Connect with us

Per Lei Combattiamo

Genoa-Lazio, cosa ha funzionato e cosa no

Lelelamp99@gmail.com'

Published

on

 


Match delicato e incredibile quello tra la squadra di Prandelli e quella di Inzaghi. Biancocelesti pieni di infortuni, con la panchina rappresentata tre/quarti dai primavera. Sfida bloccata fino al momento minuto 44 quando un grande scambio tra Immobile e Badelj porta al vantaggio per la squadra di Inzaghi. Primo gol per il mediano biancoceleste, raggiunto però dal gol molto fortunoso di Sanabria. Il colmo arriva al minuto 93, quando Criscito si inventa la rete della domenica con un gran sinistro dai 24 metri. Stesso tiro di Badelj, pochi minuti di addietro, colpisce la traversa. Questo basta per raccontare il momento laziale. Ma cosa ha funzionato e cosa no in questo match?

Eccoti finalmente!

Ci sono voluti dieci infortuni per farlo uscire fuori. Milan Badelj ha dato, ieri pomeriggio nel match contro il Genoa, la dimostrazione della sua forza. Purtroppo, fino a questo momento, non era riuscito ad esprimersi al massimo, complice anche il solito mostro sacro che si ritrova davanti: Lucas Leiva. Giocate, gestione della palla, grande potenza e gol. Questo ha messo in campo il croato nel match col Genoa, portando a casa un gol, una traversa e tre punti persi. Però una cosa è certa. La Lazio, ora, ha un Badelj in più.

photo Antonio Fraioli

Vice…ma siamo sicuri?

Secondo match giocato dal primo minuto per il brasiliano. Romulo, così come nel primo match contro l’Empoli, ha messo sul terreno di gioco una grandissima determinazione e qualità. Fino al momento della sua uscita era il migliore in campo insieme a Badelj. Qualità, ma soprattutto quantità. Esterno in un centrocampo a cinque o mezzala, il brasiliano mette sempre la stessa energia. Vice di Adam Marusic…siamo sicuri?.

Veramente troppi

Ormai sono diventati veramente troppi. La rosa lunga è stata completamente dimezzata. Gli infortuni sono arrivati ad essere dieci, cinque titolari compresi. Sopperire le assenze è diventato quasi impossibile. L’adattamento di Patric come terzo di difesa ne è la dimostrazione. Ci sono tante partite di fronte, siamo nel clou della stagione. C’è bisogno di tutti e l’assenza di gente come Luis Alberto, Milinkovic e Parolo è veramente troppo. Ora c’è il ritorno col Siviglia, poi il Milan in semifinale e il Derby. Immobile, Milinkovic e Leiva sono i primi ritorni. La Lazio ne ha troppo bisogno.

GENOA, ITALY – FEBRUARY 17: Senad Lulic of Lazio (left) and Davide Biraschi of Genoa vie for the ball during the Serie A match between Genoa CFC and SS Lazio at Stadio Luigi Ferraris on February 17, 2019 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

Bisogna sfondarla!

“Le tante assenze non devono essere un alibi”. Questa è la frase cult del mister biancoceleste Simone Inzaghi in questo periodo. Queste assenze, però, sotto l’aspetto del gol si fanno sentire. Nelle ultime cinque partite la Lazio ha segnato solo un gol. Anche ieri si è assistito a questo. Gol di Badelj e tutti al riposo. Nella ripresa bisogna chiuderla ma, purtroppo, questo non è successo. Miracolo di Radu su Correa e traversa dello stesso croato. Bisogna chiudere i match prima, mister Inzaghi lo ripete a gran voce. I biancocelesti hanno bisogno di gol, ora più che mai.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero| Immobile ci prova ancora

Published

on

 


foto Fraioli

Immobile sta bene, ha voglia di giocare, ma il mondo Lazio è in ansia. Si aspettano solo gli esami che possono evidenziare la presenza o meno di una lesione. Lui avrebbe giocato anche contro l’Inghilterra, ma non si possono prendere dei rischi prima di un tour de force come quello che aspetterà le squadre di Serie A e non solo fino alla lunga sosta dei Mondiali.

 

foto Fraioli

Casale rischia, inoltre, 20 giorni di stop a causa dell’infortunio che lo ha costretto a uscire al 57esimo contro la Cremonese. Il difensore, che era stato motivo di lite tra Tare e Sarri a gennaio, è arrivato per 7 milioni più bonus a luglio rimanendo però uno degli acquisti meno utilizzati. Insieme a lui anche Maximiano: l’estremo difensore pagato più di 10 milioni si è bruciato dopo soli 6 minuti alla prima giornata contro il Bologna. Lui si allena a Formello in questi giorni, ce la sta mettendo tutta per riscattarsi ma si vocifera di un suo trasferimento in prestito già da gennaio.

Il Messaggero

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW