Connect with us

Per Lei Combattiamo

MOVIOLA – Irrati ferma la Lazio e fa innervosire giocatori e tifosi

Published

on

 


Lazio-Torino non riesce ad essere una partita semplice. Sugli arbitraggi si potrebbero fare talkshow da far rabbrividire quelli sulla politica. Irrati è eccessivamente fiscale, fischia in occasioni dove si poteva tranquillamente lasciar correre. Il risultato è una gara nervosa, resa inutilmente dura e fallosa, nonostante la partenza molto tecnica.

Dopo tre minuti, il contatto in area tra Marusic e Ansaldi è dubbio, ma il montenegrino chiede l’angolo e non il rigore. Al 29′ Rincon ferma Luis Alberto, si accendono gli animi tra il centrocampista granata e Lulic: il fischietto di Pistoia calma la situazione senza utilizzare i cartellini. Al 46′ viene concesso il calcio di rigore al Torino per la trattenuta veniale di Marusic su Belotti e conferma il penalty dopo il silent check con il Var Orsato. Non viene fischiata una trattenuta simile di Meité su Acerbi, la Lazio protesta ma il direttore di gara lascia andare. Il finale all’Olimpico è incandescente con le espulsioni dirette per Marusic all’ 86’ per proteste e Meité al 90’ per aver tentato di schiaffeggiare Acerbi. Corrette le ammonizioni di Rincon al 14′ (trattenuta su Milinkovic-Savic), Correa al 27′ (scontro di gioco con Izzo), Izzo al 41′ (contrasto con Immobile), Luiz Felipe al 57′ (intervento su Belotti) che subito dopo rischia il secondo cartellino per aver fermato una ripartenza dell’attaccante, Luis Alberto al 75′ (proteste nei confronti dell’arbitro), Lukic all’80’ (intervento su Immobile), Rincon al 90′ (intervento irregolare su Lulic) e Leiva al 91′ (intervento su Iago Falque). 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Formello

FORMELLO – Con la Juve rilancio per Lazzari, Patric e Vecino. In attacco torna Immobile

Published

on

 


Novanta minuti da dentro o fuori. L’avversario è al momento indecifrabile per cui sarà una partita tutta da giocare domani sera contro la Juventus. Non ci sarà turnover ma qualche cambio è naturale che Maurizio Sarri lo effettui per avere una squadra carica di energie nervose e mentali. Fra i pali rientra Maximiano che già ha giocato il turno precedente col Bologna. In difesa torna Lazzari sulla corsia di destra con Hysaj confermato sulla fascia mancina, un turno di riposo per Marusic che non era al 100%. In mezzo si riprende la maglia da titolare Patric dal primo minuto e farà coppia con Romagnoli, favorito su Casale. A centrocampo uno dei big partirà dalla panchina, dalle prove di oggi sembra poter toccare a Milinkovic con Vecino quindi che si muoverebbe alla destra di Danilo Cataldi e con Luis Alberto a completare il reparto. Davanti non ci sono dubbi sulla fascia e la maglia a Ciro Immobile, i venti minuti di domenica hanno dato segnali confortanti. Il numero 17 quindi guiderà l’attacco con Felipe Anderson a destra e uno fra Pedro e Zaccagni a sinistra. E’ un ballottaggio aperto con lo spagnolo in leggero vantaggio sull’ex Verona uscito acciaccato dalla sfida contro la Fiorentina.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW