Connect with us

Extra Lazio

Cittadella paralimpica, Pancalli: “Spero di vederla colorata ogni giorno da migliaia di bimbi disabili. In Italia ci sono ancora troppe barriere architettoniche”

Published

on

 


Luca Pancalli, Presidente del Comitato Italiano Paralimpico, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Sport Academy” su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

LA CITTADELLA – “Cittadella mi sembra un diminutivo, noi parliamo di centro di avviamento e preparazione allo sport paralimpico -ha affermato Pancalli-. L’errore che non si deve commettere è ritenerla un corpo avulso rispetto alle politiche del comitato paralimpico. Deve essere parte integrante dell’azione politica che il comitato sta portando avanti. Spero che la costruzione della foresteria con 96 posti letto e il palazzetto per le attività indoor possano avvenire quanto prima. Io mi auguro di vedere queste strutture colorate dei sorrisi di 3000 bambini disabili tutti i giorni. Ma il mio sogno è che attraverso la foresteria si possa rivendicare un altro pezzo: rappresentare nel Paese una sorta di fase 2 dei percorsi riabilitativi. Molti di noi, dopo incidenti o patologie, passano il periodo acuto della riabilitazioni in locali in dimensione protetta e sanitarizzata. A me piacerebbe che alla fine di questo percorso, si riesca a dare la possibilità ai ragazzi di passare un mese nel nostro centro per fare un altro tipo di riabilitazione attraverso lo sport. Finchè continueremo a sognare questa struttura continuerà a vivere”.

SFIDE PER IL FUTURO – “La sfida del comitato paralimpico è quella di allargare sempre di più il numero dei praticanti, rispondendo al diritto allo sport di tanti ragazzi disabili nel Paese -ha aggiunto Pancalli-. Tanti rimangono esclusi perchè non esistono infrastrutture sportive accessibili, per presenza di barriere architettoniche e sensoriali. Bisogna anche pensare ad una cultura dell’accoglienza, serve personale qualificato e formato per accogliere la sacrosanta domanda di diritto allo sport dei disabili”.

LA SCUOLA – “La scuola è fondamentale -ha dichiarato Pancalli-, è un momento di passaggio che coinvolge soprattutto tanti ragazzi con disagio intellettivo e con disabilità di tipo fisico e sensoriale. Anche nella scuola bisogna passare da una cultura dell’esonero della persona disabile durante l’educazione motoria ad una cultura dell’accoglienza, adattando le attività sportive anche alle esigenze del bimbo disabile. Ad esempio, normalmente alle famiglie dei bimbi disabili viene chiesto di presentare l’esonero, ma in questo caso non è il bimbo che perde, sono la scuola e il Paese che perdono, è la scuola che diventa handicappata”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Extra Lazio

È morto Roberto Maroni: l’ex ministro ed ex segretario della Lega aveva 67 anni

Published

on

 


Roberto Maroni, ex ministro ed ex segretario della Lega, è morto questa mattina: aveva 67 anni. Maroni, che dal 2013 al 2018 aveva ricoperto anche la carica di presidente della Regione Lombardia, era malato da tempo.

Più volte ministro – Nato a Varese nel 1955, Roberto Maroni ha ricoperto il ruolo di segretario federale della Lega Nord dal 1º luglio 2012 al 15 dicembre 2013. È stato due volte ministro dell’Interno (dal 1994 al 1995, ricoprendo anche l’incarico di vicepresidente del Consiglio e dal 2008 al 2011) e ministro del Lavoro e delle Politiche sociali dal 2008 al 2011.

Segretario della Lega – Nell’aprile del 2012 Maroni ha fatto parte, con Roberto Calderoli e Manuela Dal Lago, del triumvirato che fino al congresso della Lega Nord è stato incaricato di sostituire la carica di segretario del partito lasciata da Umberto Bossi. Tre mesi dopo, al congresso del partito, viene eletto segretario, rimanendo in carica fino a quando gli è subentrato Matteo Salvini.

Presidente della Regione Lombardia – Nel 2013, alle Regionali in Lombardia, è stato eletto presidente con il 42,8% dei voti. Non si è poi ricandidato alle elezioni successive del 2018. SkyTG24

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW