Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA | Pantani: “La Lazio è come la Ceres, c’è sempre. La Spal deve giocare per vincere”

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


Conclusa la sosta per le nazionali è tempo di tornare in campo. La Lazio, archiviate le prime due uscite con 4 punti e tanto bel gioco, al rientro sarà impegnata al Paolo Mazza di Ferrara contro una Spal determinata a fare risultato dopo due sconfitte consecutive. A presentare la sfida è intervenuto ai microfoni di LazioPress.it Ubaldo Pantani, noto attore e tifoso spallino, il quale ci ha anche rivelato un piccolo segreto sul tecnico biancoceleste Simone Inzaghi.

Ti aspettavi una Spal a quota zero punti dopo le prime due giornate anche considerando il finale di campionato dello scorso anno?

“Sì, la risposta è sì. In un campionato ci sono degli alti e bassi, anche di fortuna, e quindi ci può stare una partenza del genere. Lo scorso anno abbiamo avuto un grande inizio ed un grande finale con una brutta fase a tre quarti di campionato.  Una squadra come la Spal chiamata a lottare per la salvezza può vivere un’ondata negativa che ti porta a perdere due tre partite soprattutto se ci sono delle condizioni sfavorevoli con cui fare i conti come il calendario o una forma non al top . Nel caso in cui, invece, si presentano condizioni favorevoli si può fare bene. Diciamo che si tratta di una squadra in balia delle condizioni esterne”. 

La Spal ha chiuso la campagna abbonamenti con ben 8 mila abbonati e dunque ti chiedo se la piazza può aver digerito male questa partenza…

“Spero proprio di no. Lo scorso anno mi hanno fatto rabbrividire alcuni articoli od interviste dove si sognava un campionato addirittura da metà classifica. Io la Spal l’ho vista in C2, sono tifoso dal 1979 e dunque ricordiamoci da dove siamo venuti. L’obiettivo per me dovrebbe essere salvarsi per cinque anni di seguito all’ultima giornata. A quel punto si può cominciare a pensare di salvarsi con due giornate di anticipo. Il nostro obiettivo deve essere lottare fino all’ultima giornata per ottenere la permanenza in Serie A”. 

Guardando in casa Lazio. Come giudichi la partenza dei biancocelesti?

“L’innesto di Lazzari è stato perfetto. Mi fa doppiamente piacere perchè era nostro ed è un giocatore con caratteristiche uniche anche per quanto riguarda la nazionale. È il calciatore di fascia che lo scorso anno ha fornito più assist. Può far molto comodo ad un organico con una precisa identità e collocazione tattica come la Lazio ed anzi è più utile alla Lazio che in altre squadre. Nell’impianto di gioco di Inzaghi è perfetto. La Lazio c’è sempre, è come la Ceres”.

La domanda sorge spontanea. È sufficiente Lazzari per tentare l’assalto al quarto posto o servire ancora qualche altro acquisto?

“No, non serve nulla. Le squadre che cambiano meno sono molto più vincenti perchè un giocatore che faccia veramente la differenza la Lazio non può permetterselo, così come non può permetterselo la Roma o altre squadre. Un calciatore determinante lo possono acquistare solo i top club, come l’Inter con Lukaku. L’unico esterno che in Italia fa la differenza lo ha preso la Lazio, una società che ogni anno cambia poco e che aspetta che i propri calciatori maturino ed esplodano come avvenuto con Milinkovic-Savic e Luis Alberto. Le grandi società che vincono qualcosa cambiano pochi giocatori”. 

Quindi possiamo dire che il vero colpo estivo di Lotito sia stato trattenere Milinkovic-Savic?

“Esatto. La bravura della Lazio è stata quella di comprare Lazzari, trattenere Milinkovic-Savic e non comprare giocatori inutili. I fatti parlano. Le squadre che cambiano poco sono più vincenti. La Fiorentina è costretta a ripartire, la Roma idem. Io sono un estimatore di Lotito per quanto riguarda la gestione della squadra”.

La Spal con la cessione di Lazzari ha perso il suo vero top player…

“Per noi la cosa più importante è aver trattenuto Semplici. Il mister è il valore aggiunto della squadra. La Spal ha un’identità di gioco precisa e di volta in volta fa un po’ di turn over. Il segno di forza di Semplici sta nel fatto che ogni partita è possibile intuire la formazione che scenderà in campo, così come avviene per Inzaghi, Sarri, Conte o Allegri. Gli allenatori che non permettono di predire la formazione secondo me non sono vincenti”.

Dunque domenica ti aspetti una Spal che faccia il suo gioco per provare a vincere anche a costo di rischiare la terza sconfitta consecutiva?

“La Spal deve cercare di vincere la partita giocando come sa fare, ossia praticando un calcio accorto, di possesso palla e provando a far male quando si presenterà l’opportunità”.

Una curiosità. Se dovessi scegliere un calciatore della Spal ed uno della Lazio da imitare chi sceglieresti? Perché?

“Per la Spal sceglierei Petagna. Sembra il nipote di Vieri. È veramente un personaggio in tutto, ad esempio nel modo in cui si veste. In casa Lazio mi piace Inzaghi e devo dire che ci ho fatto un pensierino. Arriva alle partite già con le corde vocali “cucinate”. Inizia ad urlare il lunedì ed arriva alla domenica con la voce fioca. Urla tantissimo e questa cosa mi fa ridere tantissimo (ride n.d.r.). Penso sia una cosa che va avanti da anni ormai”.

In conclusione. Seguendo il ragionamento del “vince di più chi cambia meno”, ritieni che al momento la Lazio sia la favorita per la lotta al quarto posto?

“No. Ma proprio per il fatto che non lo è, potrebbe diventarlo”.

 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Esclusiva

ESCLUSIVA | L’ex Bologna Castellini: “Sarri mi piace, la Lazio darà fastidio. Il Bologna ha bisogno di Mihajlovic”

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


Fra qualche giorno Lazio e Bologna daranno il via al loro campionato, sfidandosi sul campo dell’Olimpico domenica 14 agosto per accaparrarsi i primi tre punti della stagione. Per l’occasione, abbiamo raggiunto Marcello Castellini, ex difensore del Bologna, per una breve intervista.

Finalmente ricomincia il campionato e la Lazio affronterà il Bologna, sua ex squadra. Cosa si aspetta da questo match?

E’ l’inizio del campionato, quindi sicuramente saranno partite non attendibilissime, nel senso che le squadre purtroppo ancora non sono complete. Il mercato sarà aperto fino alla quarta giornata e sarà così per tutte le squadre, quindi diciamo che sarà un inizio difficoltoso e altalenante per tutti, come abbiamo visto in Coppa Italia, dove molte squadre di Serie A hanno faticato. Sarà una partita complicata sotto tutti i punti di vista sia per la Lazio che per il Bologna.

Per quanto riguarda il Bologna, pensa che il progetto della società avrà continuità?

E’ chiaro che ad oggi la condizione fisica di Mihajlovic sta falsificando un pochino quello che è il percorso del Bologna. Speriamo che il mister come abbia superato il primo step superi anche il secondo, che è il più importante, e riprenda in mano una squadra che ha bisogno di lui sia come persona che come allenatore. Credo che il Bologna abbia bisogno di una figura importante come lui, speriamo torni il prima possibile.

Come pensa che si piazzerà il Bologna in questa stagione?

Sono un po’ di anni che si parla di questo famoso decimo posto. Reputo questo campionato ancora più difficile di quello dell’anno scorso, specialmente con il mercato che sta facendo la società: al momento ha venduto giocatori molto forti e ancora non ha preso giocatori perlomeno conosciuti. Magari quei due/tre ragazzi saranno una sorpresa, ma c’è bisogno di qualcosa di più importante. Ad oggi non vedo la squadra da decimo posto, la vedo leggermente indebolita rispetto allo scorso anno. 

Nella sua carriera ha militato anche nella Sampdoria, che affronterà la Lazio alla quarta giornata. Come vede il percorso dei biancocelesti nelle prime cinque partite, in cui incontreranno anche big come Inter e Napoli?

La cosa più interessante della Lazio è che è al secondo anno di Sarri, quindi sarà più facile seguirlo rispetto allo scorso anno. Sono stati acquistati giocatori interessanti e, anche se la Lazio non parte fra le favorite per piazzarsi lì davanti, penso che nel corso della stagione potrà dare molto fastidio. E’ una squadra interessante e a me Sarri piace molto, si vedrà molto di più la sua mano quest’anno. 

Pensa che la Lazio potrà migliorare la posizione in classifica della scorsa stagione?

Migliorare non saprei, altre squadre hanno fatto una campagna acquisti interessante e si sono rinforzate, vedi la Roma o la Fiorentina. Secondo me, però, con un anno di maturazione in più migliorerà decisamente la qualità in campo.

L’anno scorso la squadra ha avuto problemi nel reparto arretrato. Lei ha giocato come difensore centrale, come giudica i nuovi acquisti in difesa? 

Romagnoli è un giocatore di esperienza, non è semplice giocare nel campionato italiano, specialmente dietro. E’ il ruolo più difficile da ricoprire, ma la Lazio ha preso dei giocatori interessanti e secondo me si vedranno dei miglioramenti.

Un’ultima domanda sulla stagione che sarà. Quest’anno ci sarà una lunga sosta invernale per via dei Mondiali, che piega pensa che prenderà il campionato italiano?

Sarà una novità. La preparazione delle squadre è chiaramente diversa da quella degli altri anni e nel periodo di sosta si potrà fare un ricarico di lavoro con i presenti. E’ un percorso che tutti affronteranno per la prima volta, è anche difficile farsi un’opinione in merito.

 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW