Connect with us

CalcioMercato

Il Messaggero | I tifosi a Keita: “Ora vattene”. Intanto Lotito potrebbe denunciare l’agente del senegalese

Published

on

 


In campo non poteva esserci, così come in panchina o in tribuna ma Keita, che ha indotto Inzaghi a non convocarlo, è stato lo protagonista lo stesso. Il suo nome scritto su tutti i muri. Il caso esploso nella serata di sabato ha fatto sentire la sua eco anche ieri. Non poteva essere altrimenti. Ci risiamo. La Lazio si è nuovamente impantanata in un braccio di ferro in cui a rimetterci sono solo i tifosi. Gli stessi che in una notte di rabbia, con la vernice, hanno insultato Balde e il suo procuratore. Il giocatore avrebbe lamentato un fastidio muscolare, salvo poi svolgere tutto l’allenamento di rifinitura. Inzaghi era stato sibillino in conferenza. La non convocazione ha trasformato il caso in una bomba. Il senegalese avrebbe anche disertato la cena di ieri con la squadra. Balde, in un insolito italiano perfetto, ha poi twittato una risposta al veleno. La misura si era superata da un pezzo in questo duello: da una parte Balde che vuole la Juventus e dall’altra Lotito che pretende 30 milioni per lasciarlo andare. In mezzo una serie di offerte vere o presunte di altri club. In questa storiaccia nessuno è esente da colpe. Non lo è il giocatore che, mal consigliato, continua a chiamarsi fuori. Non lo è il suo procuratore che, secondo alcune voci, il presidente della Lazio vorrebbe denunciare per estorsione. Non lo è Inzaghi che non lo ha gestito al meglio. Avrebbe dovuto escluderlo prima e non all’ultimo secondo. E sono colpevoli il duo Lotito-Tare. Il ds ha ribadito il concetto: «Il giocatore non era sereno e aveva espresso perplessità sull’impiego». Questa ennesima querelle si sarebbe potuta tranquillamente evitare comprando prima un sostituto di Keita. Il mancato rinnovo di contratto è la colpa originaria e da lì in poi ogni mossa ha finito per essere un autogol per la Lazio. Non volerlo perdere a zero è un conto, dover per forza stravincere è un altro. La rottura con Keita è totale. Oggi probabile incontro con la Juve. Sarebbe divertente vederlo in bianconero già nei prossimi giorni. Divertente ma non surreale. Biglia, insegna.

Il Messaggero – Emiliano Bernardini

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

CalcioMercato

CdSera | Lazio, maledizione fascia sinistra. Dopo Parisi spunta il tedesco Schulz

Published

on

 


Ogni squadra ha la sua maledizione: se il Benfica non vince una coppa europea da 60 anni e il Milan ha avuto per un decennio la “maledizione del numero 9”, la Lazio ha quella del terzino sinistro. Negli ultimi anni si sono alternate delusioni e sfortune, ma la costante è stata comunque il rendimento negativo degli acquisti: Garrido, Durmisi, Jony, Fares, Lukaku e ora Kamenovic. L’unico che ha lasciato il segno è stato Lukaku con l’assist per Murgia nella Supercoppa del 2017 contro la Juve. In quel ruolo si sono alternati Lulic e Radu per anni.

Nella rosa attuale non c’è un terzino sinistro. Sarri sta adattando Marusic e Hysaj, ma chiede un giocatore di ruolo. Nello specifico, il mister chiede Parisi dell’Empoli, ma la società punta Kerkez dell’Az. Dalla Germania, poi, si parla di una trattativa avanzata per Nico Schulz. Il classe 1993 potrebbe arrivare in prestito con il Dortmund disposto a pagare metà dello stipendio. Il tedesco fa fatica a giocare in Germania da quando l’ex compagna lo ha denunciato per violenza domestica e i tifosi chiedono al club di rescindergli il contratto. Schulz sui social è stato bersagliato dagli insulti tanto da aver chiuso ogni profilo. A 30 anni ha bisogno di una nuova avventura lontano dalla Germania.

Corriere della Sera 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW