Connect with us

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero | Lazio, dialoghi sullo scudetto

Published

on

 


Scudetto. Diciamolo francamente accostare questa parola alla Lazio fa un certo effetto. Ricorda molto uno di quei baci passionali che da tempo non si riceve più. Fa quasi paura perché si è persa l’abitudine. Ma dall’altro lato c’è quell’attrazione fatale che ti spinge ad andare oltre. Anche a dispetto della ragione che ti dice lascia stare è una pazza idea. Ma le grandi imprese nascono proprio dalla follia. Anche al minuto 92 di Cagliari-Lazio con soli 5 minuti a disposizione sembrava un’eresia pensare di vincerla. E invece i biancocelesti ci hanno creduto. Della serie «Amami o faccio un Caicedo». A Roma non si parla d’altro che di Scudetto. C’è chi allontana l’idea ma solo per una questione scaramantica e chi invece inebriato dalle 8 vittorie di fila si lascia andare a sogni di gloria. Ma la Lazio può vincerlo davvero?

PERCHÉ SÌ
1) Prima di tutto i numeri. Al giro di boa essere a soli 3 punti dalla vetta impone a guardare più in alto. Otto vittorie di fila non sono frutto del caso ma di una squadra che è diventata matura. Inzaghi può contare sul miglior attacco (insieme all’Atalanta) e la terza miglior difesa. Insomma la Lazio segna tanto e subisce poco. Un trend tipico delle squadre che lottano per lo scudetto.
2) La Lazio, rispetto a Juventus e Inter che hanno cambiato molto a cominciare dal tecnico, ha un gruppo collaudato. Inzaghi lo ha costruito e plasmato in tre anni. Simone conosce benissimo pregi e difetti della piazza romana e sa come affrontare le crisi. Ha messo pressioni rispetto a Sarri e Conte che hanno l’obbligo di vincere lo scudetto. Inoltre fare un salto così in alto regala quella spinta in più che magari la Juve che viene da 8 titoli di fila non ha più.
3) E’ sicuramente la squadra più in forma del campionato. Tutto gira a meraviglia e dalla sua ha anche un pizzico di fortuna. A detta di molti, soprattutto alla luce delle ultime vittorie è l’anno dei biancocelesti. Inzaghi è stato bravo a creare un modulo per far coesistere Milinkovic, Luis Alberto, Correa e Immobile. E soprattutto a ridisegnare il ruolo di Sergej, ora molto più di contenimento. Inoltre i biancocelesti lottano solo per il campionato.

PERCHÉ NO
1) La Lazio non è abituata a stare così in alto. Mancano ancora 23 partite e le pressioni aumenteranno a dismisura. Più occhi addosso equivalgono a maggiori “attenzioni”. Il gruppo è forte ma dovrà esserlo ancora di più negli inevitabili scivoloni che ci saranno. E soprattutto continuare a mantenere la stessa mentalità vincente.
2) Inzaghi ha sempre avuto tutta la squadra a disposizione. Non ha mai dovuto fare i conti con gli infortuni nei ruoli chiave come accaduto all’Inter ad esempio. Conte al ritorno dalla sosta riavrà la squadra al completo e di sicuro cambierà ritmo. Sarri ha l’obbligo di vincere, non farlo equivarrebbe a fallire. Al primo anno alla Juve rischia già di bruciarsi. La panchina di Inzaghi è molto più corta e ha meno qualità rispetto a quelle dei bianconeri e dei nerazzurri.
3) C’è il rischio che a sognare siano più i tifosi che la società. E’ vero c’è un premio scudetto ma poi nei fatti a gennaio difficilmente arriverà un rinforzo di livello per fare l’ulteriore salto. Il rischio è che ci si possa accontentare della Champions senza credere alla pazza idea. A questo punto diventa quasi un dovere fare un Caicedo. IlMessaggero

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Lazio, Cataldi torna sulla vittoria con il Milan: “Grande serata, insieme possiamo fare grandi cose” | FOTO

Published

on

 


Quella vista ieri sera è stata una delle migliori Lazio della stagione, se non proprio la migliore. Di Milinkovic-Savic, Zaccagni, Luis Alberto e Felipe Anderson le firme sul 4-0 finale contro il Milan. Danilo Cataldi, attraverso un post sul proprio profilo ufficiale Instagram, è tornato sul successo biancoceleste contro i rossoneri, continuando ad esultare, ma tenendo alta la guardia. Le immagine pubblicate, sono accompagnate dal messaggio: “Una grande serata davanti alla nostra gente. Continuiamo con questa voglia, tutti uniti. Insieme possiamo fare grandi cose”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Danilo Cataldi (@danilocat32)

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW