Connect with us

Per Lei Combattiamo

PRIMAVERA | Bonatti: “Siamo carichi per questo nuovo percorso, possiamo fare bene. Su Pedro Neto…”

Published

on

 


Mister Andrea Bonatti, tecnico della Lazio Primavera, è intervenuto questo pomeriggio ai microfoni di Lazio Style Radio, 89.3 FM.

“Siamo carichi, motivati e vogliosi di iniziare questo nuovo percorso nel quale tutti ci auguriamo di essere protagonisti e per il quale abbiamo lavorato alacremente finora. Il nuovo format del campionato prevede squadre di livello, che posso aiutare i ragazzi a crescere per poi avere un futuro professionale soddisfacente.

Un anno fa partivo con la stessa fiducia nei confronti del mio lavoro, del mio staff e della Società. Ero un novello della categoria, sono contento della scorsa annata che è stata ampiamente positiva, nella speranza di un futuro migliore.

Abbiamo cambiato più della metà della rosa ma si è creata una buona amalgama, abbiamo intrapreso un buon percorso di cultura del lavoro. La condizione atletica va migliorata, così come la conoscenza dei principi di gioco.

Sul campo esiste una sola lingua che è quella del calcio ma nel mio ruolo ho anche il compito di insegnare, limitatamente alle mie conoscenze, quello che voglio dai miei ragazzi. Parlare in inglese aiuta a favorire l’apprendimento di tutti ma gran parte sta nella capacità di ricezione dei singoli.

Effettuo le mie scelte per il bene del Club, compiendo valutazioni complete sui giocatori. Per essere calciatori occorrono qualità tecniche, atletiche, tattiche e cognitive. In questo gruppo ci sono potenzialità che devo rendere realtà.

La prima di campionato ha sempre un sapore particolare, in qualsiasi categoria. Dal punto di vista tattico, ci sono poche informazioni sull’avversario. Finora abbiamo lavorato sullo sviluppo die nostri principi di gioco. Voglio vedere quanto è stato appreso. Rossi è un ragazzo dalle qualità straordinarie e nello scorso anno è stato il catalizzatore di molti flussi di gioco. Io, però, voglio che ci sia una coralità all’intero della quale il singolo può esprimere al meglio le proprie qualità. Se segna Al Hassan, Sarac, Rezzi, Maloku o Lukai, non mi interessa.

Credo molto nella mia squadra. Lo scorso anno abbiamo ottenuto il record di nove vittorie consecutive, abbiamo portato sette giocatori tra i professionisti ed abbiamo vinto il nostro girone dopo quattro anni. Per migliorarci, dobbiamo portare più giocatori tra i professioni o farlo ad un livello superiore.

Vivo le emozioni del momento, che in alcuni contenesti mi trasportano. Credo che io debba rappresentare un esempio per i miei ragazzi.

Miceli giocherà a centrocampo, colgo l’occasione per ringraziarlo di quanto fatto lo scorso anno. Nel calcio non c’è memoria, questo vale sia per il nostro nuovo capitano sia per tutti gli altri.

Rispetto allo scorso anno abbiamo aumentato le sedute di lavoro. Mi auguro che il calcio italiano possa continuare a sfornare talenti di assoluto livello perché ci sono tutti i presupposti per farlo. A volte manca la cultura del lavoro ma dobbiamo essere noi grandi a farlo per primi.

Essere giovani porta entusiasmo ma l’esperienza di chi ha qualche anno in più è una componente importantissima.

Avevo visto Pedro Neto in una gara contro il Porto per un mio corso di aggiornamento sul calcio europeo. Ha ottime caratteristiche, che la Società ha intravisto per puntare su di lui per un futuro roseo.

Al Fersini ci sono lavori in corso ma se questo comporterà un terreno di gioco in perfette condizioni per il resto della stagione, come è stato nella passata stagione, ben venga disputare la prima di campionato in casa non a Formello”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

MONDIALI 2022 | Germania eliminata e Giappone primo nel girone: Spagna seconda

Published

on

 


Succede di tutto nel Gruppo E, che ha visto continui ribaltamenti di fronte decisivi ai fini della classifica finale del girone. Partendo dal match tra Costa Rica e Germania, la vittoria tedesca per 2-4 non basta comunque per la nazionale guidata da Flick: i tedeschi vengono dunque eliminati nella fase a gironi per il secondo Mondiale consecutivo. La Germania era passata in vantaggio grazie al gol di Gnabry, al quale nel secondo tempo la Costa Rica aveva risposto con Teiera e Vargas, che avevano fatto sognare la qualificazione per alcuni minuti con il momentaneo 1-2. Da qui la rimonta tedesca, arrivata con la doppietta di Havertz e dal gol di Fullkrug.

Nel match tra Giappone e Spagna le furie rosse erano passate in vantaggio grazie alla rete di Morata, con il Giappone che però in avvio di secondo tempo ha ribaltato il match con i gol di Doan e Tanaka, arrivati al 48′ e al 51′, decisivi si fini della vittoria giapponese, arrivata per 2-1. Da quel momento la Spagna ha anche rischiato l’eliminazione, complice l’estemporaneo vantaggio del Costa Rica. La classifica finale fa registrare dunque il primo posto del Giappon, che affronterà agli ottavi la Croazia, e il secondo della Spagna, che affronterà invece il Marocco.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW