Connect with us

Per Lei Combattiamo

This is Marusic: velocità e personalità. Mr Hyde che ha stregato Inzaghi

enrico.delellis@libero.it'

Published

on

 


Ao, mica male sto ragazzo“, parole che echeggiano nel ritiro di Auronzo di Cadore, nelle strade che portano al campo. Adam Marusic, ascolta. Il suo italiano non è ancora ottimale, per quello ci pensano i suoi angeli custodi: Basta e Milinkovic Savic. Una foto, un video con i tifosi e via nel pulmino che accompagna la squadra allo Zandegiacomo. Inzaghi, lo studia da vicino. Nei test fisici è sempre uno dei primi, la velocità e la progressione sono subito le due caratteristiche che balzano agli occhi dei molti tifosi accorsi sotto le Tre Cime di Lavaredo. “Ammazza quanto spinge“, questo è il Leitmotiv del popolo biancoceleste, che allenamento dopo allenamento si gode il nuovo acquisto. Il mister biancoceleste anche nelle prove tattiche dimostra di voler puntare subito sull’ex Oostende. Prima impiegato sulla fascia destra (suo ruolo naturale), poi sulla corsia di sinistra, ma il risultato non cambia: arrivano grandi prestazioni nelle prime uscite, il feeling con i compagni è impressionante, la zona laterale del campo è il suo habitat naturale. La dirigenza biancoceleste a bordo campo gongola, Peruzzi il più sorpreso dall’escaletion di Adam. Insieme a Lukaku, che una volta superati i problemi fisici tornerà sull’out mancino del campo, il gioco della Lazio potrà vantare di due armi importanti per spaccare le partite a metà.

PAROLA D’ORDINE PERSONALITA’ – Ragazzo timido ed estroverso fuori dal campo, determinato e “cattivo” dentro.  “Mister Hyde”, come molti compagni di squadra lo hanno già soprannominato, nelle prove tattiche chiama sempre la palla, i suoi movimenti vanno a memoria, i chilometri percorsi, nella sua zona di campo, portano numeri impressionanti. Tutto questo rende vita facile anche al  centrocampista di turno, che grazie alle sue giocate, riesce sempre ad avere un’opzione in più nella manovra di gioco.  Nell’amichevole contro la Triestina, vinta per 3 a 0, in un’ora di gioco sono state molte le sue discese in aria avversaria, ricevendo molti applausi dal pubblico presente sulle tribune.

SULLE ORME DEL SUO MITO KOLAROV E IL DERBY – Struttura fisica imponente, forza nella progressione impressionante, da molti paragonato all’ex terzino biancoceleste, da poco diventato un giocatore della Roma. Destro educato, ottima scelta di tempo negli inserimenti. Il suo piatto forte è il colpo di testa, tanti i gol messi a segno in Belgio, con il suo marchio di fabbrica. Il fato ha voluto che il suo idolo giocherà nel suo stesso campionato, ma con la maglia dei rivali di sempre.  Adam  sa perfettamente che il derby non è una partita come le altre, molti tifosi in questi quindici giorni di ritiro gli hanno fatto notare l’importanza del match. Le gambe forse tremeranno per pochi secondi, nel vedere il proprio totem a pochi metri da lui, poi le emozioni della gara prenderanno il sopravvento, il passato verrà spazzato via, solo per novanta minuti. La stracittadina è ancora lontana, prima vengono altri appuntamenti importanti come la finale della Supercoppa Italiana, nello stadio amico. Marusic lavora sempre più duramente per realizzare uno dei suoi sogni. Vincere la gara contro la Roma, per poter bisbigliare al rientro negli spogliatoi: “Aleksandar, stavolta ho vinto io“.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

MONDIALI 2022 | Il Messico batte l’Arabia Saudita per 1-2

Published

on

 


La gara tra Arabia Saudita e Messico è terminata 1-2 grazie alle reti di Martin e Chavez a inizio secondo tempo. In pieno recupero c’è stato anche tempo per la rete di Al Dawasari. Con il risultato di Polonia e Argentina, la classifica è la seguente:

Argentina 6

Polonia 4

Messico 4

Arabia Saudita 3


Alle 20 scenderanno in campo Arabia Saudita e Messico. Ecco i 22 titolari:

ARABIA SAUDITA (3-4-3): Al Owais; Tambakti, Al-Boleahi, Al-Amri; Abdulhamid, Al-Hassan, Kanno, Al-Ghannam; Al-Buraikan, Al-Shehri, Al-Dawasari. All. Renard

MESSICO (4-3-3): Ochoa; J. Sanchez, Montes, Moreno, Gallardo; Pineda, E. Alvarez, Chavez; Lozano, Martin, Vega. All. Martino 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW