Connect with us

Per Lei Combattiamo

Mister Grigioni: “I portieri devono essere attenti e concentrati su tanti aspetti”

Published

on

 


Al termine della seduta d’allenamento pomeridiana, il preparatore dei portieri biancoceleste Adalberto Grigioni è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, 233 di Sky.

“Qui si lavora benissimo, la disponibilità degli addetti ai lavori e gli impianti ci mettono in condizione di svolgere il nostro lavoro. Sono arrivato a dieci anni di Lazio, questo traguardo mi gratifica molto e mi inorgoglisce. Vedo una squadra vogliosa, c’è un’unità d’intenti e di far bene: in ritiro c’è voglia di ripetersii. Nelle ultime stagioni, dopo un anno fatto bene, abbiamo sempre pagato. Ho l’impressione che questa volta, invece, si voglia fortemente ripetere ciò che si è fatto lo scorso anno.

Allenarsi con qualche minuto d’anticipo rispetto al resto della squadra è una necessità che si regola in base alla disponibilità che mi viene concessa dall’allenatore. A volte lo faccio perché ho più tempo per svolgere nel miglior modo possibile il mio lavoro. Al di là del fatto che da Peruzzi è sempre un piacere ascoltare consigli, la Società ha avallato la mia volontà di portare in questo ritiro Gianluca Zappalà, per lavorare con più intensità. Prima mi aiutavano gli stessi portieri, ora Gianluca mi dà una mano e mi concede l’opportunità di concentrarmi sul mio lavoro. Negli allenamenti i portieri necessitano di intensità per evitare la deconcentrazione.

Dobbiamo esser bravi a capire le caratteristiche di ogni portiere valutando tanti aspetti, a seconda delle necessità. Peruzzi doveva fare un certo tipo di mantenimento, altri portieri che ho allenato invece erano in fase di costruzione. Muslera era giovane e veniva dall’estero, Marchetti era reduce da un anno di inattività. Subentrano, dunque, anche fattori tecnici; lavoriamo molto nello specifico e sulle cose di gioco. Pretendo che i miei portieri siano attenti e concentrati su tanti aspetti: loro più si mettono a disposizione, più si trovano meglio la domenica.

In Italia il portiere deve parare ed essere sufficiente con i piedi. Deve avere fisico, personalità, l’atteggiamento giusto; solo infine, una tecnica appropriata. Non deve mancare l’atteggiamento propositivo e la serenità di gioco. Strakosha è stato una piacevole sorpresa della passata stagione, deve crescere in personalità, ma dà molta fiducia ai suoi compagni. Dal momento in cui è stato chiamato in causa, l’albanese non aveva nulla da perdere e si è fatto trovare pronto con spensieratezza; la squadra lo ha aiutato e lui è stato sempre sereno. Deve trovare il giusto equilibrio, ma ha grandi capacità di attenzione in allenamento.

Guerrieri ha pagato l’andamento del Trapani nel girone d’andata. C’è un aspetto del nostro lavoro che va sottolineato: qui i portieri svolgono determinati concetti di gioco, quando cambiano piazza le modalità d’allenamento cambiano. Una volta, ad esempio, mi chiamò l’Udinese per avere delucidazioni riguardo l’allenatore dei portieri della Spal che io conoscevo: ciò significa che c’è molta attenzione alla continuità, soprattutto per un portiere. Strakosha e Guerrieri hanno trovato difficoltà per questo motivo, rispettivamente, a Salerno ed a Trapani.

La comunicazione è fondamentale. Vargic è un bravissimo ragazzo, ha preso una professoressa per imparare l’italiano. Ha grande voglia di apprendere, è stato il primo a chiedermi libri su portieri e su alcune tecniche. I risultati si vedono perché è cresciuto moltissimo. L’età a volte non conta, anche con Ballotta, a 40 anni, continuavamo a lavorare ed a sviluppare concetti di gioco. Per un portiere c’è sempre qualcosa in più da conoscere. All’estero hanno altri metodi, i portieri li correggono poco e quando quest’ultimi vengono qui si trovano in difficoltà. Adamonis è cresciuto molto con la prima squadra grazie al lavoro specifico. Prima lavorava per mezz’ora, ad oggi è arrivato fino ad un’ora e mezzo. Ha grandi qualità ma deve essere sempre guidato dentro e fuori il campo. Deve ancora capire com’è un portiere professionista in Italia, sotto ogni aspetto.

Mia moglie e mia figlia mi sono venute a trovare, è stato un grande piacere. Sono stato veramente contento. Serena ha intenzione di organizzare un nuovo evento tra settembre ed ottobre. Replicheremo l’iniziativa dello scorso anno in favore della sua Associazione Anticipo ONLUS.

Ho lavorato con quattro giovani, Ivan lo è ancora. Vargic ha le stesse problematiche dei più inesperti, deve capire come gestire tanti momenti durante le partite. Siamo andati tutti verso le stesse direzioni. Ho dedicato alcuni momenti extra anche per perfezionarli”.

Fonte: sslazio.it

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

MONDIALI 2022 | Giappone-Costa Rica, le formazioni ufficiali

Published

on

 


Tra pochi minuti andrà in scena la sfida tra Giappone e Costa Rica valida per i Mondiali in Qatar. Di seguito le formazioni ufficiali delle due squadre:

GIAPPONE, 4-2-3-1: Gonda; Yamane, Yoshida, Itakura, Nagatomo; Morita, Endo; Doan, Kamada, Soma; Ueda. Ct. Moriyasu

COSTA RICA, 4-4-2): Navas; Manley, Calvo, Duarte, Oviedo; Fuller, Tejeda, Borges, Torres; Campbell, Contreras. Ct. Suarez 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW