Connect with us

 

Per Lei Combattiamo

PAGELLE – Luis Alberto pennella e Milinkovic colorano di biancoceleste San Siro. Perfetta la difesa

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Strakosha 6,5 – Piovono palloni in area di rigore e l’albanese è sempre attento e puntuale anche se ogni tanto potrebbe essere meno timido nelle uscite. Corre dei brividi su un paio di conclusioni di Politano dal limite.

Luiz Felipe 7,5 – Gioca praticamente da terzino destro di una difesa a quattro con l’obbligo di arginare Perisic. Il giovane brasiliano fa una gara attenta concedendo al croato il minimo indispensabile per non creare grattacapi ai compagni. Il risultato è lo stesso quando Spalletti gli mette davanti Politano.

Acerbi 7 – Ci impiega qualche minuto per prendere le misure di Keita, appena prese se lo mette in tasca obbligandolo a cercare invano fortune fuori area. Ogni pallone sopra il metro di altezza che varca i sedici metri, entra nel suo territorio di competenza e quindi allontanato.

Bastos 7,5 – Politano, Keita, Vecino, D’Ambrosio e Candreva sono i nerazzurri che si alternano dalle sue parti e finiscono tutti ko. L’angolano è un muro insuperabile che poteva diventare protagonista anche nell’altra area di rigore quando impatta troppo bene di testa colpendo in pieno un Handanovic immobile.

Romulo 7 – Torna titolare e lo fa alla grande. Propositivo quando deve spingere e attento in fase difensiva su Asamoah. L’azione del vantaggio nasce da un suo cross a tagliare l’area per Luis Alberto.

Milinkovic 8 – “Scansate”. Queste le parole che il serbo ha detto a Brozovic mentre lo sovrastava buttando in rete il pallone. Si sblocca con una big, un gol che vale tre punti e lancia la Lazio verso la Champions. Con questo Sergej è legittimo sognare.

Lucas Leiva 7,5 – Dovrebbe giocare davanti la difesa ma in realtà lo vedi comparire in ogni zona del campo. L’aspetto impressionante del brasiliano è che non lo si nota troppo però è sempre presente quando serve.

Luis Alberto 7 – Col pallone fra i piedi fa gioire i compagni, impazzire gli avversari e godere i tifosi. Il cross del vantaggio è un cioccolatino già scartato, per lui semplicemente una delle tante giocate mostrate in poco più di un’ora.

Dal 67′ Parolo 6,5 – Poco meno di mezzora per aiutare i compagni quando l’Inter prova a recuperare la partita.

Lulic 6,5 – La partita si mette subito nel modo che il bosniaco più apprezza. Non si sottrae alla lotta con una prestazione dall’alto tasso di agonismo, difetta in qualche lucidità tecnica ma gli si perdona.

Dall’86’ Durmisi SV

Correa 6 – Meno di mezz’ora dura la partita dell’argentino che si deve arrendere per un fastidio alla schiena. Peccato, le sue ripartenze potevano creare parecchi problemi alla difesa nerazzurra.

Dal 27′ Caicedo 6,5 – Copre su Brozovic, gioca di sponda e ha una grande occasione dove non arriva per un millimetro a calciare bene davanti ad Handanovic. Geniale il tacco per Immobile che calcia debolmente.

Immobile 6,5 – Le poche occasioni che ha le spreca calciando con poca convinzione. Gli si perdona però perchè fino all’ultimo secondo mette a disposizione dei compagni una generosità encomiabile.

 

All. Inzaghi 7,5 – La Lazio e Inzaghi battono l’Inter e Spalletti. Totalmente riaperta la corsa Champions con una prestazione che non ammette repliche nonostante lo 0-1. Questa squadra è in salute e non vuole fermarsi.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Juventus-Lazio, Locatelli all’intervallo: “Felice e onorato di aver giocato con Chiellini e Dybala”

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Alla fine del primo tempo di JuventusLazio, il giocatore bianconero Manuel Locatelli è intervenuto ai microfoni di DAZN: “L’intensità che ci mettiamo, noi siamo la Juve e giochiamo in casa. Dobbiamo abituarci a vincere. Questa è la mentalità che ho visto quando sono arrivato. Con Giorgio sono molto emozionato perchè lui è una grande persona e un grande campione. Mi mancherà tanto, mancherà a tutti. E anche Paolo, è un grandissimo ragazzo. Sono felice e onorato di aver giocato con loro”.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW