Connect with us

Per Lei Combattiamo

Almeyda: “La Lazio può lottare per lo scudetto. Inzaghi ha cambiato il volto della squadra”

francescadamato96@gmail.com'

Published

on

 


“Mi dispiace per Rastelli, non ho avuto nessuna chiamata dal Cagliari. Il mio sogno è tornare in Italia, dove ho vissuto dieci anni. Mi piacerebbe tantissimo tornare nel vostro paese. Già il fatto che sia uscito il mio nome mi fa piacere perché vuol dire che non vi siete dimenticati di me”. Matias Jesus Almeyda smentisce ai microfoni di Radio Incontro Olympia l’eventuale interesse del Cagliari nei suoi confronti per la panchina dei sardi. L’attuale tecnico del Chivas in Messico tuttavia spera di tornare presto in Serie A:

“Io ho allenato in Argentina e ora in Messico, ma per avere un giudizio completo bisogna allenare in Europa. Per quello dico che mi piacerebbe tornare in Italia per far vedere come lavoro. Mi auguro che il mio sogno diventi presto realtà perché il vostro paese è nel mio cuore”.

L’ex centrocampista continua a seguire la Serie A e soprattutto la Lazio, con cui ha giocato dal 1997 al 2000: “Guardo tutto il calcio italiano e ovviamente la Lazio perché ho passato tanti anni lì. Inzaghi ha cambiato il volto della squadra, mi fa tanto piacere quello che sta facendo. Si vede una Lazio forte, che gioca un bel calcio offensivo e che può lottare per lo scudetto. Simone fa capire in ogni match che Lotito ha scelto bene. Come compagno è stato un ragazzo semplice e quando è diventato mister della prima squadra nessuno sapeva come potesse andare. Invece ha dimostrato di essere all’altezza, sta dimostrando di essere uno dei migliori. La Lazio ha ritrovato un’idea di gioco e questo è importante per un allenatore. Ha riportato i biancocelesti tra le squadre più forti del campionato”.

Sabato le aquile hanno espugnato l’Allianz Stadium che da due anni non conosceva sconfitta. Almeyda ha visto la gara con la Juventus e applaude ancora i biancocelesti: “Vincere a Torino non è facile. La Lazio ha meritato, gioca bene. Non c’è un nome che spicca rispetto agli altri, il suo punto di forza è il gioco di squadra. Rispecchia il suo allenatore, fa un bel calcio e per questo vedo una squadra diversa rispetto al passato. Lucas Leiva? Mi piace tanto, è davanti ai difensori e permette ai compagni di accompagnare l’azione. Sta giocando molto bene”.

La sua esperienza in Messico procede bene e la sua squadra è attesa da un derby importantissimo: “Giochiamo contro l’America, un derby è sempre complicato ma siamo concentrati perché dobbiamo vincere. Non abbiamo iniziato bene e abbiamo bisogno di questi tre punti. Tornerei in campo anche solo per cinque minuti per aiutare la mia squadra in gare come queste”.

In chiusura anche un po’ di amarcord con i suoi gol con Bologna e Parma: “Io ho fatto pochi gol, ma buoni (ride, ndr). Quello di Parma? Mi allenavo a farli, ma non prendevo mai la porta in allenamento. Meno male che ci sono riuscito in partita con Buffon che è ed era il migliore”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Piscedda: “Nessun concetto di gioco è utile se non finalizzi. Sarri deve saper trovare soluzioni nei momenti di difficoltà”

Published

on

 


Intervenuto ai microfoni di Radiosei, l’ex biancocleeste Massimo Piscedda ha commentato la sfida di Coppa Italia persa ieri sera dalla Lazio per 1-0 contro la Juventus.

Queste le sue parole:

Dalla Juventus mi aspetto questo tipo di gara, dalla Lazio meno. Non ho mai capito cosa davvero volesse fare, non ho capito che indirizzo volesse dare alla prestazione. E’ andata sull’onda della Juventus che ha portato la gara dove voleva. Mi aspettavo qualcosa in più dal punto di vista del temperamento. Nessun concetto di gioco è utile se non finalizzi, ieri c’è stato da parte della Lazio un palleggio sterile. Le gare vanno interpretate, la squadra di Sarri doveva cercare di far uscire la Juve cercando poi profondità. Alcuni giocatori della Lazio non sono più abituati ad essere marcati, penso per esempio a Luis Alberto ed allo stesso Milinkovic. Un allenatore si differenzia da un altro tecnico dalle soluzioni che riesce a trovare nei momenti di difficoltà“.

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW