Connect with us

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero | Lazio, Inzaghi si prepara per l’esame di leadership

Published

on

 


Qui si fa la rivoluzione. Non l’ha fatta in estate Lotito, ci pensa Inzaghi nella gestione. Sostituisce senza alcuna distinzione. Col Parma spiazza Immobile, lo fa andare nel pallone. Sono finite le vacanze insieme, la loro amicizia non può più condizionare le scelte. Martedì fuori il bomber nella sua logica del turnover, ecco l’exploit d’insubordinazione. Prima riprende Ciro in campo, Simone, nello spogliatoio alla fine: «Non ti puoi permettere di reagire così alla sostituzione, devi avere rispetto per chi deve entrare». E soprattutto per chi (Caicedo) in Romania c’è voluto andare. Inzaghi ha cambiato dopo Cluj il copione. Pare infatti che Immobile avesse chiesto al tecnico, per motivi di famiglia, di risparmiargli quella trasferta. Lui lo ha accontentato e poi si è preso la colpa. Ma già dopo il ko di Ferrara, il mister aveva deciso di prendere il bastone e mollare la carota: «Io non guardo più nessuno in faccia». In effetti ha sostituito Ciro stavolta, ma nemmeno lui s’aspettava una reazione così isterica.

CAMBIO DI ROTTA
Torna la vittoria insieme a un piano per il futuro. Inzaghi deve riprendersi la leadership col pugno duro. Sinora era sempre andato incontro a ogni giocatore, aveva permesso alla squadra di santificare (con riposi mirati) tutte le feste. Per gestire il gruppo si era spesso affidato ai leader e aveva avuto un occhio di riguardo per ogni senatore. Questo però non può trasformarsi in autogestione. Dopo quattro anni, è arrivato il momento di far sentire solo la sua voce. In passato era toccata a Hoedt a Napoli e Keita in ritiro la ribellione, Luis Alberto si è fatto sfuggire mille parole, Lukaku è arrivato tardi o in sovrappeso alle sedute. L’anno scorso Immobile aveva già sgarrato a Firenze, ma ora è stato troppo plateale: «A volte la pressione e la tensione ci fanno fare cose che non dovremmo fare. E’ lecito chiedere scusa ai miei compagni e al mister per il mio comportamento dopo la sostituzione. Tutti sbagliano, l’importante è imparare e non ripetere l’errore». Lo ha capito ieri, di prima mattina, Immobile. Ha postato su Instagram le sue scuse. Non aveva nemmeno esultato al raddoppio, tanto era arrabbiato. Domenica era uscito in fretta e furia dal tunnel dell’Olimpico senza incontrare Lotito nel sottopassaggio.

CIRO TRA PERDONO E MULTA
Verrà multato, ma perdonato. Sarà titolare comunque domani a San Siro. Perché la Lazio in realtà non può prescindere contro l’Inter da Ciro. Ha appena segnato il quarto centro in campionato, è tornato a far gol dopo 10 mesi in casa su azione. Immobile era furioso perché voleva far vedere al ct Mancini in tribuna quanto potesse essere utile anche per la Nazionale. In realtà ha mostrato quanto sia fragile mentalmente quando non è al centro dell’attenzione. Anche per questo in estate non è stato preso un attaccante. Immobile soffre troppo (come in azzurro) la competizione, ma Inzaghi e la Lazio non devono diventare prigionieri del suo umore. IlMessaggero

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

SERIE A – L’AVVERSARIO | Tutto quello che c’è da sapere sulla Fiorentina

Published

on

 


Inizia la seconda parte del campionato di Serie A: domenica alle ore 18:00 sarà LazioFiorentina. Allo Stadio Olimpico i biancocelesti ospitano i Viola di Vincenzo Italiano in una sfida fondamentale in ottica Champions, considerando che la vittoria dei capitolini consentirebbe loro di consolidare un’ottima posizione nella zona alta della classifica.

photo Antonio Fraioli

LA FIORENTINA. La squadra di Italiano presenta una situazione diametralmente opposta alla Lazio in termini di risultati: a differenza dei biancocelesti, i Viola vengono da due sconfitte consecutive, tra cui l’ultima proprio in casa contro il Torino. Al momento militano in una zona anonima della classifica: la Fiorentina è a 11 punti dalla zona retrocessione e a 5 punti dal settimo posto che le permetterebbe loro di tornare in Conference League.

LA FORMAZIONE (4-2-3-1) – Terracciano; Dodo, Milenkovic, Igor, Biraghi; Amrabat, Duncan; Ikoné, Bonaventura, Gonzalez; Kouamé.

LA STELLA. Per dare una risposta positiva di ripresa la Fiorentina proverà ad affidarsi a Sofyan Amrabat, ancora non al top della forma. Il centrocampista è chiamato a fare la differenza in campo in questo girone di ritorno, soprattutto dopo la prestazione negativa nella scorsa gara contro il Torino: da una sua apertura sbagliata è scaturito il gol di Miranchuk. In questa seconda parte di campionato Italiano proverà a fare affidamento su di lui e su Mandragora per agevolare la fase offensiva.

IL PRECEDENTE. L’ultimo incontro tra le due squadre si è disputato il 10 ottobre 2022. Un dominio tutto biancoceleste quello che è andato in scena al Franchi, con gli uomini di Sarri che si sono imposti di misura sulla Fiorentina per 4 a 0, grazie alle reti di Vecino, Zaccagni, Luis Alberto e Immobile.

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW