TMW | Lazio, domani a Graz per una finale anticipata: obiettivo cancellare Midtjylland

Published

on

 


È la terza giornata del girone ma è già una finale. Del resto non può essere altrimenti se alla partita precedente hai perso 5-1. Così Martusciello, il vice di Sarri, ha presentato Sturm Graz-Lazio di domani alle 18.45: “Rappresenta il passaggio del turno. È una partita da ultima spiaggia, c’è da vincere e convincere. Bisogna continuare cosi e evitare quei down dell’ultima prestazione europea”. Nel gruppo F sono tutte a pari punti, 3: insomma, è veramente ti decisivo il match di giovedì.

Fraioli

Il problema di Midtjylland – Non che ci volesse una laurea a Coverciano per capirlo, ma a Formello sono tutti d’accordo che la causa della disfatta in casa del Midtjylland non siano le rotazioni nella formazione iniziale, con 5 cambi rispetto alla squadra schierata quattro giorni prima col Verona. Gila per Casale, Hysaj per Lazzari, Luis Alberto per Basic, Cataldi per Marcos Antonio e Pedro per Zaccagni. Quasi mezza squadra, sì, ma giocatori di primo livello, considerati titolari, superiori per valore assoluto agli avversari danesi. Il problema quindi, più che nei nomi, è stato nell’atteggiamento con cui la Lazio è scesa in campo: poco umile, spocchiosa, sicura di essere bella e vincente. Il famoso germe di Sarri.

Fraioli

Sì alle rotazioni – Contro la Cremonese e lo Spezia il gruppo ha risposto alla grande, ha reagito ma non basta per rimettere la nave in porto sicuro: c’è lo scoglio di Graz da superare per tornare in acque tranquille. Sull’aspetto mentale lavorerà Sarri, deciso a continuare nell’alternare alcuni giocatori (Vecino, Marcos Antonio, Gila si candidano), perché il tour de force non risparmia nessuno e lunedì c’è lo scontro diretto di Firenze. TuttoMercatoWeb/Riccardo Caponetti

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW