Connect with us

Per Lei Combattiamo

PAGELLONE 2017, CENTROCAMPISTI – Leiva cancella Biglia, mago Luis, boom Milinkovic. Eroe Murgia

Published

on

 


LUCAS LEIVA 8.5 – “Lucas è un giocatore incredibile, al decimo giorno di allenamenti con la squadra, chiamava già tutti per nome”. Basterebbe solo questa frase del mister Inzaghi, per capire chi è Leiva. Il suo curriculm parla da solo: Liverpool, Brasile. E’ entrato subito nei cuori dei tifosi biancocelesti, le sue prestazioni non vanno mai sotto la sufficienza, perfetto nel raccordo difensa-centrocampo e ottimo anche in fase d’impostazione. Sui social, nell’etere romano e nei bar, non si sente altro che: “Ma quanto è forte questo giocatore? Un altro pianeta”. Lucas Leiva chiama terra, gli Alieni esistono e  portano la maglia numero 6.

LUIS ALBERTO 8 – La grande scommessa vinta dal ds Igli Tare. Luis Alberto chi? E’ stato il leitmotiv dello scorso anno. Lo spagnolo è tornato in ritiro con un’altra testa. Ha lavorato tantissimo in silenzio, per conquistare la fiducia dei compagni e dello staff tecnico. Nell’ultima parte del 2017 si è preso tutto: maglia da titolare, nazionale spagnola e soprattutto la stima di tutti. L’uomo imprescindibile si è cucito addosso il ruolo di rifinitore. Vede calcio come pochi a livello europeo, ammirarlo con la palla al piede vale da solo il prezzo del biglietto.

LUKAKU 7.5 – Il mezzo voto in più è per l’assist fornito al 94′ a Murgia che è valso la Supercoppa Italiana. Lo strapotere fisico è evidente, quando parte sulla fascia gli avversari si ritrovano a marcare un treno Frecciarossa in transito, l’esultanza di Bruno Peres dopo averlo fermato con un intervento pulito nel corso dell’ultimo derby è l’emblema, di come il laterela belga stia diventanto un giocatore decisivo. Il classe 95′ è pronto a prendersi tutto nel nuovo anno e magari anche la maglia da titolare, per dimostrare che non è solo il giocatore in corsa d’opera.

MURGIA 7.5 – Mezzo voto in più anche al classe ’96. E’ l’eroe della Supercoppa, l’uomo dei 3-2, quello dei gol pesanti. Ormai è un 12° titolare, pupillo di Inzaghi. Poche parole, tanti fatti. Adesso la sfida per il 2018 è ambiziosa: diventare titolare.

LULIC 7 – Un nome, una garanzia il re di coppa e capitano biancoceleste si rende protagonista nuovamente di un anno positivo. Uomo spogliatoio che in campo incarna alla perfezione la Lazialità. La Supercoppa alzata al cielo ad Agosto rimane la foto profilo del suo anno perfetto. L’addio alla sua amata Bosnia e un 2018 impegnativo lo aspetta, ma lui e la sua maglia numero 19 (per i tifosi 71) è pronta ancora per mille battaglie, con una fascia al braccio e verso traguardi sempre più prestigiosi.

MILINKOVIC-SAVIC 7 – L’anno della consacrazione, tutta Europa si è accorta del talento del Sergente. C’è la sua firma sui derby di Coppa, ha finalmente trovato continuità in zona gol. Vale 100 milioni, gli manca solo la continuità dei top player. Ha ancora 22 anni, arriverà…

PAROLO 6.5 – Solito 2017 di corsa e generosità per il centrocampista azzurro. Forse meno gol del passato ma sempre l’ultimo a mollare. Ormai è uno dei leader dello spogliatoio bianceleste, può chiudere la carriera a Roma. Peccato per l’eliminazione dai Mondiali con l’Italia.

BASTA 6.5 – 2017 importante per Dusan. Prestazioni sempre convincenti, il gol nel derby di aprile, la vittoria della Supercoppa da titolare. Unico neo: l’infortunio di settembre contro il Napoli, che gli ha tolto il posto da titolare.

MARUSIC 6.5 – Positivo l’inizio di stagione per il montenegrino, arrivato sull’ormai consolidato e fruttifero asse Kezman-Tare. Serviva una “riserva” a Basta, visto i tanti impegni stagionali, ma Adam è diventato molto di più. L’esordio non è stato positivo subentrando nella finale di Supercoppa Italiana, causò il rigore per la Juventus. Il duro lavoro svolto in allenamento ha pagato alla grande. Ormai è un titolare fisso. Una spalla sul quale Inzaghi può sempre contare. Il nuovo padrone della fascia destra non si pone limiti e vuole consacrarsi definitivamente nel nuovo anno.

DI GENNARO 6 – Voto d’incoraggiamento per l’ex Cagliari. Presente solo in Europa League, discreto impatto, poi un infortunio lo ha messo ko.

BIGLIA 4.5 – Poco da dire, ha lasciato la Lazio per vincere ma al Milan è diventato la riserva di Montolivo. Peccato, la prima parte di 2017 con i biancocelesti era stata importante. In fondo è anche merito suo l’arrivo di Leiva.

LEITNER sv

MORRISON sv

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Claudio Lotito è stato eletto al Senato

edo9923@hotmail.it'

Published

on

 


Secondo quanto riportato dal magazine YouTrend (progetto di informazione incentrato sui trend sociali, economici e politici) il patron della Lazio Claudio Lotito (centrodestra), è stato eletto al Senato, nel collegio uninominale del Molise.

Bisognerà ora capire se e come cambierà il suo ruolo nella Lazio. Nei giorni precedenti si era parlato di “prove da Presidente” del figlio Enrico, ma prima sarà necessario comprendere come evolverà la situazione.

 

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW