Connect with us

 

Per Lei Combattiamo

A Milano per onorare la maglia

enrico.delellis@libero.it'

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Una debacle totale, quella assistita dal popolo biancoceleste all’Olimpico. In una giornata che sarebbe servita agli uomini di Inzaghi per rilanciarsi in ottica Champions League invece terminata con la vittoria del Chievo e forse con l’addio al sogno Europa che conta. Una partita persa ancor prima di scendere in campo, con un atteggiamento irriverente da parte di molti interpreti che ancora una volta hanno dimostrato di non essere all’altezza di una squadra come la Lazio. Il gesto folle di Milinkovic, il nervosismo di Luis Alberto suonano un campanello d’allarme, per una stagione che sta entrando nel vivo. Classifiche alla mano la squadra si trova all’ottavo posto fuori da ogni competizione Uefa, che se si tratta di Europa League e si deve rivoluzionare un’intera squadra, ormai troppo usurata a livello di anagrafe, l’obiettivo di non centrarla potrebbe essere più benefico che maligno.

Le speranze di inizio stagioni sono naufragate nell’ultimo mese. Inutile adesso dare la caccia al colpevole, proprio quando si vince e si dividono i meriti tra staff tecnico, giocatori e allenatore, così dovrebbe accadere nella “sconfitta”. La matematica non condanna Immobile e compagni che nelle restanti partite di campionato affronteranno Sampdoria, Atalanta e Torino, scontri diretti per lottarsi una qualificazione. Prima però mercoledì ci sarà la partita salva stagione biancoceleste la semifinale di ritorno a Milano, dove la squadra dovrà dimostrare di aver capito gli errori commessi in passato e soprattutto di onorare giocando a calcio una maglia e un popolo bistrattati dai giocatori rossoneri appena una settimana fa. È il momento di stare uniti e rinviare i processi semmai ci saranno in estate.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

MOVIOLA | Lazio-Verona: bravo Colombo nella gestione dei cartellini. Sul 3-3 possibile fallo su Kamenovic

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

E’ l’arbitro Andrea Colombo, sezione di Como, a dirigere l’ultima partita della Lazio in stagione. Il 32enne gestisce bene la gara, soprattutto per quanto riguarda i cartellini gialli che vengono sventolati ogni qualvolta serva. Ecco la moviola di Lazio-Verona, finita 3-3:

Al 10′ un replay mostra una forte e continua trattenuta ai danni di Luiz Felipe nel corso della punizione calciata da Cataldi dalla destra. Mentre il pallone percorre rapidamente tutta l’area di rigore, l’italiano viene trattenuto vistosamente. L’arbitro non vede, il VAR non interviene.

Dubbi sul gol del 3-3 del Verona: Hongla colpisce Kamenovic in scivolata dopo che il difensore della Lazio ha preso il pallone che beffa l’uscita di Strakosha.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW