Connect with us

Per Lei Combattiamo

Lazio, nuova istanza per lo scudetto del 1915

continanza.edoardo@gmail.com'

Published

on

 


L’avvocato Mignogna inoltra in Federcalcio un altro importante documento.

L’avvocato Mignogna non si arrende e manda una nuova istanza in Federcalcio per avere giustizia. La Lazio del 1915 chiede lo scudetto negato, vuole giustizia per i ragazzi morti nella Grande Guerra che non poterono mai giocare quella finale. questa è storia vecchia, la commissione dei saggi ha già dato il suo verdetto: tricolore ex-aequo col Genoa per sanare una grave ingiustizia di oltre cento anni fa. Ecco il testo della mail inviata in Figc.

 

STUDIO LEGALE MIGNOGNA
SPETT.LE
FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO
VIA GREGORIO ALLEGRI N° 14
00198 ROMA

OGGETTO: RIESAME CAMPIONATO 1914/15 – RICHIESTA D’ASSEGNAZIONE EX AEQUO DEL TITOLO DI CAMPIONE D’ITALIA A LAZIO E GENOA

C.A. UFFICIO DI PRESIDENZA DELLA FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO
C.A. UFFICIO LEGALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO

Il sottoscritto Avv. Gian Luca Mignogna del Foro di Roma, in proprio, quale parte attrice del procedimento in oggetto ed in qualità di promotore della Petizione “Lazio 1914/15, Campione d’Italia ex aequo!”, con la presente, preso atto dell’elezione Presidente Federale nella persona del Dott. Gabriele Gravina, dell’avvenuto insediamento del Consiglio Federale in data 30 ottobre 2018 e della definizione delle note vicende concernenti la pregressa instabilità dei vertici calcistico/istituzionali statutari, all’uopo intendendosi avvalere puranche dei vigenti disposti sul diritto d’accesso agli atti amministrativi,

chiede

alle SS.VV. di poter cortesemente aver piena contezza della circostanza se l’integrale fascicolo del procedimento di riesame de quo, comprensivo di tutti gli atti, i documenti, i Dossier Storiografico/Emerotecari della scrivente difesa ed il parere positivo già espresso in merito dalla Commissione di Saggi a suo tempo nominata, medio tempore depositati agli atti federali, risulti o meno debitamente ricostituito e sottoposto all’attenzione dell’Ufficio di Presidenza.

Lo scrivente procuratore, peraltro, pur non intendendo prendere minimamente posizione circa eventuali altre rivendicazioni avanzate per conto di altri club, nei giorni scorsi più volte citate dai media nazionali, sottolinea come rispetto a tali ulteriori ed eventuali istanze:

1)    la rivendicazione dell’assegnazione ex aequo del titolo di “Campione d’Italia 1914/15” a Lazio e Genoa sia già stata corredata di numerose prove per tabulas inedite, rigorose ed inoppugnabili;

2)    la relativa fase istruttoria risulti esser stata assolutamente scrupolosa ed il relativo iter decisionale versi in istato precipuamente avanzato;

3)    la predetta Commissione dei Saggi abbia già acclarato l’estrema fondatezza delle tesi di parte laziale.

Per tali ragioni e su cotanti presupposti, previa formale audizione dello scrivente medesimo ove ritenuta opportuna e/o necessaria, si reitera la richiesta di specifica calendarizzazione e di positiva definizione del procedimento in oggetto, all’uopo provvedendosi all’eventuale esame collegiale di ogni documento e/o precisazione sottesi alla richiesta d’assegnazione “ex aequo” a Lazio e Genoa del titolo di Campione d’Italia 1914/15.

Restando a disposizione per qualsivoglia chiarimento in merito ed in attesa di un cortese riscontro.

Con ogni più ampia riserva.

Con fiducia ed osservanza.

Salvis juribus.

Cordialmente.

Roma, lì 05.11.2018

Avv. Gian Luca Mignogna

 

Fonte: IlTempo.it 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Lazio-Fiorentina, Provedel: “Importante la solidità dimostrata, dispiace non aver parato il gol”

Published

on

 


Intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio, il portiere della Lazio Ivan Porvedel ha commentato il pareggio maturato all’Olimpico contro la Fiorentina per 1-1.

Queste le sue parole:

La Fiorentina è una squadra forte, ha fatto una bella partita, è una squadra che ha molti punti in meno per quello che esprime, peccato non aver concretizzato qualche occasione per portare la vittoria a casa. L’hanno giocata a viso aperto, per me è importante la solidità dimostrata, cerco di fare sempre il mio meglio delle volte ci sono riuscito delle volte no, il percorso è di crescita. La Fiorentina pressava a uomo e  giocavano alti, per noi che giochiamo palla a terra il lavoro si è fatto più difficile per cercare di evitare i rischi, potevamo gestire qualche pallone, loro sono stati bravi. Dobbiamo fare  ancora meglio, per me la prestazione è positiva e la Fiorentina è stato un avversario molto difficile. Cambi? Io penso che gli ingressi siano stati positivi ma non dipende da chi entra, ma dallo spirito del collettivo. Mi dispiace non aver parato il gol”.

Queste le parole dell’estremo difensore in zona mista:

È stata una partita molto dura, loro sono una squadra forte, con molti punti in medo di quelli che meriterebbe secondo me. Sono venuti a fare una gara importante, peccato non essere riusciti ad allungare nuovamente le distanze, ma siamo stati solidi e questo è l’importante. Se le squadre ci lasciano gli spazi è più facile uscire, loro ci hanno pressato molto forte e gli spazi che hanno chiuso nella nostra area ce li hanno concessi più avanti. Per me la prestazione è da tenere, un punto da portare a casa anche se si poteva fare meglio. Lanci lunghi? Noi cerchiamo l’uscita da dietro, delle volte non si riesce e quindi se abbiamo gli spazi chiusi cerco la profondità“.

“Le proteste di Immobile per il recupero? Io non ho parlato con l’arbitro, per me sono cose che contano il giusto. Avrei preferito qualche minuto in più, però se hanno deciso così va bene. Guardando le occasioni in generale si poteva portare a casa la vittoria, non ci siamo riusciti. Poi per gli episodi finali è un punto guadagnato“.

Per me questa è un’esperienza molto positiva: ho avuto la fiducia della società che ha deciso di prendermi, io cerco solo di ripagarla nel quotidiano e in partita. In alcuni casi il mio contributo è stato sufficiente, in altri non sono riuscito ad essere perfetto. Penso faccia parte del percorso di crescita“.

Vedo il bicchiere mezzo pieno. Quello che forse ci era mancato nel tempo era la solidità. In alcuni casi, se non puoi vincere la partita non la devi perdere. Dopo prestazioni di un certo tipo non deve calare l’attenzione. Oggi non è successo. Bisogna dare anche merito agli avversari. Siamo in crescita“.

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW