Connect with us

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero | La Lazio si diverte facendo divertire

Published

on

 


Divertire divertendosi? Sì che si può. Sintonizzatevi sulla Lazio per avere conferma. Precisiamo, il Napoli gioca probabilmente il miglior calcio d’Italia, ma i biancocelesti non sfigurano affatto. Una bella lotta. Un assaggio il primo tempo dell’Olimpico quando gli uomini di Sarri sono andati in grande difficoltà. Sarebbe stato bello poter vedere tutti i novanta minuti ad armi pari. Non è stato possibile, ma il primo tempo ha fatto capire tanto di cosa è capace la banda di Simone. Domenica la goleada contro il Sassuolo, la quarta volta che Inzaghi vince con sei o più gol di scarto. Un record nella storia laziale. Applausi e sorrisi allo stadio per i tifosi biancocelesti. Ma non solo i laziali, sarebbe troppo semplice perché ogne scarrafone è bell’a mamma soja. Le prime dieci gare giocate da Immobile e compagni, sette di campionato, due di Europa League e una di Supercoppa, non sono passate inosservate all’Italia pallonara che ha scoperto un gruppo di ragazzi con il sorriso sulle labbra.

AMICI AL CAMPO Amici prima che compagni di squadra. Un mix di giovani e di veterani. Provate a tirarli fuori dall’olimpico e metterli su uno dei tanti campetti di periferia. Eccoli lì, ridono, segnano e vincono. E soprattutto stanno sviluppando un grande attaccamento alla maglia. Laziali? Qualcuno sì. Qualcun altro lo diventerà. Perché Inzaghi è proprio su questo tasto che sta battendo come sottolinea il ds Tare: «Conosce bene la società e cerca di insegnare il più possibile ai giocatori dentro e fuori dal campo». Il segreto di questa squadra è quello di essere camaleontica e di sapersi adattare all’avversario che incontra. Sa giocare bene con la palla a terra grazie a tanti giocatori dai piedi educati, ha forza in mezzo al campo e centimetri da sfruttare in area di rigore. L’azione parte da dietro con il centrale che è praticamente un regista arretrato. Le ali che spingono e le mezzali che s’inseriscono. Milinkovic che prende il rinvio del portiere e fa battaglia. Luis Alberto spina tra le linee e Immobile che segna a raffica. Poi Leiva e Parolo che corrono senza sosta.

MARCO NAZIONALE E a proposito di Parolo, il centrocampista ha parlato dal ritiro della Nazionale. «Lo scudetto è ancora un sogno, è un po’ utopistico. Ma stiamo facendo bene. E i risultati ci stanno dando ragione» sottolinea. «Non so se è la più forte in cui ho giocato. Ma questa può diventare migliore. Puntiamo a dar fastidio il più possibile alle grandi, vogliamo giocarcela alla pari anche con chi ci precede in classifica. Il primo obiettivo è l’Europa, ma stiamo facendo la bocca al quarto posto». Infine parole al miele per Immobile: «È in un gradissimo periodo di forma, ma non è il suo momento: lui è così, sempre. Gli vogliono bene tutti, dall’usciere di Formello all’ultimo tifoso che entra allo stadio. E lui si esalta, E io sono contento di godermelo perché chi fa un gol a partita indirizza ogni match». Sospiro di sollievo per Strakosha rientrato dalla Nazionale. Gli esami sostenuti ieri hanno escluso lesioni, solo affaticamento muscolare che andrà curato con il riposo. Tutto rose e fiori? No, sarebbe sbagliato dirlo. Perché i problemi ci sono. Ad Inzaghi e la società il compito di risolverli e non farli diventare enormi. Perché mai come adesso questo è il tempo di vincere.

Il Messaggero – Emiliano Bernardini 

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

MONDIALI 2022 | Il Messico batte l’Arabia Saudita per 1-2

Published

on

 


La gara tra Arabia Saudita e Messico è terminata 1-2 grazie alle reti di Martin e Chavez a inizio secondo tempo. In pieno recupero c’è stato anche tempo per la rete di Al Dawasari. Con il risultato di Polonia e Argentina, la classifica è la seguente:

Argentina 6

Polonia 4

Messico 4

Arabia Saudita 3


Alle 20 scenderanno in campo Arabia Saudita e Messico. Ecco i 22 titolari:

ARABIA SAUDITA (3-4-3): Al Owais; Tambakti, Al-Boleahi, Al-Amri; Abdulhamid, Al-Hassan, Kanno, Al-Ghannam; Al-Buraikan, Al-Shehri, Al-Dawasari. All. Renard

MESSICO (4-3-3): Ochoa; J. Sanchez, Montes, Moreno, Gallardo; Pineda, E. Alvarez, Chavez; Lozano, Martin, Vega. All. Martino 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW