Connect with us

CalcioMercato

Il Tempo | Delirio Lazio per Nani

Published

on

 


E’ atterrato ieri mattina a Ciampino con un jet privato, puntuale alle 8.30. Occhiali da divo e abbigliamento sportivo, Luis Nani è il nuovo top player della Lazio. Entusiasmo alle stelle e colpo ad effetto del presidente Lotito, la trattativa con il Valencia si è chiusa in 24 ore. Prestito gratuito con diritto di riscatto libero (fissato a 8 milioni), il prossimo anno – qualora il club decidesse di confermarlo – il contratto del portoghese verrebbe prolungato per altre due stagioni. Un capolavoro. L’ex Manchester Utd guadagnerà 2,5 milioni di euro a salire, diventerà il più pagato della rosa insieme a Lucas Leiva. Esperienza internazionale e un curriculum da fuoriclasse, alle 9.30 si è presentato con il procuratore Federico Pastorello alla clinica Paideia per le visite mediche di rito. Ad attenderlo un centinaio di tifosi in festa, l’euforia ha contagiato l’ambiente biancoceleste, l’ufficialità del trasferimento è arrivata nel pomeriggio attraverso un comunicato (presentazione Baby acquisti Pedro Neto e Bruno Jordao gli altri affari portati a termine in programma la prossima settimana).

Può sorridere Simone Inzaghi, il ribelle Keita Baldé Diao non verrà rimpianto, Nani rappresenta il presente e il futuro. uno che in camera ha vinto 4 Premier League, una Champions, un Mondiale per Club e un Europeo da protagonista. Classe 1986, trentuno anni da compiere, integro fisicamente e pronto al recupero. Con il Valencia era rimasto fuori dal 25 luglio scorso per una distorsione al ginocchio, acqua passata. Da due settimane infatti aveva ripreso ad allenarsi, con il Milan potrebbe strappare in extremis la convocazione. La sua storia parte dallo Sporting Lisbona, un caldo praticato per strada, fatto di numeri che per gli altri calciatori sono impensabili. Luís Carlos Almeida da Cunha detto Nani (soprannome dato dalla sorella) è cresciuto in una via senza nome: un sentiero polveroso che attraversa l’erba verso la casa a Santa Filomena, baraccopoli alle porte di Lisbona. Qui il 30% dei giovani tra i quindici e i trent’anni è coinvolto in crimini. Lui e i suoi amici non erano immigrati ma neppure portoghesi, erano i figli delle colonie malvisti dalla società. Luís non è diventato cittadino portoghese fino ai 18 anni. La sua passione oltre al calcio era la capoeira, da qui le sue esultanze acrobatiche dopo ogni gol al ManchesterUnited. L’unico problema vero era la fame. Ne aveva così tanta che a volte si era trovato costretto a rubare del cibo. Si è sfogato con il calcio, gli è sempre riuscito tutto con una naturalezza disarmante, forse perché cresciuto proprio sotto il mito di Luis Figo, così come Cristiano Ronaldo e Quaresma. E intanto sognano un futuro simile anche l’attaccante Pedro Neto e il centrocampista Bruno Jordao, prelevati entrambi dal Braga per 15 milioni di euro. Due talenti in prospettiva, Inzaghi inizierà a valutarli da oggi pomeriggio.

Il Tempo – Gianluca Cherubini

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

CalcioMercato

CdSera | Lazio, maledizione fascia sinistra. Dopo Parisi spunta il tedesco Schulz

Published

on

 


Ogni squadra ha la sua maledizione: se il Benfica non vince una coppa europea da 60 anni e il Milan ha avuto per un decennio la “maledizione del numero 9”, la Lazio ha quella del terzino sinistro. Negli ultimi anni si sono alternate delusioni e sfortune, ma la costante è stata comunque il rendimento negativo degli acquisti: Garrido, Durmisi, Jony, Fares, Lukaku e ora Kamenovic. L’unico che ha lasciato il segno è stato Lukaku con l’assist per Murgia nella Supercoppa del 2017 contro la Juve. In quel ruolo si sono alternati Lulic e Radu per anni.

Nella rosa attuale non c’è un terzino sinistro. Sarri sta adattando Marusic e Hysaj, ma chiede un giocatore di ruolo. Nello specifico, il mister chiede Parisi dell’Empoli, ma la società punta Kerkez dell’Az. Dalla Germania, poi, si parla di una trattativa avanzata per Nico Schulz. Il classe 1993 potrebbe arrivare in prestito con il Dortmund disposto a pagare metà dello stipendio. Il tedesco fa fatica a giocare in Germania da quando l’ex compagna lo ha denunciato per violenza domestica e i tifosi chiedono al club di rescindergli il contratto. Schulz sui social è stato bersagliato dagli insulti tanto da aver chiuso ogni profilo. A 30 anni ha bisogno di una nuova avventura lontano dalla Germania.

Corriere della Sera 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW