Connect with us

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero | Riunione di spogliatoio per decidere il prossimo capitano: è corsa a due

Published

on

 


Un capitano va e uno arriva. C’è stato un ideale passaggio di consegne ad Auronzo di Cadore nel sesto giorno di ritiro della Lazio. Andiamo con ordine. Nella tarda mattinata di ieri, Biglia ha lasciato il paesino sotto le Tre Cime di Lavaredo per unirsi al Milan. L’argentino, arrivato ieri sera a Milano, è il nuovo regista di Montella. Alla Lazio 17 milioni più 3 di bonus. «Una scelta sportiva, ho deciso io. Ringrazio la Lazio e i suoi tifosi», le poche parole uscite dalla bocca dell’ex capitano. Partito Lucas, si è di nuovo palesato un tormentone poco piacevole: chi sarà ad indossare la fascia il prossimo anno?L’indiziato numero uno è Parolo, unitosi ai compagni nel tardo pomeriggio. Il centrocampista azzurro arrivava dal Lago di Garda, dove ha trascorso gli ultimi giorni. Si è curato a Brescia, è stato trattato da Gasparini. Lo chiamano il mago dei muscoli. Eh già, perché Marco si era procurato un brutto stiramento durante la finale di Coppa Italia contro la Juventus. Si era infortunato a Firenze, la voglia di esserci a tutti i costi lo portò a fare un’infiltrazione. Ha resistito appena 20 minuti prima di alzare bandiera bianca. Ieri ha svolto piccoli esercizi, senza forzare. Inzaghi spera di averlo a disposizione il 13 agosto per la Supercoppa, sempre contro i bianconeri. Stavolta però non rischierà nulla. Si concederà tutto il tempo necessario per recuperare.

LA SCELTA In questi primi giorni Inzaghi non ha voluto parlare dei gradi di capitano. In realtà, lui ha sperato fino all’ultimo in Biglia. Niente da fare. Ecco allora che nelle ultime ore qualche piccolo sondaggio è stato fatto. Soprattutto con i senatori. Radu da tempo ha rifiutato. Non per togliersi dalle responsabilità, ma perché preferisce rimanere dietro le quinte. Ha fatto il vice e se gli verrà chiesto continuerà a farlo. Parolo, arrivato a Roma nel 2014, ha accumulato la giusta esperienza. Marco ha il volto pulito e il giusto aplomb. Mai una frase fuori posto. Sa dosare le parole anche quando le situazioni si fanno complicate e poi, cosa da non poco conto, è uno dei titolari della Nazionale. Ha un buon rapporto con tutti, società compresa. Cosa che qualche maligno ha interpretato in modo negativo. Ed invece è una figura di raccordo importante. Nulla di ufficiale, spifferi al momento. Ci sarà a breve un riunione nello spogliatoio in cui verrà presa una decisione. Marco non corre da solo. C’è anche Lulic in lizza per il ruolo di capitano. Senad in questi primi giorni, così come già nel ritiro della scorsa stagione, ha seguito scrupolosamente i più giovani, parlato con gli scontenti e cercato di riportare il sorriso. Si è improvvisato cameraman mentre il suo amico fraterno Radu faceva una conferenza stampa. Il numero 19 biancoceleste è apprezzato da tempo dai suoi compagni. Anche Simone in poco tempo si è reso conto della sua importanza. Non è un caso che sia stato tra i primi a parlare con Biglia appena arrivato in ritiro. Nessuno ha mai avuto da ridire con il bosniaco, arrivato in punta di piedi e diventato un simbolo. Merito di quel gol alla Roma nel derby di Coppa Italia. Un sondaggio è stato fatto anche tra i tifosi, che senza dubbi hanno votato all’unisono proprio per lui. Un Lulic è per sempre, in barba alla maledizione che vede partire chi indossa la fascia. La decisione verrà comunicata a breve, ma sui nomi non ci sono dubbi: Senad o Parolo. Comunque vada uno sarà capitano e l’ altro il vice. Ieri la Lazio si è concessa mezza giornata di riposo. Mattinata di corse nei boschi per dare maggiore solidità al lavoro aerobico.

Prima della seduta, Inzaghi ha catechizzato tutti sulla rissa di giovedì tra Hoedt e Felipe Anderson. Bene avere la giusta carica, ma senza andare oltre. I giocatori biancocelesti hanno anche posato per una foto con una maglia di Nouri, il giocatore dell’ Ajax a cui è stato diagnosticato un danno cerebrale grave e permanente. «Siamo con te, non mollare», la didascalia a corredo.

Il Messaggero – Emiliano Bernardini

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Lazio Women

Il difensore del Chievo Verona, Boglioni: “Bella sfida contro la Lazio Women. Sarà il campo a parlare”

Published

on

 


In vista della partita odierna tra Chievo Verona Women e Lazio Women, il difensore Paola Boglioni ha rilasciato un’intervista a calciofemminileitaliano.it, parlando della sfida contro le biancocelesti. Queste le sue parole: «La partita di domenica contro la Lazio sarà un’altra bella sfida. Siamo consapevoli del livello dell’avversario e della positività che portano con loro, ma, come sempre, sarà il campo a parlare. La settimana sta procedendo al meglio, con l’entusiasmo di voler dire la nostra».

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW