Connect with us

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero | Lotito ha detto no ad una super offerta della Juve per Milinkovic Savic: le cifre

Published

on

 


IL PERSONAGGIO Fu un generale di ventidue anni figlio d’ un temporale. Così come un fulmine, Sergej prima di sparare, nemmeno ci pensa. Così parte una fucilata che nasconde la polvere biancoceleste sotto il tappeto del Bentegodi. Milinkovic sempre più beniamino della gente. E non son passati neanche due anni da quando si presentò con un bacione di Giuda a Firenze: da allora 17 volte il suo nome sul tabellino, tra campionato e Coppa Italia, trasformate in 16 vittorie e un passaggio del turno con questa maglia. Nel 2015, 5,2 milioni al Genk più le commissioni (intorno ai 3 milioni) al procuratore Kezman. Fondamentale proprio per la mancata firma di Sergej coi viola e per il rinnovo sino al 2022. Promesse mantenute alla Lazio, adesso ce n’ é un’ altra confermata: «Sarà lo Yaya Touré biancoceleste». Ormai non solo il fisico è quello, 192 centimetri d’ esplosività, più di Pogba, per intenderci, al quale tutti oggi lo stanno già paragonando. La stessa Juve, che voleva portarlo quest’ estate a Torino con un’ offerta da quasi 50 milioni. Lotito esagera: «Ne ho rifiutati 70». Poco importa perché, a vedere i numeri, Milinkovic oggi vale più di una mano santa. Anzi, i suoi piedi sono un talismano: quando segna, la Lazio vince sempre e Inzaghi esplode come un vulcano. Ma Sergej è fondamentale anche quando le sue giocate non fanno troppo baccano: top player nei passaggi (51 su 65), nei tocchi (84) e ovviamente nei duelli aerei (3), anche a Verona questo gigante serbo rifà a tutti il pelo. Ormai la normalità per chi respira pochi metri sotto il cielo.
GALACTICO Irriverente e fastidioso, questo Milinkovic, come quando s’ immortalò all’ ombra del Colosseo sotto il ponte dove la Nord aveva appeso macabri manichini dopo i derby vinti. Una pistola e la faccina del diavolo per consacrasi anche sui social come il nuovo idolo. Ma la sua sfrontatezza è linfa soprattutto in campo nelle feste, è l’ ingrediente del veleno biancoceleste. Ringhio da mezzala, tocco da fantasista e profondità da centravanti, Sergej è uno e trino per chiunque si trovi ai suoi fianchi. Come il suo cuore, ormai diviso fra Lazio, Spagna e Serbia, tra carbonara, sangria e rakija. Quasi un personaggio mitologico, ma il suo sogno, un giorno, è essere solo galactico. Non è un caso che abbia scelto la maglia numero 21, in Italia esclusiva dell’ idolo Zidane.
Lo ammette pure, il biancoceleste: «Da piccolo impazzivo per Raul, oggi è invece Ibrahimovic il mio calciatore preferito. Così come chi lo allena.
Mourinho è il miglior allenatore al mondo».
CONSACRAZIONE Oggi è semplicemente Inzaghi il segreto della sua consacrazione. L’ anno scorso era già passato al 3-5-2 per far posto a questo serbo d’ oro. Si son trovati quasi come amici e l’ uno per l’ altro sono un tesoro. Con Simoncino in panchina otto gol e otto vittorie: sette, più il centro per la finale dell’ ultima Coppa Italia persa. Si è rifatto in Supercoppa, Milinkovic, ma non gli basta mica: «Non andrò via finché non avrò vinto qualcosa d’ importante qui». Magari potrebbe trionfare anche nel cuore di qualche bella italiana, dopo la separazione dalla fidanzata Andrea Travica. Intanto però vorrebbe prendersi la Nazionale serba senza tutta questa fatica. Se la merita tutta, ma il ct Muslin (dicono antichi dissapori col manager Kezman) continua a ignorarlo. Così Sergej ieri è tornato in patria col fratello Vanja solo per vacanza sino al prossimo colpo di meravigliosa arroganza.
Alberto Abbate / Il Messaggero

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Lazio Women

SERIE B | Chievo Verona Women-Lazio Women: la designazione arbitrale

Published

on

 


La 10ª giornata di Serie B Chievo Verona WomenLazio Women, in programma domenica 4 dicembre 2022 alle ore 14:30 allo Stadio Olivieri di Verona, sarà diretta dal signor Matteo Santinelli della sezione di Bergamo, coadiuvato dagli assistenti Lorenzo Riganò e Usman Ghani Arshad.

Come riportato dal sito dell’AIA 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW