Connect with us

CalcioMercato

Repubblica | Il ritiro inizia con Keita, Lotito propone il rinnovo ma sarà scontro

Published

on

 


Come un fulmine, dribbla chiunque gli si ponga davanti e raggiunge il suo obiettivo. Niente di nuovo per il giovane senegalese, questa volta però non si tratta di una delle sue azioni solitarie palla al piede da trasformare in gol. È la cronaca del suo ingresso di ieri nel centro sportivo di Formello, per il raduno della Lazio in questa nuova stagione ufficialmente iniziata. Keita è rientrato come promesso con un giorno d’ anticipo dalle vacanze, ma ha preferito evitare potenziali domande sul futuro da parte di giornalisti e tifosi all’ingresso nel quartier generale biancoceleste. A differenza del resto dei suoi compagni (a proposito, tanto per cambiare Parolo è stato il primo ad arrivare) ha evitato ogni contatto, le parole le ha riservate esclusivamente al presidente Lotito. Nella telefonata tra i due delle settimana scorsa, Keita gli ha promesso che si sarebbe seduto a un tavolo per parlare e prendere in considerazione ogni genere di ipotesi: da quella della cessione a un altro club differente dalla Juventus (opzione preferita dall’ agente del ragazzo, ma eccessivamente sconveniente per Lotito) al rinnovo, fino a poco tempo fa impensabile. Il presidente della Lazio farà un ultimo tentativo, offrendo un contratto superiore a qualsiasi altro giocatore della rosa: 2,2 milioni di euro a stagione più bonus e l’ inserimento di una clausola rescissoria da circa 30 milioni di euro. È ancora tutto in ballo, insomma.

In attesa di novità Keita si è messo a disposizione di Simone Inzaghi, che oggi ha diretto il primo allenamento, subito dopo aver presentato il 20enne difensore brasiliano Luiz Felipe (l’ anno scorso alla Salernitana) a tutta la squadra, che con i rientri dai rispettivi prestiti di Palombi, Oikonomidis e Guerrieri è ancora più imbottita di giovani. Il portiere ha confermato di essere tornato per restare e giocarsi le sue chance a Roma, dove – a meno di un ritorno su Perin, trattato fino a due mesi fa e lasciato in sospeso – prenderà il posto che sarà lasciato libero da Federico Marchetti. Anche lui si è presentato ieri, ma nelle esercitazioni che prevedevano l’ utilizzo degli estremi difensori, Inzaghi ha preferito testare Guerrieri e Adamonis. Restano pochi dubbi sul fatto che le strade siano destinate a separarsi. Ma non è la priorità: le attenzioni sono tutte rivolte verso Keita: una sua eventuale cessione potenzialmente potrebbe portare molti soldi nelle casse della Lazio.

A quel punto, oltre a chiudere per il Papu Gomez con l’ Atalanta, sarebbe più semplice anche tentare di convincere Rostov e Rubin Kazan a trovare un’ intesa definitiva tra di loro e lasciar partire il classe 1995 iraniano Sardar Azmoun. Su di lui si sono fatti avanti anche Besiktas, West Ham, Manchester United e Arsenal, ma il club biancoceleste ha acquisito un piccolo vantaggio sulla concorrenza, lavorando sotto traccia negli ultimi mesi con il padre/ agente del ragazzo e arrivando molto vicina a un’ intesa con il Rostov: 10 milioni offerti, 12 richiesti. La situazione resta comunque molto complicata, perché oltre alle beghe legali tra i due club russi (che saranno risolte con l’ ultima sentenza dell’ Uefa attesa entro il 15 luglio), c’ è anche la volubile volontà di Azmoun, che ora sembra voler tornare al Rubin Kazan (dove si sta allenando, con il permesso del Rostov), insieme al suo mentore, l’ allenatore Berdyev. Intanto, nella notte, è arrivata la firma del club manager Peruzzi sul rinnovo di contratto.

Repubblica – Marco Ercole

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

CalcioMercato

Calciomercato Lazio, dalla Turchia: “I biancocelesti monitorano Taremi del Porto”. I dettagli

Published

on

 


Tutti i maggiori campionati europei sono fermi, a causa del Mondiale in Qatar che è partito da ormai una settimana. Ciò non distoglie l’attenzione dal calciomercato invernale, utile a rifonrazre le rose in vista della ripartenza a gennaio. La Lazio ha necessità di puntellare due ruoli specifici, l’attacco e la difesa. Sul fronte terzini sinistri sono vari i nomi fatti negli ultimi mesi, con la Società che sarebbe pronta ad accontentare le richieste di Sarri. Discorso un pò diverso per l’attacco, dove il tecnico ha richiesto un vice-Immobile, ma il club non sarebbe così volenteroso di investire in quel ruolo e almeno fino all’estate preferirebbe continuare con Felipe Anderson spostato in avanti. Tuttavia, nelle ultime ore sono stati esplorati diversi profili, che potrebbero far comodo alla Lazio in quel ruolo. Tra questi c’è Mehdi Taremi, attaccante 30enne del Porto, attualmente impegnato con il suo Iran ai Mondiali. Si tratta di un giocatore forte fisicamente, alto, con una buona tecnica ed un importante fiuto del gol. Secondo quanto riportato dal giornalista turco Ekrem Konur, il club biancoceleste starebbe monitorando la situazione a lui legata, per poi avanzare eventualmente un’offerta al Porto per portarlo a Roma a gennaio.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW