Connect with us

Per Lei Combattiamo

Conceição in extremis come Murgia: Juventus ko in Supercoppa anche 19 anni fa

jacoposimonelli@yahoo.it'

Published

on

 


Ventinove agosto 1998, l’alba del ciclo vincente della Lazio di Sergio Cragnotti. I biancocelesti pochi mesi prima hanno conquistato la Coppa Italia contro il Milan, la seconda della storia, così hanno guadagnato il diritto a giocarsi anche la Supercoppa italiana a Torino, contro i campioni d’Italia della Juventus. Si gioca al Delle Alpi, ma le premesse non sono buone. I bianconeri hanno appena vinto lo scudetto e in più possono contare sul fattore campo. Gara quindi decisa in partenza? Proprio no, bisogna tener conto di un piccolo dettaglio: dall’altra parte c’è una squadra forte in ogni reparto. I piemontesi lo capiranno troppo tardi. Perché gli uomini di Eriksson dominano e vanno avanti con Nedved. E’ un’azione corale, quasi da playstation. Veron crossa, Mancini aggancia in area di rigore ma è di spalle.

Il Mancio però non indossa la numero 10 per caso, così con l’occhio posteriore vede l’inserimento di Pavel e lo serve di tacco. Il ceco tira al volo di destro e non lascia scampo a Peruzzi. La gara sembra in discesa ma all’88’ Del Piero pareggia con un rigore che definire dubbio è un eufemismo. Cala lo spettro supplementari, con la Lazio segnata dalla beffa? E invece no, Sergio Conceição – al debutto – si traveste da uomo della giustizia e al 93′ segna il gol vittoria. I capitolini conquistano la loro prima Supercoppa e la Juventus la prende male: diserta la premiazione.

Eppure i bianconeri non imparano la lezione. 19 anni dopo infatti, due settimane fa, sempre contro la Lazio commettono lo stesso errore, di nuovo con la Supercoppa in palio. Riprendono la partita in extremis ma calano la concentrazione sul più bello. Un doppio Dybala rimonta un doppio Immobile ma l’ultima parola se la prende Murgia. Sfondamento di Lukaku e gol del classe ’96 sotto la Nord, parte la festa. E la quarta Supercoppa italiana prende la via di Formello…

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Serie A, una panchina sempre più vicina al cambio allenatore: ecco di chi si tratta

Published

on

 


La sconfitta casalinga di oggi contro il Monza potrebbe esser stata fatale: Marco Giampaolo è sempre più a rischio esonero, la sua panchina sembra ora destinata a saltare dopo la quarta sconfitta consecutiva in campionato della Sampdoria, quinta nelle ultime sei. Come riporta Gianlucadimarzio.com, la decisione sembra essere praticamente presa e, in caso di addio di Giampaolo, sono due le possibilità che si aprono, entrambi eventuali ritorni: Claudio Ranieri e Roberto D’Aversa, predecessore proprio dell’attuale allenatore della Sampdoria, ancora sotto contratto fino al 2024.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW