Connect with us

Per Lei Combattiamo

PAGELLE – Sinfonia biancoceleste a Marassi: prima di Bastos e nona di Immobile

Published

on

 


Strakosha 6,5 – Tre tiri subiti: il primo viene deviato in porta da Radu, sul secondo sfiora il pallone ma non basta, al terzo si affida al suo istinto salvando il risultato. A parte questi episodi, il Genoa nemmeno si avvicina alla sua porta.

Bastos 6,5 – Si avventa sulla punizione di Milinkovic respinta da Perin e trova la prima rete con la maglia biancoceleste. Per il resto buona gara che riscatta quella di giovedì in Europa League. Si concede anche il lusso di partire ogni tanto palla al piede.

De Vrij 5,5 – Ottava gara consecutiva fra Lazio e Olanda. Primo tempo di assoluta tranquillità, soffre l’ingresso di Pellegri. Il 2001 rossoblu lo obbliga prima al cartellino giallo, poi l’orange è sfortunato quando la sua scivolata causa il rimpallo che porta al pareggio della punta ligure.

Dal 61′ Caicedo 6,5 – L’approccio è perfetto: pressing, presenza in area, ripiegamenti difensivi. Felipe esegue gli ordini del tecnico e partecipa alla vittoria finale, peccato il suo diagonale che sfiora il palo.

Radu 6,5 – Sarebbe il miglior della difesa se non si fosse messa di mezzo la sfortuna. L’1-1 nasce da un suo involontario assist di mento per Pellegri

Basta 6 – La sua generosità è indiscutibile, però troppe azioni rallentate dai suoi continui rientri sul piede mancino per crossare. Poteva chiudere la partita nel primo tempo ma spara incredibilmente fuori. Quando il Genoa trova l’1-1, Inzaghi lo richiama in panchina per avere maggiore spinta.

Dal 66′ Marusic 6,5 – Incoraggiante il suo ingresso dopo qualche apparizione andata a vuoto. Sulla fascia parte con puntualità e in difesa è stato attento e concentrato.

Murgia 6,5 – La Lazio vince 2-3 ma questa volta non è lui a segnare la rete decisiva. Gioca una partita di grande maturità alternando incursioni offensive a coperture preziose.

Dal 66′ Lukaku 6,5 – Appena entrato ha l’occasione per tornare in vantaggio ma sul suo tiro a botta sicura Perin compie un miracolo. Allora torna a far quello che gli riesce meglio: brucia Brlek in velocità e serve a Immobile il pallone del 1-2.

Lucas Leiva 6,5 – Se la difesa non soffre e il portiere non subisce tiri il motivo è semplice. Il brasiliano è sempre al posto giusto al momento giusto per fermare le azioni rossoblù fino a quando Inzaghi lo arretra. Il centrale di difesa non è il suo ruolo e Pellegri gli sfila alle spalle per la doppietta. Compreso l’errore, si francobolla alla punta di Juric e lo anticipa con cattiveria e maturità.

Lulic 6,5 – Sulla fascia o come mezz’ala cambia poco. Corre per novanta minuti per tutto il campo gestendo con intelligenza i palloni. Meglio del dirimpettaio Basta sull’altra fascia.

Luis Alberto 7 – Ormai la Lazio gira grazie alle sue giocate. Prima ora da trequartista e poi si abbassa davanti la difesa ma il risultato non cambia. Se poi si mette anche a fare accelerazioni come quelle nel primo tempo, Inzaghi ha trovato il tesoro.

Milinkovic 7 – Adesso sa calciare anche le punizioni. Inzaghi sta pensando di provarlo pure in porta. Con Luis Alberto forma una coppia perfetta alle spalle di Immobile. Deve migliorare su alcuni leziosismi da evitare.

Immobile 8 – Brutto, inconcludente, testardo. Però segna una doppietta sfruttando le due occasioni più nitide e tutto è più bello. Nono gol in sei partite, al momento l’attaccante italiano più forte in circolazione.

All.: Inzaghi 7 – La Lazio domina ma l’incubo Genoa aleggia fino al novantesimo sul Marassi. Simone però è specializzato in inversioni di rotta e anche questa volta lo aiuta la panchina. Marusic finalmente si mette in mostra, Lukaku solito assist e Caicedo a cui manca solo il gol. Imbattutto in Italia e Europa, meglio dei rivali. E ancora non si sono visti Felipe e Nani.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

TMW | Lazio, domani a Graz per una finale anticipata: obiettivo cancellare Midtjylland

Published

on

 


È la terza giornata del girone ma è già una finale. Del resto non può essere altrimenti se alla partita precedente hai perso 5-1. Così Martusciello, il vice di Sarri, ha presentato Sturm Graz-Lazio di domani alle 18.45: “Rappresenta il passaggio del turno. È una partita da ultima spiaggia, c’è da vincere e convincere. Bisogna continuare cosi e evitare quei down dell’ultima prestazione europea”. Nel gruppo F sono tutte a pari punti, 3: insomma, è veramente ti decisivo il match di giovedì.

Fraioli

Il problema di Midtjylland – Non che ci volesse una laurea a Coverciano per capirlo, ma a Formello sono tutti d’accordo che la causa della disfatta in casa del Midtjylland non siano le rotazioni nella formazione iniziale, con 5 cambi rispetto alla squadra schierata quattro giorni prima col Verona. Gila per Casale, Hysaj per Lazzari, Luis Alberto per Basic, Cataldi per Marcos Antonio e Pedro per Zaccagni. Quasi mezza squadra, sì, ma giocatori di primo livello, considerati titolari, superiori per valore assoluto agli avversari danesi. Il problema quindi, più che nei nomi, è stato nell’atteggiamento con cui la Lazio è scesa in campo: poco umile, spocchiosa, sicura di essere bella e vincente. Il famoso germe di Sarri.

Fraioli

Sì alle rotazioni – Contro la Cremonese e lo Spezia il gruppo ha risposto alla grande, ha reagito ma non basta per rimettere la nave in porto sicuro: c’è lo scoglio di Graz da superare per tornare in acque tranquille. Sull’aspetto mentale lavorerà Sarri, deciso a continuare nell’alternare alcuni giocatori (Vecino, Marcos Antonio, Gila si candidano), perché il tour de force non risparmia nessuno e lunedì c’è lo scontro diretto di Firenze. TuttoMercatoWeb/Riccardo Caponetti

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW