Connect with us

Per Lei Combattiamo

Liverani: “Tornare a casa è bello, cinque anni non si possono cancellare. Peruzzi? Un leader, mi ha tracciato la strada”

Published

on

 


Domenica, allo Stadio Olimpico di Roma, a sfidare la Lazio, sarà il neo promosso Lecce. Non sarà una partita come le altre, in particolar modo per l’allenatore dei salentini, ovvero Fabio Liverani, ex Lazio, che ha vestito la maglia biancoceleste per cinque stagioni, dal 2001 al 2006. In vista del match in programma alle ore 15:00, l’allenatore romano, ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport, per parlare del suo passato alla Lazio, ma anche del suo presente con il Lecce.

Il suo racconto del passato in biancoceleste è chiaro, ha spiegato come è approdato alla Lazio nel momento più importante della sua carriera. Dopo un inizio difficoltoso, ha capito il senso di appartenenza ed è stato tutto un crescendo, fino a chiudere con la fascia da capitano al braccio. Fabio ha anche vinto una Coppa Italia con la maglia della Lazio ed ha spiegato come i momenti successivi al trionfo, non sono stati facili, visto che era la fine di un ciclo, e molti giocatori andarono via.

Liverani è ricordato dal popolo biancoceleste anche per quel famoso derby del 6 gennaio 2005, quando la Lazio vinse per 3-1 contro la Roma. Non poteva mancare il suo ricordo, di una partita straordinaria. Fù autore di due assist: il primo per il gol sotto la Sud di Paolo Di Canio, ed il secondo per il terzo gol, quello di Tommaso Rocchi, che ha chiuso la partita.

Il senso di appartenenza è rimasto, spiega come questi cinque anni alla Lazio non si possono cancellare, in una società piena di storia e passionalità.

Oltre ai momenti belli in maglia biancoceleste, ha affrontato anche il tema della sua cessione a parametro zero, un momento difficile, la trattativa più lunga della sua carriera. L’incomprensione con il Presidente, il mancato rinnovo è stato più un discorso personale che per il fattore economico.

Tra i vari argomenti è stato toccato anche quello che riguarda Angelo Peruzzi, suo compagno di squadra proprio alla Lazio. Secondo lui averlo riportato alla Lazio è stata la vittoria più grande, è una delle poche persone così carismatiche, con personalità ed attaccate alla maglia. E’ stato molto importante per lui averlo come compagno, un vero leader da cui ha imparato tanto e non vede l’ora di tornare all’Olimpico per abbracciarlo.

Infine ha detto la sua sull’allenatore della Lazio, Simone Inzaghi: spiega come insieme hanno fatto i corsi per diventare allenatori, ha fatto i complimenti ad Inzaghi perchè si è meritato questa opportunità, ed ora sta meritando tutto quello che di buono sta raccogliendo.

In chiusura ha parlato anche della partita tra il suo Lecce e la Lazio, una partita difficile per i suoi, ma che affronteranno con attenzione ed umiltà, sapendo che hanno di fronte una squadra che, secondo lui, nei 13/14 titolare, dopo la Juventus, non è inferiore a nessuno. Oltre ad elogiare Immobile, è entusiasmato dal gioco di Luis Alberto, più dinamico da come giocava lui nella Lazio, dotato di pensiero ed esecuzione, visto che vede il gioco prima degli altri.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

SERIE A | La Juventus trionfa all’Arechi: battuta la Salernitana

Published

on

 


Termina l’ultimo incontro di questa 21esima giornata di Serie A tra Salernitana e Juventus. A trionfare è stata la squadra di Massimiliano Allegri con un netto 0-3 firmato Vlahovic (doppietta) e Kostic. Con il successo odierno i bianconeri si portano a quota 26 punti in decima posizione, mentre i granata con la sconfitta rimediata rimangono in sedicesima posizione con 21 punti.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW