Connect with us

 

Europa League

Da una francese all’altra: quando la Lazio vinceva soffrendo con il Saint-Etienne

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Voglio andare a vincere in Europa…”, questo canta la Nord, questa l’ambizione biancoceleste.
Dopo un anno di assenza dalle competizioni europee, la banda di Inzaghi è tornata a dire la sua in Europa. Ottenute le vittorie contro il Vitesse e lo Zulte Waregem, i biancocelesti attendono la sfida al vertice del gruppo K di UEFA Europa League. I capitolini affronteranno in trasferta il Nizza del tecnico Favre; anche i francesi arrivano da due vittorie nel girone.

Ma facciamo un tuffo nel passato, un “throwback thursday” appunto. Ottobre: mese ricco di ricordi in casa Lazio: dal “Chinaglia day”, giorno in cui Long John mise gli scarpini al chiodo, al gol di Klose al ’93 nel derby con annessa corsa di Edy Reja in campo a festeggiare. Fronte Europa, torniamo a quel primo ottobre 2015, quando i biancocelesti in casa calano il tris al Saint-Etienne e salgono a quota 4 punti nel girone G. La squadra di Pioli vince 3-2 in rimonta dopo essere andata sotto quasi all’inizio del match: al 6’ infatti Sall porta in vantaggio i suoi, Onazi pareggia, Hoedt ribalta il risultato e Biglia gonfia la rete per la terza volta. Monnet-Paquet accorcia le distanze, ma la gara se l’aggiudicano i laziali.

Embed from Getty Images

La Lazio ieri:
La Lazio all’Olimpico non delude. Guardando la classifica del girone, sorride Pioli ma meno piacevole è analizzare la prestazione dei suoi.

I biancocelesti vincono ma non convincono affatto.

Dopo il deludente pareggio in trasferta contro il Dnipro, la parola d’ordine è “vincere”, ma la prova contro la squadra allenata da Galtier lascia molti interrogativi. Poca la concentrazione iniziale che permette subito la rete ai francesi. Anche nel finale, nonostante gli avversari siano rimasti in 9 per le espulsioni di Beric e Sall, i capitolini soffrono e fanno soffrire i 14.000 tifosi presenti. Il Saint-Etienne è seconda in Ligue 1 e si vede: la squadra gioca in profondità e si rende spesso pericolosa. I francesi impostano bene la gara ed i capitolini ne risentono, soprattutto a centrocampo, dove vengono superati con facilità. Pioli, tra turnover ed infortuni, deve rinunciare a Marchetti, Lulic, Candreva, Parolo, Djordjevic e Klose. A differenza della Lazio attuale, colpita dall’emergenza in difesa, i reparti che hanno subìto più defezioni sono il centrocampo e l’attacco, eccezion fatta per il centrale Stefan de Vrij, alle prese con un problema al ginocchio sinistro.

Embed from Getty Images

La Lazio oggi:
Sempre ottobre, sempre Europa League, sempre squadra francese alle porte. Non ci sono Onazi, Hoedt e Biglia ma lo spogliatoio biancoceleste vanta giocatori del calibro di Lukaku, de Vrij e Leiva, tra i tanti.

La Lazio è bella! La Lazio diverte e si diverte! La Lazio è il riflesso del suo allenatore: Simone Inzaghi, anima di un gruppo che, ad oggi, potrebbe sfidare chiunque.

Reduci dalla vittoria dell’Allianz Stadium i biancocelesti volano a Nizza, da alcune vecchie conoscenze del campionato italiano come Balotelli e Sneijder. Nessun precedente tra le due compagini, ma sicuramente tanta voglia di mettersi al comando del girone. Partita difficile dopo l’impegno con la Juventus. La squadra di Favre vanta un ottimo attacco, difficile da arginare…ma sicuramente neanche Douglas Costa, Higuain e Mandzukic erano avversari da prendere sottogamba. Che la buona prova di Torino sia di buon auspicio per “…andare a vincere in Europa..”.

Embed from Getty Images 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Europa League

Europa League, l’Eintracht trionfa sui Rangers dopo i calci di rigore

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Questa sera con la finale giocata tra l‘Eintracht Francoforte e i Rangers si è ufficialmente conclusa l’Europa League 2021-2022. La partita, che si è giocata a Siviglia, ha visto Kostic e compagni trionfare ai calci di rigore. Il match, che nei 120 minuti è terminato 1-1 con i gol di Aribo per gli scozzesi e di Borrè per i tedeschi, è stato pressoché equilibrato con i Rangers che hanno sfiorato la vittoria nei minuti finali in più di un’occasione. Un traguardo che sarebbe stato anche meritato, dato il percorso fatto, ma che è sfumato definitivamente ai calci di rigore.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW