Connect with us

Per Lei Combattiamo

Nicoli sulla morte di Paparelli: “Giocammo per evitare disagi di ordine pubblico”

Published

on

 


Nel giorno del quarantesimo anniversario dall’uccisione di Vincenzo Paparelli l’ex attaccante biancoceleste Aldo Nicoli, attraverso i microfoni di Lazio Style Radio, ha ripercorso quel tragico 28 ottobre 1979 e la sua avventura con i biancocelesti: “Ho preso parte solamente due derby, ma ambedue significativi. Uno perché ho fatto goal, l’altro invece per la tragedia di Paparelli. Qualche anno fa ho conosciuto Gabriele, il figlio di Vincenzo. Quella famosa stracittadina ha prodotto in me ricordi collegati a ciò che successe dopo: nel suo libro, Gabriele Paparelli ha narrato in modo straziante alcuni episodi di odio che hanno caratterizzato la vita dei familiari più stretti del tifoso biancoceleste negli anni successivi all’evento. Ciò ha suscitato in me uno shock maggiore rispetto alla storia stessa. Quel giorno non sapevamo precisamente cosa fosse successo. Giocammo la partita per evitare disagi di ordine pubblico e per distogliere le attenzioni dei presenti allo stadio. Non si trattò di un proforma, non accadde nulla di “concordato”, tutte e due le squadre volevano evitare di surriscaldare ancora di più gli animi. Per noi quella fu un’ annata stagione disgraziata; a livello personale venivo da un infortunio e collezionai poche apparizioni. Poco dopo avrei finito di giocare. La mia esperienza con la Lazio fu breve ma intensa. Il tutto si concentrò in tre stagioni, nel corso delle quali giocai un anno e mezzo”.

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Massimo Maestrelli e la Curva intitolata a papà Tommaso: “Chiamale se vuoi… Emozioni” | FOTO

Published

on

 


Oltre al successo della Lazio contro lo Spezia per 4-0, la giornata di ieri è entrata di diritto nella storia biancoceleste. Prima del match contro i liguri, è stata intitolata ufficialmente la Curva Sud a Tommaso Maestrelli, allenatore della Lazio vincitrice del primo Scudetto. Al taglio del nastro, oltre al Presidente della Lazio Claudio Lotito, era presente anche il figlio di Tommaso, Massimo Maestrelli, che ha ricevuto un targa commemorativa.

Questa mattina, lo stesso Massimo, ha ricordato la giornata di ieri attraverso Instagram. L’immagine pubblicata è accompagnata dal messaggio in ricordo di papà Tommaso: “E chiamale se vuoi… Emozioni, Babbo”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Max (@max_mauri)

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW