Connect with us

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero | Lazio, squadra così diversa ma così unita

Published

on

 


Dimenticate pistole, fucili e guerre come quelle che spesso si vedevano al campo Maestrelli. Era il 1974 da un lato Chinaglia e dall’ altro Wilson. Due generali al comando di due piccoli eserciti. Poi papà Maestrelli metteva tutti in riga la domenica. Era la Lazio dello scudetto. I tempi sono cambiati, oggi tutto corre su social e smartphone. Le divisioni nella Lazio di Inzaghi sono geografiche. La mappa del mondo tinta di biancoceleste abbraccia praticamente tutti i continenti, andando dal brasiliano Leiva all’ australiano Oikonomidis. Lingue, culture e modi di vivere differenti. Ecco allora che risulta più facile unirsi tra chi si capisce. Piccoli clan che però non hanno nessun tipo di rivalità. Durante il ritiro sono apparsi subito chiari i vari gruppetti. Bastava però accendere lo stereo. Tutti in piedi, la Lazio baila a ritmo. Inzaghi è il grande vecchio che sa bene come prendere tutti i suoi ragazzi. È psicologo e maestro. E non è un caso che in campo il gruppo sia unito.
Tutti per uno e uno per tutti.
I SENATORI Il senato è composto da capitan Lulic, da Radu, Parolo e Immobile. Sono loro a vigilare per primi sullo spogliatoio, a prendere le decisioni e a rimproverare chi sgarra alle regole. E non è un caso che siano stati proprio Ciro e Senad a parlare con Keita. Hanno più esperienza e anni di militanzia biancoceleste rispetto agli altri. Inzaghi li tiene in molta considerazione così come la società, che comunica a loro le decisioni.
I BRASILIANI Sono i più estroversi e caciaroni del gruppo. Il ritmo latino che gli scorre nelle vene è benzina per accendere il fuoco della fiesta. Anderson, Wallace, il giovane Luiz Felipe, cui si unisce sempre l’ angolano Bastos. Questione di Black Power e soprattutto di musica. Stereo in spalla e volume al massimo.
GLI SPAGNOLI Affinità di carattere con i brasiliani, ma Keita, Patric e Luis Alberto fanno gruppo a sé. I primi due hanno legato tantissimo e sono inseparabili. Basta farsi un giro sui social per leggere una pioggia di hermano, amigo. Luis Alberto è entrato gradualmente in questo triangolo fatto di musica, moda e locali di tendenza.
I RAGAZZI DELL’EST Sono i meno espansivi. Poche parole ma ben calibrate, hanno la scorza dura. Questione di dna, forgiato da anni difficili. La guerra l’ hanno vissuta in pochi. Forse nessuno in prima persona, ma i racconti delle famiglie sono tatuaggi indelebili sulle loro pelli. C’ è il tenente Milinkovic, idolo indiscusso dei tifosi. Sa di essere un top player e non fa nulla per nasconderlo. Del clan fanno parte Basta, Vargic e il neo acquisto Marusic. Parlano sempre nella loro lingua, anche per non farsi capire dagli altri. Divertentissimi i siparietti con Sergej che provava ad insegnare l’ italiano ad Adam.
PAESI BASSI Anche loro sono poco espansivi. Il freddo del nord caratterizza il carattere. Rocciosi e lottatori. Gli orange de Vrij, Hoedt e Kishna hanno adottato il belga Lukaku. E poi ci sono i più giovani con il graduato Murgia, Lombardi, Guerrieri, Oikonomidis, Crecco Palombi e Rossi.
Ridono e scherzano con tutti, spesso sono il bersaglio degli scherzi dei più grandi. Come al militare. Nazionalità diverse che la domenica scendono in campo per un mondo che ha una sola bandiera: quella biancoceleste.

E. Bernadini / Il Messaggero

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

TMW | Lazio, domani a Graz per una finale anticipata: obiettivo cancellare Midtjylland

Published

on

 


È la terza giornata del girone ma è già una finale. Del resto non può essere altrimenti se alla partita precedente hai perso 5-1. Così Martusciello, il vice di Sarri, ha presentato Sturm Graz-Lazio di domani alle 18.45: “Rappresenta il passaggio del turno. È una partita da ultima spiaggia, c’è da vincere e convincere. Bisogna continuare cosi e evitare quei down dell’ultima prestazione europea”. Nel gruppo F sono tutte a pari punti, 3: insomma, è veramente ti decisivo il match di giovedì.

Fraioli

Il problema di Midtjylland – Non che ci volesse una laurea a Coverciano per capirlo, ma a Formello sono tutti d’accordo che la causa della disfatta in casa del Midtjylland non siano le rotazioni nella formazione iniziale, con 5 cambi rispetto alla squadra schierata quattro giorni prima col Verona. Gila per Casale, Hysaj per Lazzari, Luis Alberto per Basic, Cataldi per Marcos Antonio e Pedro per Zaccagni. Quasi mezza squadra, sì, ma giocatori di primo livello, considerati titolari, superiori per valore assoluto agli avversari danesi. Il problema quindi, più che nei nomi, è stato nell’atteggiamento con cui la Lazio è scesa in campo: poco umile, spocchiosa, sicura di essere bella e vincente. Il famoso germe di Sarri.

Fraioli

Sì alle rotazioni – Contro la Cremonese e lo Spezia il gruppo ha risposto alla grande, ha reagito ma non basta per rimettere la nave in porto sicuro: c’è lo scoglio di Graz da superare per tornare in acque tranquille. Sull’aspetto mentale lavorerà Sarri, deciso a continuare nell’alternare alcuni giocatori (Vecino, Marcos Antonio, Gila si candidano), perché il tour de force non risparmia nessuno e lunedì c’è lo scontro diretto di Firenze. TuttoMercatoWeb/Riccardo Caponetti

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW