Connect with us

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero | Milinkovic e la Samp, con Marassi come stadio dei sogni: il serbo pronto per la prima a Genova

Published

on

 


Tonico, carico e concentrato solo sulla Lazio. Milinkovic è recuperato, corre spedito verso la Sampdoria ed è pronto a cominciare il suo quinto anno in biancoceleste. Nessuno avrebbe scommesso un euro che il serbo, a pochi giorni dall’inizio del campionato, potesse essere ancora a disposizione di Inzaghi. Probabilmente, nemmeno lui se lo immaginava. Prima di partire per le vacanze, aveva salutato tutti i compagni e a parecchi sembrava un addio. Invece, nonostante i continui contatti col suo manager, vari chiacchiericci e rumors di ogni genere su Juve, Manchester United e Psg, eccolo qui, ad allenarsi a Formello, a cercare di ritrovare ritmo e condizione migliore dopo il trauma distrattivo all’anca e prepararsi per la prima di campionato. E Sergej non poteva chiedere di meglio che ripartire da Marassi, uno stadio con cui ha un’affinità speciale sia che si giochi con il Genoa, sia che abbia davanti la Sampdoria, anche se più con i blucerchiati, soprattutto sotto la gestione Inzaghi dove la tradizione è più che positiva.
TALISMANO
Il ventuno della Lazio è una vera e propria bestia nera per la Sampdoria. Due delle tre vittorie ottenute a Marassi da quando c’è Inzaghi, portano proprio la firma di Milinkovic-Savic, con due gol decisivi nei due successi, più assist e numeri pazzeschi in mezzo al campo. Una di queste magie, diventò virale sulla rete, con il serbo che agganciò con classe un pallone a campanile in mezzo al campo, si girò all’improvviso per avviare il contropiede e contemporaneamente saltò come birilli prima Torreira, Ramirez e Praet, poi facendo un tunnel a Barreto e verticalizzando per Immobile. Applausi anche dai tifosi blucerchiati. Per non dimenticare la gara del 3 dicembre del 2017, quando fu proprio il serbo che, dopo una partita anonima e con la Lazio sotto di un gol, si accese negli ultimi dieci minuti, segnando la rete del pareggio e, invece di esultare, andò a prendere il pallone in porta, facendo cenno ai compagni di tornare subito a centrocampo, gridandogli “la possiamo vincere”. E così accadde, con Caicedo che realizzò il gol-vittoria al novantesimo. Bella e perentoria, fu pure la rete di testa che s’inventò nel 2016 su assist di Felipe Anderson che portò in vantaggio la Lazio. E pure lì, i biancoceleste raccolsero l’intera posta in palio. Migliore motivazione per rientrare, il centrocampista non poteva averla.
PREMIO MILIONARIO
La piazza e a Inzaghi soprattutto, non pare vero di poter utilizzare Sergej per un altro anno ancora. Il giocatore ora è convinto di restare. La felicità è dettata pure da un sensibile ritocco che il patron laziale farà sul suo ingaggio. Una piccola motivazione in più. Non sarà direttamente sullo stipendio fisso, ma verranno alzati, e di parecchio, i bonus sui gol e sugli assist, un po’ quello che successe al primo anno di Immobile che, grazie ai quasi trenta gol che realizzò in biancoceleste, riuscì a guadagnare oltre tre milioni di euro. Se Sergej, ad esempio, farà una stagione simile a quella di due anni fa, quando siglò 14 reti e 10 assist, a fine campionato, potrebbe portarsi a casa oltre quattro milioni di euro. Niente male. Un trattamento che è stato riservato a Correa e che presto toccherà pure a Luis Alberto. Non è escluso che, come potrebbe accadere per il Tucu, anche per Milinkovic, alla fine Lotito decida di inserire una clausola rescissoria di oltre 120 milioni di euro. Ma questo si vedrà più avanti. Adesso Sergej pensa solo a giocare e con Marassi davanti, tutto può succedere. IlMessaggero

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Calcio

CONFERENZA SARRI: “Siamo stati ordinati, in questo momento fatichiamo a trovare la giocata giusta. Su Pellegrini…”

Published

on

 


Al termine della sfida in casa della Juventus, persa dalla sua Lazio per 1-0, l’allenatore biancoceleste, Maurizio Sarri, è intervenuto anche in conferenza stampa. Queste le sue dichiarazioni, riportate dal sito ufficiale biancoceleste, al termine del match di Coppa Italia:

“La partita è stata interpretata in modo serio, siamo stati ordinati. Siamo in un momento in cui fatichiamo a trovare la giocata giusta in brillantezza nei metri decisivi del campo. Questa sera non abbiamo trovato spazi, sarebbe servita una giocata decisiva negli uno contro uno. L’errore sul gol della Juventus è stato di squadra, non di linea, è arrivato su una terza palla.

Non era facile perché la Juventus ci aspettava bassa, purtroppo il gol preso alla fine del primo tempo ha indirizzato la partita. Pellegrini? Vedremo, purtroppo a Torino abbiamo lavorato poco insieme. Luca è un terzino sinistro di buon piede, i tempi di inserimento dipenderanno da quanto tempo impiegherà a capire la nostra linea difensiva.

Marcos Antonio è un calciatore particolare, lo abbiamo preso quando c’erano idee tattiche diverse. Noi giochiamo con due interni offensivi e lui per caratteristiche non può coprire tanto campo, per questo lo possiamo sfruttare solo quando c’è chi può supportarlo. Maximiano finora è stato sfortunato, in passato una borsite gli ha impedito di allenarsi bene. Adesso sta meglio, vedremo se nelle prossime partite continueremo la sua alternanza con Provedel”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW