Connect with us

Per Lei Combattiamo

MOVIOLA | Tanti falli, poca cattiveria: gara senza intoppi per Mazzoleni

chiaraluce_paola@libero.it'

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

E’ Paolo Silvio Mazzoleni di Bergamo l’arbitro designato a dirigere Inter-Lazio, posticipo delicato soprattutto per l’alta posta in palio tra le due squadre. La prima frazione di gioco scorre abbastanza fluida, senza particolari interventi gravi. Nessun cattivo finisce nel taccuino del direttore di gara, e complessivamente decisioni corrette e con poche o nulle proteste. Da segnalare, l’intervento del silent check per verificare la posizione di Milinkovic-Savic al momento del gol del vantaggio biancoceleste. Rete giustamente convalidata dopo pochi istanti. Altra decisione particolare del primo tempo: al minuto 36′, calcio di punizione per l’Inter (fallo di Milinkovic-Savic su Asamoah). La squadra neroazzurra calcia a sorpresa, siglando la rete del pareggio; l’arbitro ferma il gioco e fa ribattere: il pallone non era sul giusto punto di battuta.

Tanti falli ma poca cattiveria è il mood anche della ripresa, con Mazzoleni che termina i 90′ senza ammonire alcun giocatore. Al minuto 60, il direttore di gara invita Politano a rialzarsi dopo un contatto di gioco poco fuori l’area di rigore della Lazio. Dopo pochi minuti, Keita colpisce la palla con il braccio in area di rigore biancoceleste: calcio di punizione per la squadra di Simone Inzaghi. Al minuto 68′ c’è un intervento al limite di Luiz Felipe nei confronti di Ivan Perisic: Mazzoleni, sempre molto vicino alle azioni di gioco, lascia proseguire. Intervento giusto anche quello al minuto 71′, quando viene dichiarata involontaria una manata di Romulo su Politano: solo calcio di punizione per l’Inter.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

CdSera | Primo giorno di scuola, però la Lazio resta con il problema numero 1

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

La campanella suonerà alle 8 in punto, anche oggi che è domenica. In clinica Paideia sono in programma le prime visite mediche per iniziare la nuova stagione e si svolgeranno tra oggi e domani. Stamattina arriveranno Radu, Zaccagni e qualche giocatore della Primavera, che poi si aggregherà in prima squadra. Ad aver già svolto le visite sono stati mister Sarri, Cataldi, Marcos Antonio, Cancellieri e Acerbi, che le ha svolte in Nazionale.

I giocatori stanno rientrando a Roma, tra loro c’è anche Luis Alberto che però non è sicuro di rimanere: la pista che porta a Siviglia è calda e, pur di riportarlo in patria, il club andaluso ha messo sul piatto Oliver Torres + 13 milioni. La Lazio spera di ricavarne di più perché il 30% andrà nelle casse del Liverpool e i soldi rimanenti servono a prendere Ilic e Casale dal Verona. Nella trattativa per il difensore potrebbe rientrare anche Raul Moro.

13 milioni sono stati offerti anche per Vicario, che quindi dovrebbe essere il sostituto di Strakosha. Come vice potrebbe esserci Sirigu, ma Sarri apprezza anche Terracciano.

Lo riporta l’edizione romana de Il Corriere della Sera.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW