Connect with us

 

Extra Lazio

Allarme terrorismo a Roma, ricercato un siriano. Al telefono: “Domani andrò in paradiso”

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

L’allarme antiterrorismo è scattato ieri sera ed è stato diramato dalla questura a tutte le volanti della capitale: un giovane siriano è stato intercettato mentre annuncia «domani a Roma andrò in paradiso».

Per questo si è deciso di procedere con la massima allerta segnalando che il giovane — identificato con tre possibili identità e con la data di nascita — «si è registrato su Facebook» e indicando anche il nome utilizzato. Nella nota inviata viene raccomandata «la massima attenzione e in caso di rintraccio di procedere al controllo allertando immediatamente i reparti della Digos».

La polizia ha ritenuto di non divulgare le generalità e l’immagine proprio per effettuare ulteriori accertamenti e per verificare la possibilità che lo straniero sia già arrivato in città. Ma anche per approfondire gli eventuali contatti che avrebbe nella capitale. Dell’indagine si occupa l’Antiterrorismo che avrebbe ricevuto alcune indicazioni pure dai servizi segreti. È possibile che il giovane fosse già stato inserito nella lista dei «sospetti» nell’ambito dei monitoraggi che vengono effettuati preventivamente sia negli ambienti ritenuti a rischio, sia su tutti i gruppi del fondamentalismo.

La foto che è stata diramata con la «segnalazione di rintraccio di soggetto pericoloso» mostra un ragazzo con la barba che guarda nell’obiettivo. Si trova a Berlino, in una piazza. L’analisi dell’immagine sembra confermare che si trovi in Pariser Platz, davanti alla porta di Brandeburgo. È stata trovata su Facebook. Secondo le notizie trasmesse è nato in Siria il 5 maggio del 1991, ma anche su questo sono in corso controlli.

Il fatto che abbia deciso di «postare» una foto scattata a Berlino ha riportato al 19 dicembre 2016 quando Anis Amri, tunisino di 25 anni, si lanciò con un camion sulla folla che visitava uno dei mercatini di Natale nel quartiere Charlottenburg, provocando 12 morti e 56 feriti. La fuga del giovane finì in Italia. Amri fu fermato d due poliziotti la notte del 23 dicembre a Sesto San Giovanni all’esterno della staione ferroviaria e ucciso. CorriereDellaSera

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Extra Lazio

Incidente d’auto per Eva Henger e Massimiliano Caroletti: la coppia in ospedale

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Brutta disavventura per Eva Henger e Massimiliano Caroletti, che sono rimasti coinvolti in un grave incidente: il fatto è avvenuto in Ungheria, vicino Kaposvar. Come raccontato da Paolo Pasquali, direttore artistico dell’agenzia che segue la showgirl, la coppia si trova attualmente in ospedale: “Si trovano in due ospedali diversi a 300 km di distanza l’uno dall’altro, dopo l’incidente Massimiliano è stato portato con l’eliambulanza in un posto, lei in un altro“.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW