Connect with us

 

Esclusiva

L’INTERVISTA | Damiano ‘Er Faina’ ci racconta la sua fede biancoceleste, Mario Balotelli, la Curva Nord e cosa pensa degli arbitri

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

E’ diventato famoso su Facebook per i suoi video critica contro la classe politica. Romano, classe 1988 ma di fede biancoceleste, Damiano Coccia, detto Er Faina, è ormai uno dei personaggi più discussi della rete. La redazione di LazioPress.it lo ha intervistato in esclusiva.

Come sei diventato laziale?

“Penso un po’ come tutti, no? Di padre in figlio, non come dall’altra parte dove diventano della Roma per moda… credo che laziali si nasce: dal nonno al padre, e da questo al figlio. Ricordo delle scene di quand ero piccolo, a scuola: su una classe di 25 bambini alle elementari eravamo in 3 ad essere laziali, era più difficile esserlo perchè rappresentavi la voce fuori dal coro e venivi attaccato anche da 15/16 persone in contemporanea. Ma era quello il bello di esserlo, da piccolo: dipende anche dal carattere di una persona, ma ad esempio a me è sempre piaciuto essere una voce fuori dal coro. E credo lo si veda anche dai video di cui sono protagonista. Non credo sia un omicidio essere della Roma, ma chi è della Lazio cresce meglio”

Qual è il giocatore biancoceleste di tutti i tempi per il quale hai perso la testa?

“Ce l’ho tatuato anche se non l’ho mai vissuto: Giorgio Chinaglia. Io compio trent’anni a novembre e mio padre buon’anima diceva che io sono un laziale nato con la camicia: quando ho cominciato a capire di calcio si sono iniziati a vivere i momenti belli, a partire dall’era Cragnotti passando per Sven Goran Eriksson e Mancini. Ma avendo un padre che ha vissuto lo stadio negli anni ’60-’70 (era del ’40, ndr) ho potuto vedere tutte le videocassette della Lazio di quel periodo, nei suoi momenti belli ma anche in quelli brutti. Ho un ricordo di quando avevo 7 anni e mio padre mi fece vedere la partita dello spareggio per la serie C. Mi sono innamorato di Chinaglia dai racconti di mio nonno e mio padre, come quando di quel derby in cui entrò nello spogliatoio della Roma. Ed è come se l’avessi vissuto”.

Se dovessi scegliere un giocatore della rosa di oggi?

“Di questa rosa attuale non c’è un giocatore che mi rappresenta; io spesso mi raffiguro in loro: ho un braccio dove ho tatuato Chinaglia e Zlatan Ibrahimovic, e credo che questo possa dare l’idea di che prototipo di calciatore io abbia. Non c’è nella Lazio di oggi una figura che mi fa fomentare, però se devo andarlo a cercare ti dico Senad Lulic: non solo per il gol del 26 maggio, ma anche per tutto quello che dà in campo. Lo chiamo l’intruppone perchè non capisci mai che deve fa con questa palla, ma scelgo lui: prima pensavo che facesse solo cose a caso, poi ho rivalutato dalle cose che gli ho visto fare in campo il suo essere fondamentale per questa squadra”.

Il momento più bello e più brutto che hai vissuto da laziale?

“Il più bello, anche perchè ero allo stadio, è il 26 maggio; e ti dico come momento più brutto gli ultimi 20 minuti dello stesso 26 maggio: ero in Distinti Nord Ovest e al gol di Lulic, mentre tutti cantavano fomentati, io sono salito all’ultimo gradino da solo dando le spalle al campo. Quelli sono stati i momenti più brutti della mia Lazio nella mia vita, anche se ce ne sono stati molti altri; ad esempio, ricordo di aver rosicato tantissimo al preliminare di Champions League contro il Bayern Leverkusen: fu veramente ‘na botta per me, perchè davvero credevo di tornare a fare il girone di Champions dopo tanti anni. Ero anche a Formello quando aspettammo la squadra di Pioli dopo la vittoria contro il Napoli”.

Parlando di Champions, come la vedi quest’anno?

“Ho un po’ di dubbi per quest’anno, ti dico la verità; e vedendo Fiorentina-Lazio di ieri sera, questi sono solo che aumentati”.

Parli degli arbitri?

“Si, parlo di arbitri. Non capisco come una persona come Damato possa riuscire ad arbitrare in Serie A, in particolare una partita così importante. Credo che ieri di cartello ce n’erano ben poche se non forse l’unica fosse proprio la nostra, al di là dei risultati. E ripeto: non capisco come Damato, che in passato ne ha combinate di cotte e di crude, possa arbitrare una partita del genere. E’ andato completamente in confusione, su qualsiasi tipo di fallo o decisione. Lascio perdere tutto, a partire dal rosso a Murgia, e mi metto nei panni del tifoso della Fiorentina che oggi grida allo scandalo: il fallo da rigore di Luiz Felipe non c’era ma, dal momento che lo dai, il giocatore va ammonito e quel cartellino giallo gli sarebbe valsa l’espulsione. Ti dico la mia: io lo spero con tutto il mio cuore che la Lazio arrivi in Champions, aggrappandosi a questa cosa e a una squadra che si chiama Liverpool, ma non so quanto ce lo vogliono permettere. Non voglio fare il solito complottista, ma è un dato di fatto: è la realtà. Ho tanti amici della Roma che mi hanno ammesso come l’espulsione di Murgia sia scandalosa, soprattutto col Var; se non ci fosse stato il Var, con l’azione live puoi anche pensare di sbagliare: ma lì hai a disposizione un televisore. Ha fatto il silent check? E allora si sbaglia due volte. E’ come un ladro che ti ruba in casa e tu hai la telecamera: le guardie non ti posssono negare che ha rubato”.

Siamo terzi a pari punti con la Roma (noi quarti per la classifica avulsa): quanti punti dovremmo avere in più?  

“Ieri sono andato a trovare Mattia Perin in albergo (il Genoa giocava in trasferta contro la Roma, nda): secondo lui se la Lazio riuscisse a vincere 4 delle ultime 5 partite sarà Champions. Ma la tua domanda è un’altra e l’ho capita: stando ai miei calcoli, e senza allargarmi troppo, dovremmo avere 7 punti in più rispetto ad ora. E non calcolo tutte le situazioni a nostro svantaggio. Se ieri non avessimo vinto sarebbe stato uno scandalo”.

L’unica chiamata giusta è annullare il rigore di Immobile per azione partita in fuorigioco?

“Si, e ti dico anche che il rigore in questione era di per sè molto dubbio. C’è sì l’ostruzione di Hugo, ma io sono dell’idea che stiamo giocando a pallone: un po’ di contatto ci deve essere, per forza. Vedi il rigore a Madrid contro la Juventus: lasciando perdere tutte le dichiarazioni, è giusto sia stato dato. Se non l’avesse fischiato, ci sarebbe stata comunque una squadra a gridare allo scandalo: il Real Madrid”.

Mario Balotelli con la maglia biancoceleste: ci hai creduto?

“Ci credo tutte le sessioni di mercato: al di là del calcio, io e Mario abbiamo costruito un rapporto e ci sentiamo praticamente tutti i giorni. Come ho già detto anche in passato, vederlo indossare la maglia della mia squadra sarebbe un sogno; oltre l’amicizia, parlo proprio di lui come giocatore che stimo tantissimo. In un 3-5-2 dietro ad Immobile lo vedrei a genio. Il giorno che prendemmo Leiva mi disse che avevamo preso un campione. Spero con tutto il mio cuore Balotelli possa un giorno far parte della squadra biancoceleste. Magari quest’anno che va anche a scadenza, sarebbe quel colpo che magari con la Champions…!Spero che non finisca dall’altra parte di Roma”.

A Di Biagio e Ventura non è piaciuto molto…!

“Di Biagio non è un allenatore da Nazionale italiana, perchè non ha mai dimostrato realmente il suo valore. L’Italia secondo me dovrebbe essere allenata da gente che ha vinto sul campo e che sia molto più esperta di qualsiasi allenatore che noi abbiamo nella nostra serie A. Un nome? Tutta la vita Roberto Mancini o Carlo Ancelotti”. 

La Roma ha esaurito in pochissime ore i biglietti per la partita contro il Liverpool: perchè i laziali non vanno allo stadio?

“Secondo me nel corso degli anni si è creato un clima di tensione della tifoseria biancoceleste verso la dirigenza; credo che qualcuno abbia anche perso la voglia di andare allo stadio perchè pensa che la squadra non possa mai raggiungere certi livelli. Personalmente, andare all’Olimpico era divenata quasi un’agonia. Non ho mai vissuto un disamore, ma era come se non mi sentissi a mio agio e preferivo guardarla a casa. Erano gli anni dove la Roma e l’Inter si giocavano i posti in Champions. Passando il tempo, ho ricominciato ad andare allo stadio vivendolo dalle tribune. Vedo però nei laziali l’atteggiamento che quando le cose vanno bene si riempie lo stadio, quando le cose vanno male si resta a casa. In questo, abbiamo preso un po’ il vizio dei romanisti e si è venuto a creare questo problema nel tempo. Dico anche una cosa sulla Roma, che è poi alla base della mia rosicata per la nostra mancata qualificazione alla semifinale di Europa League: contro il Barcellona, ho visto una squadra con il coltello tra i denti e da tifoso laziale ho dovuto solo che fargli i complimenti. Li ho visti raramente giocare così, perchè nelle partite importanti loro crollano sempre ed è per questo che non vincono un trofeo da 10 anni. E ti dico la verità: adesso ho un po’ paura”.

I tuoi followers romanisti come ti vedono, conoscendo la tua fede laziale ed in una città dove si vive parecchio lo sfottò tra le tifoserie? 

“Ho un bel rapporto con loro. Ti racconto questo aneddoto: ho visto il derby in Tribuna Monte Mario perchè un mio amico romanista ha perso una scommessa con me e ha dovuto scontarla pagandomi il biglietto. E sono andato col mio amico nella parte di settore loro: lo sfottò c’è ed è ovvio che sia così, ma un sacco di gente ha voluto farsi la foto con me ed il rapporto è stato tranquillo. L’importante è non superare una certa linea. Quando Totti si è ritirato dal calcio a me è dispiaciuto: il derby mi piaceva giocarlo con lui in campo, e credo che senza di lui la partita abbia perso qualcosa. E’ normale che non voglio che vincano la Champions League, perchè sarei ipocrita. Non tifo neanche la Juventus in Europa. Ma il rapporto con i romanisti è molto sano. Non sono quel tifoso che insulta Paparelli o De Falchi, ma sono uno che si è sempre schierato dalla parte dei romani in generale”.

Come hai vissuto dallo stadio la coreografia della Curva Nord nell’ultimo derby?

“E’ stata una delle cose più belle che abbia mai visto in vita mia. Tra le due curve non c’è stata proprio partita, mi dispiace. Non si tratta più di una semplice coreografia: è Arte. Loro hanno esposto quattro cartelloni tirati su, una cosa carina…ma poi vedi quella della Nord e dici: ‘Anvedi che hanno fatto’. E non devi vedere Roma o Lazio, devi solo vedere l’espressione artistica. Secondo me nella curva della Roma manca la voglia di studiare coreografie simili. Come quando Felipe Anderson entra in campo e non vuole giocare. Questa è l’unica spiegazione che mi sono dato”.

a cura di Patrizio Pasqualini e Paola Chiaraluce

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Esclusiva

Patric e la Lazio insieme fino al 2027

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 Era nell’aria, Sarri lo aveva impiegato da titolare e già a gennaio era stato trattenuto proprio dall’allenatore che si oppose al suo trasferimento in Spagna. Prima criticato ed ora dalla maggior parte dei tifosi laziali, elogiato per sicuramente il suo impegno durante le partite.

In attesa dell’ufficialità, come raccolto in esclusiva dalla redazione di LazioPress.it, Patric e la Lazio hanno rinnovato oggi fino al 2027 ed è l’unico per ora, a rimanere dei giocatori che sono in scadenza giugno 2022. Un’incontro durato quasi 7 ore ieri a Formello per decidere gli ultimi dettagli, e questa mattina è arrivata la tanto attesa firma sul rinnovo del contratto. 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW