Connect with us

Per Lei Combattiamo

CONFERENZA INZAGHI – “Supercoppa alle spalle, testa alla Spal. Keita e Hoedt? Vanno sostituiti”

Published

on

 


Comincia la Serie A. Domani sera all’Olimpico arriva la Spal per la prima giornata di campionato. La Lazio arriva dopo la vittoria in Supercoppa Italiana di domenica scorsa contro la Juventus.

Dove posizioni la Lazio in una ipotetica griglia di partenza?

“Le griglie è sempre difficile farle alla vigilia. Tante squadre si sono rinforzate per fare meglio dello scorso anno. Ci sarà da lottare, noi siamo lì e ho visto che dopo la vittoria  di Supercoppa, qualcuno ha cominciato a parlare della Lazio. Conosco la squadra che alleno e sono fiducioso. Io leggo e mi informo e dentro di me sapevo che la Lazio vale di più di quello che dicevano.

Ti senti deluso da Keita?

“Se ne è parlato tanto. E’ un giocatore su cui ho puntato sempre a occhi chiusi. Nessuno prima di me lo aveva fatto giocare tanto. Lo avrei fatto giocare in questa gara ma nell’ultima settimana non ho visto gli atteggiamenti giusti. Per cui ho deciso di escluderlo perchè sono tutti importanti ma nessuno è indispensabile”

La vittoria contro la Juventus vi ha dato qualcosa in più?

“Stiamo parlando di una vittoria storica e meritata. Nessuno ci avrebbe scommesso ma ero molto fiducioso. La sera prima ne parlavo anche con il mio staff, è stata la vittoria del gruppo. Abbiamo battuto una delle squadre più forte d’Europa”

Si può parlare di obiettivo quarto posto?

“In cuor mio la speranza ci sta. Le milanesi hanno investito tanto, le prime tre dello scorso campionato non si sono indebolite. Poi ci sono Atalanta, Torino e Fiorentina. Non ero d’accordo quando si parlava di decimo posto, ma nemmeno penso che siamo i favoriti per il quarto posto. L’anno scorso ci siamo conquistati tutto sul campo. Il desiderio è stare nei piani alti della classifica per far contenti anche i tifosi”

Il VAR può essere un cambiamento epocale?

“Io sono favorevole perchè l’anno scorso noi siamo stati danneggiati. Ci dovremo abituare perchè è qualcosa di innnovativo che il calcio ancora non conosce. Bisogna solo cercare di fare in modo che i tempi per valutare siano brevi”

Che partita si aspetta domani?

“Domani abbiamo una prova di maturità. La vittoria in Supercoppa è stata straordinaria ma adesso dobbiamo concentrarci sulla Spal che non sarà una gara semplice”

Questi giorni di mercato sono l’occasione per migliorare la squadra?

“Io ho sempre pensato che il mercato debba chiudere prima dell’inizio della nuova stagione e l’ho ribadito anche nelle sedi opportune. Stiamo operando bene sul mercato, dobbiamo capire cosa succedere con Keita perchè andrebbe sostituito immediatamente qualora partisse”

E’ l’occasione per Palombi?

“Potrebbe perchè ha lavorato bene. Dobbiamo valutare alcuni giocatori che devono rientrare. Simone si impegna come i suoi compagni. Domani dopo la rifinitura deciderò”

Come può crescere ancora Luis Alberto?

“E’ un giocatore di tantissima qualità che però sa abbinare anche la quantità Contro la Juventus ha corso quanto Parolo e Milinkovic. Prima della Supercoppa ci ho parlato per spiegargli che può diventare una grande risorsa. L’anno scorso non gli ho regalato nulla e ha capito che doveva aumentare l’intensità in allenamento. Può giocare davvero in tutti i ruoli del centrocampo”

Ti aspetti un difensore dopo la partenza di Hoedt?

“Oggi Wesley si allenerà con noi e poi vedremo se ci saranno degli sviluppi. Hoedt per noi è importante perchè ci dà tante soluzioni. Purtroppo ha chiesto di andare via perchè vuole giocare sempre e qua non posso garantirglielo. Gliel’ho detto chiaramente nonostante nella scorsa stagione è stato il più presente. Non è convinto di questa cosa. Domani sarà convocato, se venisse ceduto dovremmo intervenire con un difensore mancino visto che rimane solo Radu”

Come sta Caicedo?

“L’ho voluto e mi piace. E’ arrivato per ultimo, ha grande spirito e si sta impegnando per mettersi alla pari degli altri. APpena sarà pronto ci darà grandi soddisfazioni”

Che opinioni hai su tutti questi certificati medici?

“Penso che sia una cosa sbagliatissima perchè si manca di rispetto all’allenatore e ai compagni. Come giusto che sia, un giocatore può volere andare via ma bisogna sempre comportarsi da uomini e dai professionisti. Sta diventando una abitudine che deve per forza cambiare”

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

TMW | Lazio, domani a Graz per una finale anticipata: obiettivo cancellare Midtjylland

Published

on

 


È la terza giornata del girone ma è già una finale. Del resto non può essere altrimenti se alla partita precedente hai perso 5-1. Così Martusciello, il vice di Sarri, ha presentato Sturm Graz-Lazio di domani alle 18.45: “Rappresenta il passaggio del turno. È una partita da ultima spiaggia, c’è da vincere e convincere. Bisogna continuare cosi e evitare quei down dell’ultima prestazione europea”. Nel gruppo F sono tutte a pari punti, 3: insomma, è veramente ti decisivo il match di giovedì.

Fraioli

Il problema di Midtjylland – Non che ci volesse una laurea a Coverciano per capirlo, ma a Formello sono tutti d’accordo che la causa della disfatta in casa del Midtjylland non siano le rotazioni nella formazione iniziale, con 5 cambi rispetto alla squadra schierata quattro giorni prima col Verona. Gila per Casale, Hysaj per Lazzari, Luis Alberto per Basic, Cataldi per Marcos Antonio e Pedro per Zaccagni. Quasi mezza squadra, sì, ma giocatori di primo livello, considerati titolari, superiori per valore assoluto agli avversari danesi. Il problema quindi, più che nei nomi, è stato nell’atteggiamento con cui la Lazio è scesa in campo: poco umile, spocchiosa, sicura di essere bella e vincente. Il famoso germe di Sarri.

Fraioli

Sì alle rotazioni – Contro la Cremonese e lo Spezia il gruppo ha risposto alla grande, ha reagito ma non basta per rimettere la nave in porto sicuro: c’è lo scoglio di Graz da superare per tornare in acque tranquille. Sull’aspetto mentale lavorerà Sarri, deciso a continuare nell’alternare alcuni giocatori (Vecino, Marcos Antonio, Gila si candidano), perché il tour de force non risparmia nessuno e lunedì c’è lo scontro diretto di Firenze. TuttoMercatoWeb/Riccardo Caponetti

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW