Connect with us

 

Per Lei Combattiamo

LA LAZIO NELLE SCUOLE | Leiva: “In Italia tifosi passionali”. Luiz Felipe: “Triste per il rigore sbagliato”. Caceres: “Inzaghi bravissimo”

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

AGGIORNAMENTO ORE 11:07. A seguito dell’evento Martin Caceres è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio: “Non sono partito per la Nazionale perché non mi sentivo molto bene, erano due amichevoli e ho preferito rimanere qui per recuperare e affrontare questi ultimi mesi con la Lazio. Dobbiamo continuare così, con il gruppo unito e lottare per l’obiettivo che è quello della Champions. Il mate? E’ un po’ come il caffè per voi”.

Anche Lucas Leiva è stato intercettato dai microfoni di lazio style radio dove ha dichiarato: “Qui in Italia e in Brasile si vive tanto il calio anche dopo la partita, questa è la differenza con l’Inghilterra. E’ bello quando vai in una scuola  e trovi tanti ragazzi, questo ti fa sentire bene. E’ una bella cosa. Questa mattina è stata speciale. Essere uniti è importante, siamo anche felici perché facciamo un lavoro che molte èpersone vorrebbero fare. Ultimamente non abbiamo avuto molti risultati positivi ma bisogna guardare avanti perché abbiamo tanta qualità e possiamo far bene”.

E’ tornato l’appuntamento con ‘La Lazio nelle scuole‘: Luiz Felipe, Lucas Leiva e Martin Caceres si sono recati presso l’Istituto Comprensivo Viale Venezia Giulia di Via Torre Annunziata di Roma per far visita agli alunni dello stesso.

 

Lucas Leiva: “Quando giochi è normale che sei fischiato dai tifosi dell’altra squadra, noi non siamo abituati ad essere fischiati dai nostri tifosi. Quando ero giovane mi ispiravo a Romàrio, ha vinto il mondiale del 1994. Era molto importante per il Brasile. Dopo di lui guardavo molto Ronaldo, un attaccante che faceva molti gol. Ho giocato in tre squadre: in Brasile al Gremio dove si parlava portoghese, poi nel Liverpool dove si parlava inglese, poi qui abbiamo tanti stranieri di tante nazionalità. E’ importante anche prendere qualcosa dalle altre culture per la vita. Quando si gioca è necessaria la presenza dell’arbitro, deve dirigere una contesa. Non avere un arbitro sarebbe un problema quando c’è una contesa. La differenza con il calcio inglese? In Brasile siamo più caldi come persone, in Inghilterra i tifosi sono più bravi e tranquilli nel rapporto con i calciatori. In Italia, invece, sono più passionali come in Brasile”.

Caceres: “A scuola odiavo la matematica. Il giocatore più forte con cui abbia mai giocato? Messi. Secondo me, lui è il più forte di tutti. Cambiare tante squadre vuol dire fare nuove esperienze. Ora ho Inzaghi che è bravissimo, ho avuto Guardiola, Conte. Ogni allenatore ha la propria peculiarità. Se un compagno sbaglia l’azione come reagiamo? E’ una cosa normale, capita sempre in allenamento o in partita. Quindi, bisogna prenderla bene. Non mi sono mai trovato male con un allenatore o con un compagno di squadra nella mia carriera. Un consiglio ai giovani? Dovete fare la scuola e se capita di fare qualche sport bene, ma è importante la scuola in questo momento e poi dopo si vedrà. I miei vizi? La mia ‘sigaretta’ è il mate, quando sono nervoso prendo il mate e mi tranquillizzo, La morte di Astori è stato un grande dolore, è una situazione difficile soprattutto per la famiglia. Auguro il meglio ai suoi genitori, alla figlia, alla compagna. Mio fratello è scomparso nello stesso modo un anno fa”.

Luiz Felipe: “Entrare nello stadio pieno di tifosi? Una cosa inesplicabile, i tifosi ci sostengono. Solo quando diventi un calciatore e stai dentro ti rendi conto di quello che accade. E’ una cosa sensazionale. Lucio era il mio calciatore preferito, ma anche Nesta, Maldini. A volte capita che in campo si è un po’ nervosi, ci si può arrabbiare con qualche compagno o avversario, ma deve esserci comunque rispetto. Il rigore sbagliato in Coppa Italia? Mi sono sentito triste e lo sono anche ora, ma bisogna andare avanti. Nel calcio è un po’ come la vita e bisogna andare avanti. Mi dispiace per i tifosi perché c’era qualche tifoso che credeva in me. Mi sono trovato subito bene alla Lazio, ci sono molti brasiliani, tutti mi hanno aiutato e fatto sentire come a casa”.

Manzini: “La Var? Dipende da chi viene applicata. I principi sono giusti. Nasce per rendere le cose più chiare, ma dipende da come viene utilizzata… a volte il metodo ‘VARia’”.

  

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

CalcioMercato

Il Gremio su Leiva? Dal Brasile: “Nessun interesse”

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Da tempo ci si interroga sul futuro di Lucas Leiva, dato il contratto in scadenza del centrocampista brasiliano. Una delle ipotesi vagliate in questi mesi per il giocatore classe 87′ è il ritorno in Brasile, con il Gremio particolarmente interessato. Tuttavia dal Brasile arrivano delle smentite, con il reporter di Ràdio Grenal, Bruno Soares, che ha scritto come al momento il Gremio non avrebbe alcun interesse a prendere il centrocampista attualmente alla Lazio.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW