Connect with us

Per Lei Combattiamo

Andale Luis

enrico.delellis@libero.it'

Published

on

 


Luis domani giochi“, schietto e diretto, senza troppi giri di parole. Simone Inzaghi così ha comunicato al fantasista spagnolo, poche ore prima della partita il suo ingresso dal primo minuto nella finale di Supercoppa. Pensieri ed emozioni contrastanti. La fatica di Auronzo, gli applausi nelle prime uscite, la fiducia dello staff tecnico e il ruolo da protagonista. La sfida contro la Juventus, non è una partita come le altre, specialmente in una finale, quando la voglia di rivincita è tanta (dopo la Coppa Italia vista alzare da Buffon e compagni a maggio nel proprio stadio). Alzare un trofeo tra le mura amiche, convincere i più scettici definitivamente e prendersi una volta per tutte la Lazio, dopo le ultime vere apparizione nel finale di campionato nello scorso anno. Cuffiette alle orecchie, i The Buggles con Video Killed The Radio Star a palla e il viaggio in Pullman verso l’Olimpico può partire.

luis alberto 2

LA PARTITA – Concentrazioni a livelli massimi, durante il riscaldamento. Lo sguardo è rivolto alla Nord, ad uno stadio pieno colorato per più della metà di biancoceleste, in una notte di mezza estate. La mente riporta a delle istantanee; l’arrivo a Roma in punta di piedi, le difficoltà di ambientamento, il richiamo del Deportivo e l’addio quasi scontato nella passata sessione di mercato di gennaio. Inzaghi e il direttore sportivo Tare bloccarono tutto: “Luis sei importante, arriverà la tua chance e dimostrerai quanto vali“. Mai mollare must ricorrente nel vocabolario personale Spagnolo – Luis Alberto. Il fischio di Massa riporta il numero 18 alla realtà. L’intesa con Milinkovic e Immobile è perfetta. Lucas Leiva dietro trova sempre i due trequartisti pronti per inventare. Luis cerca la palla, la vuole, troppo grande l’occasione per aver timore e paura. Il vantaggio biancoceleste nasce da una grande giocata del serbo per Immobile, ma il movimento senza palla del classe 92′, che permette ai due compagni di squadra di fare la giocata è da far vedere nelle scuole calcio. Tutti lo cercano in continuazione, lui accarezza la palla come pochi sanno fare. Buffon i due occasioni gli nega anche la gioia personale del gol. La corsa sotto la Curva alla rete dell’apoteosi di Alessandro Murgia, la festa negli spogliatoi, le lacrime nel post partita, sono momenti indelebili. La foto con la moglie e la figlia, resterà appesa per molto tempo nella dimora romana. Le parole rilasciate nella pancia dell’Olimpico, sanno di un nuovo inizio, come se la scorsa stagione non fosse mai esistita: “Ringrazio la mia famiglia. Perchè sono rimasto alla Lazio? Perchè non amo perdere“.

luis alberto 1

IL RINFORZO – Tante saranno le partite che la Lazio dovrà giocare nella prossima stagione, tre competizioni, la voglia di non commettere gli errori del passato è l’obiettivo primario da parte della società. Un mercato mirato, con le pedine giuste prese, per rendere la rosa ancora più competitiva, in attesa di capire come andrà a finire la vicenda Keita, sempre più lontano da Roma. Domenica Luis Alberto ha preso proprio il posto del senegalese, dimostrando a tutti di essere pronto a disputare una stagione da protagonista. Il sogno si chiama Mondiale, difficile, quasi impossibile, ma anche convincere i tifosi biancocelesti era una “battaglia” non semplice. Il vento è cambiato, la Lazio adesso è un grande amore, la nostalgia di casa un lontano ricordo, la voglia di sentire il nome echeggiare in tutto l’Olimpico e difendere con onore la maglia della Prima Squadra della Capitale il desiderio. Un sentimento nuovo, un feeling con la tifoseria sbocciato ad agosto, come una stella cadente nella notte di San Lorenzo. Per dirla alla Neruda: “E da allora sono perchè sei tu, e da allora sei, sono e siamo, e per amore sarò, sarai, saremo“.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

SERIE B | Lazio Women-Cittadella Women, la designazione arbitrale

Published

on

 


La 9ª giornata di Serie B Lazio WomenCittadella Women, in programma domenica 27 novembre 2022 alle ore 14:30 al Centro Sportivo Mirko Fersini di Formello, sarà diretta dal signor Alessio Amadei della sezione di Terni, coadiuvato dagli assistenti Manuel Cavalli e Usman Ghani Arshad.

Come riportato dal sito ufficiale dell’AIA 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW