Connect with us

Per Lei Combattiamo

Hellas Verona-Lazio, i numeri del match

marco.cervino4@gmail.com'

Published

on

 


La Lazio si riscatta. Dopo la sconfitta patita contro il Napoli, gli uomini di Inzaghi sono tornati alla vittoria espugnando nuovamente il Marcantonio Bentegodi. Dopo aver battuto il ChievoVerona lo scorso 27 agosto per 1-2, nella giornata di ieri i biancocelesti sono riusciti a superare per 0-3 l’Hellas Verona di Fabio Pecchia.

Gli uomini di Simone Inzaghi hanno legittimato il successo facendo registrare a proprio favore il 57% del possesso palla totale. Attraverso la gestione della sfera, i biancocelesti sono riusciti a scoccare 10 conclusioni, 9 delle quali hanno costituito una concreta occasione da gol. Offensivamente, in particolare, la Prima Squadra della Capitale ha costruito 29 azioni offensive: 13 di queste sono state sviluppate sulla destra, 7 centralmente e 9 dalla sinistra.

Analizzando le posizioni medie registrate dalla compagine biancoceleste nel corso del match, è importante focalizzare particolarmente l’attenzione sull’ampiezza della squadra di Inzaghi ed alla corsia di destra;quest’ultima, non è stata a caso la catena più prolifica d’iniziative offensive nel corso della sfida. Le ricorrenti sovrapposizioni tra Parolo e Marusic, infatti, hanno creato più volte superiorità numerica nei confronti degli scaligeri.

Nella sfida di ieri Luis Felipe ha esordito dal primo minuto in Serie A TIM. Il centrale brasiliano, dopo aver raccolto i primi minuti nel campionato italiano di massima serie in occasione della vittoria casalinga sul Milan e dopo aver debuttato dal primo minuto in Europa League contro il Vitesse, è stato schierato da titolareanche in Serie A. Una prova convincente del classe ’97 che ha messo in mostra grandi doti di letturain fase difensiva, oltre alle qualità fisico-tecniche che hanno permesso al numero 27 biancoceleste di dare il via all’azione che ha portato al 2-0 della Lazio.

Una prima volta anche per Adam Marusic che, alla sua settima presenza in maglia biancoceleste, è riuscito a siglare la prima rete con l’Aquila sul petto.

Gli uomini di Inzaghi hanno espugnato, quindi, per la seconda volta in stagione il Marcantonio Bentegodi. In Serie A TIM, i biancocelesti non erano mai riusciti a vincere finora entrambe le trasferte di Verona. Per la prima volta in campionato, quindi, gli uomini di Inzaghi sono riusciti ad imporsi sia sul campo del ChievoVerona, sia su quello dell’Hellas Verona. Inoltre, la Lazio non aveva mai battuto per 3-0 la formazione gialloblù: le ultime tre reti biancocelesti al Bentegodi contro l’Hellas risalgono, invece, al 5 maggio del 2014, giorno in cui la compagine capitolina pareggiò per 3-3 in terra veneta.

Non finisce qui. La vittoria di ieri può esser anche catalogata come la quinta della stagione, considerando anche la vittoria in Supercoppa TIM disputata in campo neutro sì, ma formalmente in casa della Juventus. Il trionfo sui bianconeri, i successivi ai danni di Chievo, Vitesse, Genoa e Verona. Nella storia della Prima Squadra della Capitale, nessuna formazione biancoceleste era mai riuscita a raccogliere cinque vittorie nelle prime cinque trasferte stagionali.

Al termine della sfida, Ciro Immobile è stato eletto come il Most Valuable Player della sfida. Il numero 17 biancoceleste, oltre ad aver macinato 10,466 chilometri e ad aver recuperato in tre circostanze la sfera, è riuscito a realizzare due reti sfruttando le uniche due occasioni avute nel corso della sfida. Complessivamente, però, il centravanti biancoceleste ha preso parte a cinque azioni d’attacco. Quella realizzata ieri contro l’Hellas Verona è stata l’ottava doppietta realizzata da Immobile con la maglia della Lazio, quest’ultima realizzata all’ottava avversaria diversa (Udinese, Cagliari, Bologna, Palermo, Sampdoria, Juventus, Genoa, Verona). In totale, nelle prime nove uscite stagionali, Immobile è riuscito a mettere a segno ben 11 reti: sono un calciatore, nella storia della Prima Squadra della Capitale è riuscito a far meglio del numero 17 di Simone Inzaghi. Si tratta di Fulvio Bernardini che, nelle prime 9 gare, tutte di campionato, della stagione 1925/26 riuscì a mettere a segno 12 gol. Immobile occupa il secondo gradino in questa particolare classifica insieme a Giuseppe Signori che, nelle prime 9 partite della stagione 1992/93 realizzò appunto 11 reti. Anche l’attaccante classe ’68, in quest’ultime sfide, si rese protagonista di una tripletta come Immobile; Signori la realizzò al Parma, l’attuale centravanti biancoceleste, invece, al Milan.

S.S.Lazio

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Lazio Women

Il difensore del Chievo Verona, Boglioni: “Bella sfida contro la Lazio Women. Sarà il campo a parlare”

Published

on

 


In vista della partita odierna tra Chievo Verona Women e Lazio Women, il difensore Paola Boglioni ha rilasciato un’intervista a calciofemminileitaliano.it, parlando della sfida contro le biancocelesti. Queste le sue parole: «La partita di domenica contro la Lazio sarà un’altra bella sfida. Siamo consapevoli del livello dell’avversario e della positività che portano con loro, ma, come sempre, sarà il campo a parlare. La settimana sta procedendo al meglio, con l’entusiasmo di voler dire la nostra».

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW